Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il collare spezzato

Di

Editore: Mondadori

3.8
(186)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 440 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804561688 | Isbn-13: 9788804561682 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: eBook

Genere: Fiction & Literature , History

Ti piace Il collare spezzato?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Il collare di fuoco", il primo romanzo di questa serie storica narrava laformazione, nell'arco di un cinquantennio, del Messico come Stato moderno. Conquesto secondo romanzo, la storia va avanti e procede implacabile col suocarico tumultuoso di nuove speranze, nuove vittorie e sconfitte, nuoveleggende e nuovi eroi. Come sempre al centro della trama i rapporti burrascositra le vicende del Messico e le mire del più ingombrante dei Paesi vicini: gliStati Uniti d'America. Evangelisti narra l'evento centrale di una storiaplurisecolare: la Rivoluzione messicana, con tutti i suoi leggendari piccoli egrandi protagonisti, con i suoi mille eroismi, le mille miserie e le enormicontraddizioni che un evento tanto rilevante finisce per scatenare. Esauritisigli eventi tempestosi legati alla fase rivoluzionaria, nasce uno statocostituzionale che ben presto dovrà cercare a tutti i costi di darsi un minimodi stabilità economica e politica. Fino alla nazionalizzazione, sotto lapresidenza di Lazaro Cardenas, dell'industria petrolifera che restituisce alMessico il necessario controllo sulla più preziosa delle sue risorse e chepone termine a un'epoca di violenza.
Ordina per
  • 3

    Il romanzo prosegue la storia del Messico nello stesso stile del Collare di fuoco, portando con se quindi gli stessi limiti del romanzo precedente, la sensazione alla fine della lettura di questi due ...continua

    Il romanzo prosegue la storia del Messico nello stesso stile del Collare di fuoco, portando con se quindi gli stessi limiti del romanzo precedente, la sensazione alla fine della lettura di questi due libri è quella di aver avuto un affresco di quel periodo tramite il racconto di avvenimenti particolari piu’ o meno collegati che dovrebbero comunicare un’idea d’insieme del periodo. In generale una buona lettura anche se non semplice per una certa mancanza di unità di storia e personaggi.

    ha scritto il 

  • 4

    ¡ Viva la revolución !

    Il Messico all'inizio del secolo XX. Un paese enorme con tantissime anime, ognuna delle quali disposta a prendere le armi per rovesciare lo status quo o per difendere i propri privilegi, in un'alterna ...continua

    Il Messico all'inizio del secolo XX. Un paese enorme con tantissime anime, ognuna delle quali disposta a prendere le armi per rovesciare lo status quo o per difendere i propri privilegi, in un'alternanza di fazioni che produce un costante stato di rivoluzione. Stato di cose che giova soprattutto all'ingombrante, interessato ed avido "vicino".
    In questo romanzo, seguito cronologico de "Il collare di fuoco" ( ma indipendente da quest'ultimo), Evangelisti ripercorre l'epopea della "revolución" e dei suoi miti.

    ha scritto il 

  • 5

    Da leggere

    La sensazione che ho avuto finendo questo libro è stata: e adesso? Come faccio a sapere che cosa è successo dopo il 1930 se mi abbandoni così? Veramente un libro (ma meglio se letto col gemello Il Col ...continua

    La sensazione che ho avuto finendo questo libro è stata: e adesso? Come faccio a sapere che cosa è successo dopo il 1930 se mi abbandoni così? Veramente un libro (ma meglio se letto col gemello Il Collare di Fuoco) da leggere. Forse poco adatto a chi ha lo stomaco debole, ma chi conosce Evangelisti questo già lo sa.

    ha scritto il 

  • 4

    Bello, come sempre Evangelisti non delude. Adoro i suoi romanzi storici, pieni di pistole, polvere, sangue. Leggere di One Big Union, ritrovare le ferrovie, i nomi di Brownsville, El Paso, tutto il M ...continua

    Bello, come sempre Evangelisti non delude. Adoro i suoi romanzi storici, pieni di pistole, polvere, sangue. Leggere di One Big Union, ritrovare le ferrovie, i nomi di Brownsville, El Paso, tutto il Messico.. Alla Mondadori dovrebbero raccogliere tutto il ciclo americano in un unico volume: Black Flag, Antracite, i due Collari, Noi saremo tutto e One Big Union. Sarebbe un'opera da tramandare ai posteri.

    ha scritto il 

  • 3

    Interessante come la prima parte (Il collare di fuoco), ma secondo me un po' troppo frammentario, soprattutto all'inizio, e quindi meno coinvolgente e più difficile da seguire.

    ha scritto il 

  • 2

    adoro evangelisti nelle sue molteplici "forme".Mi èpiaciuto "il collare di fuoco"...ma ho trovato questo libro un po' troppo didascalico, quasi una tesina sull'argomento "rivoluzione messicana e dinto ...continua

    adoro evangelisti nelle sue molteplici "forme".Mi èpiaciuto "il collare di fuoco"...ma ho trovato questo libro un po' troppo didascalico, quasi una tesina sull'argomento "rivoluzione messicana e dintorni". troppe pagine di storia e storiografia, troppi personaggi e poca trama.

    ha scritto il 

  • 4

    Si conclude l'epopea del Messico e del suo popolo, teso a spezzare il collare con cui gli Stati Uniti vogliono tenerlo soggiogato. Storicamente attendibile con ricostruzioni credibili ed efficaci. ...continua

    Si conclude l'epopea del Messico e del suo popolo, teso a spezzare il collare con cui gli Stati Uniti vogliono tenerlo soggiogato. Storicamente attendibile con ricostruzioni credibili ed efficaci.

    ha scritto il 

  • 3

    Un tentativo poco riuscito di romanzo storico

    Confesso che non mi è piaciuto. Evangelisti è un autore fortemente caratteristico e mi è difficile riuscire a staccarlo dall'immagine del suo personaggio principe, l'inquisitore Eymerich.
    Anche in ques ...continua

    Confesso che non mi è piaciuto. Evangelisti è un autore fortemente caratteristico e mi è difficile riuscire a staccarlo dall'immagine del suo personaggio principe, l'inquisitore Eymerich.
    Anche in questo romanzo storico l'impronta non muta: una prosa fortemente evocativa e una certa predilizione per situazioni "scenograficamente" violente, unite ad una documentazione accurata nel tentativo di descrivere il periodo che vuole raccontare attraverso avvenimenti e personaggi inventati ma verosimili.
    Il risultato però è un romanzo di lettura abbastanza pesante, spezzato in scene in cui si avverte la personalità dei protagonisti e lo scorrere del tempo ma in cui è difficile riscontrare l'unità che consentirebbe di collegare mentalmente in un continuum i singoli frammenti e che per me è condizione essenziale per la piacevolezza di un romanzo.

    ha scritto il 

  • 2

    D'accordo, fino a più di metà del libro l'ho trovato bello quanto "Il collare di fuoco", ma alla fine mi sono clamorosamente persa...francamente credo non sia colpa del libro quanto del momento in cui ...continua

    D'accordo, fino a più di metà del libro l'ho trovato bello quanto "Il collare di fuoco", ma alla fine mi sono clamorosamente persa...francamente credo non sia colpa del libro quanto del momento in cui l'ho letto, però fatto sta che se dovessi dire cos'è successo negli ultimi capitoli non ne sarei assolutamente in grado...un pò è sicuramente dovuto anche alla minor presa che gli ultimi personaggi hanno avuto su di me rispetto a quelli comparsi in precedenza. Per il resto del libro però il giudizio rimane lo stesso del precedente...non sarà una passeggiata da leggere, ma merita.

    ha scritto il