Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il combattimento

Di

3.6
(17)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 200 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804617500 | Isbn-13: 9788804617501 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Il combattimento?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    La tartaruga che corre all'interno della sua lentezza - Moresco, il cosmo ripreso dalla pozzangherina nella tazza del cesso.

    La tartaruga - il guscio l'ha dipinto di un grigio alluminio dello stesso punto di colore della nuova comoda della Signorina - come avrà fatto a ritornare in camera dopo essere stata scagliata dalla ...continua

    La tartaruga - il guscio l'ha dipinto di un grigio alluminio dello stesso punto di colore della nuova comoda della Signorina - come avrà fatto a ritornare in camera dopo essere stata scagliata dalla finestra sul piccolo camino disotto, dove le suore infermiere bruciavano gli espianti umani?

    E l'enorme bolla come di sapone creatasi sul buco del pozzo nero, avrà urlato prima di esplodere e aver fatto tremare le viscere della terra?

    Io non so chi ci fosse dietro la porta nella parete che si apriva verso l'interno e quindi sbarrata per finta dall'armadio messoci davanti. Chi c'era?

    Il turgore alla cappella sempre congestionata dello scoppiato che passa i suoi giorni tra una scopata compulsiva e una sindrome di persecuzione paranoica, sarà guarito o sarà esploso anche lui, come la bolla sulla buca?

    Il re è tornato e il bambino già nato quando nascerà? Anche lui, come la tartaruga, è tornato nella camera ble.

    Qui c'è l'inizio di Moresco. Che inizia a ogni suo nuovo romanzo, inizi sempre più radicali.

    Moresco cerca l'inizio in fondo al cunicolo dell'ultimo futuro, fino a sfondare nel proprio passato per riprendere da lì come non ci fossei mai stato un prima.

    Per curvare la linea rigida del tempo e arrotolarla, avvilupparla, fino a costruire l'infinito di un nastro alla Moebius, in letteratura però, dove non sarà per un gioco visivo di prospettive, ma con la potenza e la violenza delle parole che portano alla visione - e alla metamorfosi. E alla rifondazione di tutto, ovvero: con l'invenzione di un liguaggio nuovo.

    ha scritto il 

  • 2

    pesante, noioso, ripetitivo, le idee ci sono, ma purtroppo manca completamente uno scopo. Senza avere chiare le idee su dove andranno a aprare i suoi racconti Moresco, sembra, girare in tondo, sembra ...continua

    pesante, noioso, ripetitivo, le idee ci sono, ma purtroppo manca completamente uno scopo. Senza avere chiare le idee su dove andranno a aprare i suoi racconti Moresco, sembra, girare in tondo, sembra mettere dentro di tutto e qualunque personaggio senza mai tirare le fila e, quando va bene, ha almeno una conclusione (Calndestinità), ma quando va male neppure quella (La cipolla). L'unico racconto che ho apprezzato un poco è stato "Il re"

    ha scritto il 

  • 4

    Particolare

    Dopo aver letto "I canti del caos" mi ritrovo incuriosito di fronte a quest'altro libro. Nei vari racconti di cui è composto il libro (la camera blu/la buca/clandestinità/la cipolla/il re),si trova ...continua

    Dopo aver letto "I canti del caos" mi ritrovo incuriosito di fronte a quest'altro libro. Nei vari racconti di cui è composto il libro (la camera blu/la buca/clandestinità/la cipolla/il re),si trova sempre Moresco e le sue intricate scritture.Personalmente mi rapiscono,anche se non sempre è una lettura "leggera"..Ogni racconto,nonostante elementi simili,è davvero particolare.

    ha scritto il 

  • 0

    Premetto che non amo i libri di racconti e che di Moresco ho letto Canti del caos. Detto questo, il libro mi è piaciuto, i racconti comprendono situazioni stranianti, allucinate e fastidiose e ...continua

    Premetto che non amo i libri di racconti e che di Moresco ho letto Canti del caos. Detto questo, il libro mi è piaciuto, i racconti comprendono situazioni stranianti, allucinate e fastidiose e personaggi improbabili e misteriosi, proprio come mi aspettavo: niente di nuovo avendo già letto i Canti del caos, però se Moresco piace o lo si vuole scoprire questa è sicuramente una bella lettura.

    ha scritto il