Il cigno nero

Come l'improbabile governa la nostra vita

Di

Editore: Il Saggiatore

4.0
(1347)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 379 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Chi semplificata , Portoghese , Tedesco , Francese

Isbn-10: 8842814784 | Isbn-13: 9788842814788 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , eBook

Genere: Affari & Economia , Filosofia , Scienze Sociali

Ti piace Il cigno nero?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Cosa pensarono gli europei quando, giunti in Australia, videro dei cigni neri dopo aver creduto per secoli, supportati dall'evidenza, che tutti i cigni fossero bianchi? Un singolo evento è sufficiente a invalidare un convincimento frutto di un'esperienza millenaria. Ci ripetono che il futuro è prevedibile e i rischi controllabili, ma la storia non striscia, salta. I cigni neri sono eventi rari, di grandissimo impatto e prevedibili solo a posteriori, come l'invenzione della ruota, l'11 settembre, il crollo di Wall Street e il successo di Google. Sono all'origine di quasi ogni cosa, e spesso sono causati ed esasperati proprio dal loro essere imprevisti. Se il rischio di un attentato con voli di linea fosse stato concepibile il 10 settembre, le torri gemelle sarebbero ancora al loro posto. Se i modelli matematici fossero applicabili agli investimenti, non assisteremmo alle crisi degli hedge funds. Questo libro è dedicato ai cigni neri: cosa sono, come affrontarli, in che modo trame beneficio.
Ordina per
  • 4

    Ammetto che non sono abituato a libri di filosofia e quindi ho fatto fatica a seguire certi passaggi. Comunque nel complesso mi ha colpito e fatto pensare, soprattutto nei passaggi che riguardano le n ...continua

    Ammetto che non sono abituato a libri di filosofia e quindi ho fatto fatica a seguire certi passaggi. Comunque nel complesso mi ha colpito e fatto pensare, soprattutto nei passaggi che riguardano le notizie che riceviamo.
    Direi illuminante sul rapporto che si può avere con il mondo delle notizie

    ha scritto il 

  • 3

    Questo libro secondo me colpisce alcuni bersagli nel tentativo di gettare una luce diversa sul perché facciamo spesso errori grossolani nello stimare la probabilità che un evento accada. Però è costru ...continua

    Questo libro secondo me colpisce alcuni bersagli nel tentativo di gettare una luce diversa sul perché facciamo spesso errori grossolani nello stimare la probabilità che un evento accada. Però è costruito male. Troppe ripetizioni, troppe chiacchiere a vuoto, troppa aneddotica (di norma saccente), troppe petizioni di principio (spesso non abbastanza supportate da fatti), troppi tentativi di risultare simpatico (peraltro di scarsissimo risultato) e a fronte di questo poca sostanza. Speravo molto nei tre capitoli finali, quelli che "se non siete degli esperti potete tranquillamente evitare di leggerli" (non detto: "perché tanto non li capirete"). Ero pronto a rompermi la testa per trovare finalmente "la sostanza". Ma purtroppo nel libro non c'è. Non sono un esperto, ma i due grafichini che fa vedere sono banalità. Leggendo ho capito che nella sua testa della "sostanza" c'è (da valutare poi quanta di questa è da ritenere "buona"), avevo però comprato il libro perché la dicesse anche a me!

    ha scritto il 

  • 5

    Fatto per aprire gli occhi

    Il cigno nero (2007) è un libro fatto per aprire gli occhi al lettore. Taleb scrive per aneddoti, racconta le sue esperienze, riporta esperimenti, ha un tono simpatico e scherzoso e si fa leggere con ...continua

    Il cigno nero (2007) è un libro fatto per aprire gli occhi al lettore. Taleb scrive per aneddoti, racconta le sue esperienze, riporta esperimenti, ha un tono simpatico e scherzoso e si fa leggere con piacere. Ma il messaggio che vuole dare è molto forte: la casualità, l’incertezza e gli eventi inaspettati sono molto più presenti di quanto crediamo e ci viene raccontato. Purtroppo tendiamo a negarlo, a fidarci delle nostre previsioni e a considerare i rischi “controllabili”. Soprattutto l’economia e la politica sono preda di questa illusione e sono quindi vulnerabili all’arrivo di un Cigno nero, un evento inaspettato, capace di demolire certezze e schemi consolidati, cambiando le carte in tavola. Bastò infatti scoprire un cigno nero in Australia per polverizzare millenni di osservazioni che avevano portato alla certezza che tutti i cigni fossero bianchi.

    ha scritto il 

  • 5

    io so di non sapere

    Tutto si può prevedere "meglio" ... L'imprevedibilità ha un unica soluzione non definitiva: alzare il numero delle variabili a più infinito... Cercando di non impazzire

    ha scritto il 

  • 1

    Overrated

    Assolutamente sopravvalutato.
    A parte che di idee ne contiene numero una, voltata e rivoltata più volte, è spiegato con spocchia, organizzato da dilettante e scritto male.

    ha scritto il 

Ordina per