Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il cerchio della ragione

Di

Editore: Einaudi

3.5
(48)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 498 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 880616239X | Isbn-13: 9788806162399 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: V. Mantovani

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Il cerchio della ragione?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In un paesaggio coloratissimo, animato dalle voci di infiniti personaggi, si snodano, dai dintorni di Calcutta alle sabbie del Sahara, le mille e una avventure del giovane Alu, che deve il suo nome a una testa tutta bernoccoli come una patata ("alu" appunto).
Ordina per
  • 4

    Mi sono lasciato cullare da questo romanzone, lungo quasi 500 pagine. Non so se sono riuscito a capire tutto quello che Ghosh voleva raccontare, ma poco importa. Ho goduto delle atmosfere, dei personaggi, della geografia, dei racconti nei racconti, della coralità. Ho viaggiato, dall’India all’Alg ...continua

    Mi sono lasciato cullare da questo romanzone, lungo quasi 500 pagine. Non so se sono riuscito a capire tutto quello che Ghosh voleva raccontare, ma poco importa. Ho goduto delle atmosfere, dei personaggi, della geografia, dei racconti nei racconti, della coralità. Ho viaggiato, dall’India all’Algeria, passando per mari e deserto. Ho imparato che lingua e cultura uniscono e dividono a ogni latitudine, che tante storie che noi crediamo tipiche della nostra cultura occidentale sono il frutto di una storia in cui la separazione tra Oriente e Occidente non era così assoluta come oggi vogliamo credere. Mi sono fatto incantare da storie di donne generose e appassionate, uomini curiosi e ossessionati da un’idea, passioni perdute, fratellanza. Un enorme affresco in movimento, in un epoca imprecisata, fra una tradizione che mostra tutte le sue contraddizioni e un progresso malato, lontano dai bisogni di uomini e donne. Un libro strano, con una storia strana, senza un vero inizio e una vera fine. Probabilmente un libro che non può lasciare indifferenti, o lo si ama – come è successo a me – o lo si rigetta fin dalle prime pagine. In ogni caso, per quanto mi riguarda, l’ennesima conferma per quanto riguarda Ghosh.

    ha scritto il 

  • 4

    Non avevo vicino una matita, solo una penna un pezzo di carta e invece d'alzarmi segno su quel pezzo di carta le pagine bellissime che - mi dico - a fine lettura riguarderò e trascriverò.
    Ed ecco uno dei grandi drammi della mia vita: rinviare.
    Così leggo tutto il libro condannata ad avere accanto ...continua

    Non avevo vicino una matita, solo una penna un pezzo di carta e invece d'alzarmi segno su quel pezzo di carta le pagine bellissime che - mi dico - a fine lettura riguarderò e trascriverò. Ed ecco uno dei grandi drammi della mia vita: rinviare. Così leggo tutto il libro condannata ad avere accanto quel pezzo di carta ed una penna. Quando lo leggo c'è un pezzo che è come una folgorazione. C'è lui che è il padre che dice alla figlia dottoressa, vedi, qui in india il nostro problema è che non finiamo mai le cose che iniziamo. [Ma ovviamente non dice solo questo, ed è scritto benissimo.] E siccome questo è anche il grande problema della mia vita, lo rileggo e mi dico che devo scriverlo subito o trasgredire alla mia stupida regola e segnarlo, ma rinvio. Poi lo finisco. Intanto lei mi chiede se ho un libro da prestarle, questo questo le dico. E per un po' non ci penso più. Un giorno vedo che sta per finirlo, apro e cerco quel foglio con le pagine segnate perchè voglio - stavolta sì - trascrivere il discorso del padre. Ma il foglio non c'è. Disperata le chiedo se ha già letto la parte del padre la dottoressa l'india e non finiamo le cose. No, dice, e sospiro tranquilla e le chiedo di dirmi quando legge quelle righe. Ma poi le sfugge. E un altro mio problema è che ho la tendenza a dare la colpa agli altri, ma non devo, lo so che non devo.

    ha scritto il 

  • 5

    Voglio condividere con voi l'entusiasmo per la lettura di questo romanzo di Amitav Ghosh. "Il cerchio della ragione" è davvero magnifico.
    Un libro che ha allargato un pochino gli orizzonti di quello che considero il mio mondo, che racconta di persone lontane e di luoghi sconosciuti e ne fa ...continua

    Voglio condividere con voi l'entusiasmo per la lettura di questo romanzo di Amitav Ghosh. "Il cerchio della ragione" è davvero magnifico.
    Un libro che ha allargato un pochino gli orizzonti di quello che considero il mio mondo, che racconta di persone lontane e di luoghi sconosciuti e ne fa vivere le storie (un sacco di storie!), che parla della vita, dell'universo e di tutto quanto..
    Davvero un grande romanzo.

    (2003)

    ha scritto il