Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il cinema e le arti visive

By Antonio Costa

(113)

| Paperback | 9788806161170

Like Il cinema e le arti visive ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

In questo saggio Antonio Costa esplora i rapporti tra il cinema e le arti visive, idealmente collocati al punto d'incontro dei "tre spazi" analizzati da Eric Rohmer: pittorico, architettonico, filmico. L'interazione tra vari modelli di rappresentazio Continue

In questo saggio Antonio Costa esplora i rapporti tra il cinema e le arti visive, idealmente collocati al punto d'incontro dei "tre spazi" analizzati da Eric Rohmer: pittorico, architettonico, filmico. L'interazione tra vari modelli di rappresentazione è studiata, con una particolare attenzione alle problematiche dell'iconografia e dell'intertestualità, sia negli attuali assetti dei rapporti tra cinema e nuove frontiere del visivo, sia in tutte quelle fasi in cui più vivace è stata la dinamica degli scambi.
Le dinamiche dell'interazione e degli scambi tra differenti modi di rappresentazione e di fruizione vengono affrontate dal punto di vista teorico-metodologico.
La prospettiva storica è stata scelta per studiare i momenti fondamentali dell'interazione fra settori diversi, in particolare le avanguardie storiche e le neoavanguardie.
Accanto al riesame e alla discussione critica di contributi teorici ormai classici sull'argomento (Ragghianti, Arnheim, Panofsky, Ejzenstejn, Rohmer), c'è l'analisi delle realizzazioni filmiche che più si prestano alla riflessione teorica e metodologica (documentari d'arte, film biografici, le produzioni delle avanguardie storiche). La trattazione, per quanto attenta ai rapporti con l'architettura, privilegia quelli con la pittura, facendo continui riferimenti ad autori e generi che meglio illustrano la tipologia degli scambi, da Godard a Pasolini, da Tarkovskij a Greenaway, da Visconti a Lynch, da Antonioni a Hitchcock, da Fellini a Tim Burton.

3 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Tra Antologia e Antologismo

    Spunti interessanti, ma alcune analisi risultano poco approfondite.
    Utile però come sguardo di sintesi, specie con riferimento agli sconfinamenti nell'analisi del mezzo filmico da parte di critici e storici dell'arte.

    Is this helpful?

    Ro Di Gi said on Jan 4, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Interessante testo sul rapporto che corre tra le arti e il cinema, ottava arte. Quel che avviene cioè tra pittura e immagini, o tra architettura e immagini, che non può essere un semplice rapporto di contenuto e contenitore, ma uno scambio alla pari ...(continue)

    Interessante testo sul rapporto che corre tra le arti e il cinema, ottava arte. Quel che avviene cioè tra pittura e immagini, o tra architettura e immagini, che non può essere un semplice rapporto di contenuto e contenitore, ma uno scambio alla pari tra elementi dotati di senso; e allora diventa divertente capire come un regista sceglie l'architettura in base al racconto che vuole fare.
    Molto ben scritto, con tanti riferimenti ad opere d'arte e a film, ricco di spunti di riflessione originali. Mi ha molto aiutato a vedere il cinema con occhi diversi.

    Is this helpful?

    Lorenzo said on Jan 19, 2009 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Discreto. La prima parte è piuttosto elencatoria, ma già il capitolo sull'architettura è denso di spunti illuminanti. Ottimi, per il tiro incrociato di concetti e visioni critiche che fanno balenare, i raffronti incrociati tra Ejzenštejn, Ragghianti ...(continue)

    Discreto. La prima parte è piuttosto elencatoria, ma già il capitolo sull'architettura è denso di spunti illuminanti. Ottimi, per il tiro incrociato di concetti e visioni critiche che fanno balenare, i raffronti incrociati tra Ejzenštejn, Ragghianti e Rohmer. La tesi originale di Costa (la proposta teorica di un "effetto dipinto") mi sembra pratica e articolata, per quanto i suoi fondamenti teorici (Metz) siano forse un po' troppo datati per adattarsi alle novissime produzioni (problema peraltro avvertito e dichiarato dallo stesso autore).

    Is this helpful?

    Oneiros said on Aug 19, 2007 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (113)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 392 Pages
  • ISBN-10: 8806161172
  • ISBN-13: 9788806161170
  • Publisher: Einaudi
  • Publish date: 2002-01-01
Improve_data of this book