Il colore dei papaveri

di | Editore: Piemme
Voto medio di 18
| 13 contributi totali di cui 5 recensioni , 8 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Elisa è nata e ha vissuto tutti i suoi ventisette anni a Castelfreddo, in provincia di Ravenna: si è sempre sentita a suo agio in quel paesino romagnolo di appena diecimila anime, con le sue poche stranezze e le sue molte certezze. Non ama le sorpres ...Continua
Lau
Ha scritto il 03/10/17
Un inizio promettente...
Peccato che di promettente questo romanzo abbia avuto solo l'inizio. La scrittura dell'autrice coinvolge perché ha uno stile fresco e si sorride spesso nelle prime pagine. Mantenere però questo tono fino a fine libro, a mio avviso è stato un errore p...Continua
Velena
Ha scritto il 10/10/16
Una divertente sorpresa

Una scrittura giovane, divertente e coinvolgente.
Consigliatissimo per chi cerca allegria e leggerezza!
La protagonista, Elisa Fabbri, incarna la Bridget Jones delle bibliotecarie: fantastica!

Pupottina
Ha scritto il 12/05/16
"Perché i papaveri una volta fioriti sono tutti rossi, ma quando sono ancora chiusi hanno un'infinità di sfumature che uno neanche se le immagina: un po' come le persone, come le cose, come tutto." È un libro pieno di magia quello scritto da Manuela...Continua
Layura
Ha scritto il 27/04/16
SPOILER ALERT
È come se il tempo si fosse fermato e io fossi rimasta incastrata, un criceto che gira sulla ruota convinto di andare chissà dove e invece rimane sempre lì. Solo che poi ci si affeziona, alla ruota. Si ha paura di scendere e scoprire che, con quegli...Continua
Morgana
Ha scritto il 22/04/16
SPOILER ALERT
Non possiamo scoprire di che colore sarà la nostra vita finchè non troviamo il coraggio di guardarci dentro.
Il colore dei papaveri racconta la storia di Elisa Fabbri. Elisa ha 27 anni e ha sempre vissuto nel piccolo paesino di Castelfreddo, in provincia di Ravenna, dove lavora come bibliotecaria. Non ha mai sentito il bisogno di andare via, si trova a suo...Continua

Layura
Ha scritto il Apr 27, 2016, 14:26
E poi c’era un altro gioco che facevamo sempre; una cosa stratenera, che mi sciolgo solo a pensarci. Capitava a maggio, quando i campi di erba e di grano si riempivano di macchie rosse di papaveri. Mio babbo staccava un bocciolo e mi chiedeva: «Indov...Continua
Pag. 98
Layura
Ha scritto il Apr 27, 2016, 14:24
(..) la seppia può sparire. Quando si sente in pericolo lancia questa fantastica nuvola nera e ciao, chi la trova più. Da quel momento in poi, la seppia è diventata il mio animale guida.
Pag. 70
Layura
Ha scritto il Apr 27, 2016, 14:24
Mi basta quel mare grigio, che copre e nasconde tutto. Mi ci tuffo con gioia e respiro a pieni polmoni, perché della nebbia a me piace persino l’odore. Me la tiro addosso come fosse una coperta, mi ci nascondo dentro. Io non posso vedere nessuno e, d...Continua
Pag. 71
Layura
Ha scritto il Apr 27, 2016, 13:48
Quanti errori che si fanno per paura e com’è dura dopo ammettere “ho sbagliato” quando ti accorgi che la vera fregatura è riuscire a fare i conti col passato.
Pag. 166
Layura
Ha scritto il Apr 27, 2016, 13:48
Lui riusciva a addolcirle la vita.
Pag. 117

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi