Il cielo nevica

Voto medio di 30
| 7 contributi totali di cui 4 recensioni , 3 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Un'anziana madre e il figlio sopravvivono periferici alla società. Lei è dotata di occulti poteri ammaliatori, fattucchiera sboccata e irriverente; lui, anima solitaria, legge gli astri in cielo, sa come parlare a piante e animali e lavora come custo ...Continua
Ania Marci
Ha scritto il 08/06/17
Non avevo mai sentito parlare di Alberto Capitta, pur essendo mio conterraneo. Grazie a un amico libraio ho avuto modo di avvicinarmi a lui. Lo ringrazierò in eterno. Capitta ha uno stile tutto suo, ti porta su ali invisibili in un lungo viaggio ai l...Continua
  • 1 mi piace
Alea
Ha scritto il 28/04/14
“Quante volte la vita si riduce a una semplice sfilata di carri in fila indiana carichi di facce e odori, donne, letti, bare culle, prati? Ma fermarsi alla memoria è troppo poco se non ci sono più strade da ricondurti a una ragione originale, se sei...Continua
  • 12 mi piace
  • 2 commenti
MariannaLo
Ha scritto il 25/11/11
Credo che l' esperienza teatrale influenzi la maniera di scrivere di Capitta. Le sue pagine sono sipari aperti, emozioni vive. In "Creaturine" arriva a sfiorare l'anima con una delicatezza tangibile. Avverti la sua penna, averti il respiro dei protag...Continua
nini
Ha scritto il 28/09/08

Il modo di scrivere di Capitta colpisce. Le sue parole suonano. O si ama o si odia all'istante.


Ania Marci
Ha scritto il Jun 08, 2017, 16:14
Era fatto così; e non di un'abiura al suo carattere protervo si trattava, ma della necessità di abbandonarsi e di deragliare di tanto in tanto, di mantecare, da esperto chef qual'era, la pasta dei sentimenti.
Pag. 162
Ania Marci
Ha scritto il Jun 08, 2017, 16:11
Viveva e osservava. Si dilettò nella semplice osservazione della gente che gli passava davanti. Osservava il gran fiume di persone che filava via in gran fretta, ricompariva, sbucava agli angoli, scivolava nei portoni. Di ognuno provava a immaginare...Continua
Pag. 146
Ania Marci
Ha scritto il Jun 07, 2017, 16:47
La tua bocca veste di luce e di viole le strade dissestate passeggi con gli ippocampi sui fondali degli oceani ti spogli di neve.
Pag. 48

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi