Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

Di

Editore: Bompiani

3.7
(3754)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 446 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Svedese , Francese , Olandese , Danese , Tedesco , Portoghese , Norvegese , Spagnolo , Catalano , Chi tradizionale , Inglese

Isbn-10: 8845266524 | Isbn-13: 9788845266522 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Margherita Podestà Heir

Disponibile anche come: eBook , Altri

Genere: Fiction & Literature , History , Humor

Ti piace Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il titolo più venduto in Svezia nella corsa stagione. Allan Karlsson compie cento anni e per l'occasione la casa di riposo dove vive intende festeggiare l'evento: Allan, però, è di un'altra idea e decide di punto in bianco di scappare. Con le pantofole ai piedi scavalca la finestra e si dirige alla stazione degli autobus. Lì ruba la valigia a un giovane biondo dall'aria feroce, sale sul primo autobus che gli capita e inizia così, sbarcando in uno sperduto villaggio svedese sconosciuto, una serie esilarante di equivoci e di incontri, anzitutto con Julius Jonsson - un settantenne ladro e truffatore. I due dovranno sfuggire al biondo che li insegue, e finiranno col farlo fuori dandogli una botta in testa con un asse. Poi, aprendo la valigia rubata, scopriranno che è piena di 52 milioni di corone svedesi, e inizieranno quindi la loro fuga dalla polizia e da una gang criminale che vuole recuperare il denaro, in un viaggio rocambolesco tra Mercedes, camion e donne fatali. Finiranno nell'esotica Bali, dove Allan troverà l'amore: l'ottantenne Amanda.
Ordina per
  • 5

    Debo confesar que era un poco reticente a leerlo porque pensaba (por la publicidad de DKV seguros) que se trataba de otro de esos libros de auto ayuda... Pero al leerlo me he llevado una grata sorpresa. Las aventuras de este anciano, me han hecho reír, y he pasado muy buenos ratos con su lectura, ...continua

    Debo confesar que era un poco reticente a leerlo porque pensaba (por la publicidad de DKV seguros) que se trataba de otro de esos libros de auto ayuda... Pero al leerlo me he llevado una grata sorpresa. Las aventuras de este anciano, me han hecho reír, y he pasado muy buenos ratos con su lectura, que es de lo que se trata. Muy recomendable.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Un Forrest Gump un po' cinico scritto da Pippi Calzelunghe e Quentin Tarantino

    Il tranquillo vecchietto Allan Karlsson, il giorno del suo centesimo compleanno abbandona la casa di riposo e dove va?
    Alla stazione degli autobus..e lì..
    Inizia una storia pirotecnica, in cui come per concrezione si aggiungono nuovi personaggi strambi e originali (originali, non irre ...continua

    Il tranquillo vecchietto Allan Karlsson, il giorno del suo centesimo compleanno abbandona la casa di riposo e dove va?
    Alla stazione degli autobus..e lì..
    Inizia una storia pirotecnica, in cui come per concrezione si aggiungono nuovi personaggi strambi e originali (originali, non irreali): ci sono alcuni cattivi così stupidi nella loro cattiveria che per questo abbandonano la storia (e, detto per inciso, la loro vita) in maniere così ridicole da risultare più comiche che tragiche..c'è una donna con un elefante..
    ma tutto poi si incrocia con la vicenda di Allan, che come Forrest Gump (amante dell'acquavite, non dei cioccolatini) incrocia i più importanti personaggi del Novecento, giudicandoli senza ideologie politiche..così si può essere amico di Francisco Franco e di Mao, di Truman e di Stalin, senza apparente contraddizione..
    anche di Einstein, ma quello meno famoso..
    aspettiamo la fine..

    ha scritto il 

  • 4

    Romanzo totalmente surreale, ma molto divertente. La vita incredibile di uno svedese, che vive un'ultima avventura da centenario. Scanzonato ed improbabile, Jonasson ci regala divertimento in abbondanza. Voto: 8+/10.

    ha scritto il 

  • 4

    Attratta dalla copertina...

    Sono stata attratta dalla copertina (una delle più riuscite negli ultimi anni direi) e poi sono stata conquistata da questo esilarante libro. chi non vorrebbe una vita come quella di Allan?

    ha scritto il 

  • 3

    Una sorta di Forrest Gump che, nella sua ingenuità, viene coinvolto ed addirittura scopriamo essere spesso l'elemento chiave, degli avvenimenti più importanti del XX secolo, incontrando tutte le figure politiche di spicco del panorama mondiale, ma rimanendo sempre fedele a se stesso. Se la trama ...continua

    Una sorta di Forrest Gump che, nella sua ingenuità, viene coinvolto ed addirittura scopriamo essere spesso l'elemento chiave, degli avvenimenti più importanti del XX secolo, incontrando tutte le figure politiche di spicco del panorama mondiale, ma rimanendo sempre fedele a se stesso. Se la trama può essere intrigante, lo stile, inizialmente coinvolgente, alla lunga annoia e risulta essere molto ripetitivo.

    ha scritto il 

  • 3

    Una sorta di Forrest Gump che, nella sua ingenuità, viene coinvolto ed addirittura scopriamo essere spesso l'elemento chiave, degli avvenimenti più importanti del XX secolo, incontrando tutte le figure politiche di spicco del panorama mondiale, ma rimanendo sempre fedele a se stesso.
    Se la ...continua

    Una sorta di Forrest Gump che, nella sua ingenuità, viene coinvolto ed addirittura scopriamo essere spesso l'elemento chiave, degli avvenimenti più importanti del XX secolo, incontrando tutte le figure politiche di spicco del panorama mondiale, ma rimanendo sempre fedele a se stesso.
    Se la trama può essere intrigante, lo stile, inizialmente coinvolgente, alla lunga annoia e risulta essere molto ripetitivo.

    ha scritto il 

  • 2

    Ah, Jonas Jonasson, furbacchione!


    Copi ignobilmente Paasilinna, e pure lo citi! Grandissimo figlio dell'IKEA e di tutti i mobili componibili di questo mondo!


    Racconto leggero leggero che nonostante l'estenuante carellata di eventi storici in cui il protagonista Allen viene coinvolto ...continua

    Ah, Jonas Jonasson, furbacchione!

    Copi ignobilmente Paasilinna, e pure lo citi! Grandissimo figlio dell'IKEA e di tutti i mobili componibili di questo mondo!

    Racconto leggero leggero che nonostante l'estenuante carellata di eventi storici in cui il protagonista Allen viene coinvolto e che privano il racconto di qualunque verosimiglianza, anche astratta, non mi ha divertito più di tanto.

    Riservato agli estimatori di Paasilinna (tra cui io non mi trovo) da cui l'autore ha attinto a piene mani sia per stile che per tipologia di personaggi, tutti (o quasi) beoni e privi di compasso morale.

    ha scritto il 

  • 5

    Libro meraviglioso, originale, spensierato e divertente!! Peccato la mole del libro che è sicuramente più facile da leggere come eBook.
    Consigliato, consigliato, consigliato!

    ha scritto il 

Ordina per