Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il commando di Hitler

Missione globale per la Divisione Brandeburgo

Di

Editore: Editrice Goriziana

4.0
(5)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8861020496 | Isbn-13: 9788861020498 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Il commando di Hitler?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Potrebbe essere interessante, tratta certamente un argomento importante e poco conosciuto, ma la narrazione è spezzettata in mille fatti, nomi eventi che fanno perdere il filo del discorso sempre ...continua

    Potrebbe essere interessante, tratta certamente un argomento importante e poco conosciuto, ma la narrazione è spezzettata in mille fatti, nomi eventi che fanno perdere il filo del discorso sempre che questo ci sia...

    ha scritto il 

  • 0

    In questo ampio e documentato saggio,l'autore-noto storico tedesco-prende in considerazione la genesi,lo sviluppo e l'epilogo della Divisione Brandeburgo.Come e' ampiamente noto nel gennaio del ...continua

    In questo ampio e documentato saggio,l'autore-noto storico tedesco-prende in considerazione la genesi,lo sviluppo e l'epilogo della Divisione Brandeburgo.Come e' ampiamente noto nel gennaio del 1935,Canaris divenne direttore della ABWEHR e poco dopo aver siglato una serie di accordi con l'intelligence italiana-via Roatta-,con quella estone e con quella nipponica-via Oshima-,ristrutturo' l' ABWEHR in tre dipartimenti istituendo nel 1939-in collaborazione con il cap.von Hippel e il maggiore Magrerne-il Battaglione Brandeburgp.La sua finalita' era quella di di attuare operazioni di ricognizione,sabotaggio e di sostegno alla avanzata della fanteria e dei reparti corazzati.Una delle prime operazioni alle quali venne destinata la Brandeburgo nel 1940, fu l'occupazione dei ponti sulla Mosa in Olanda ,l'attacco alle chiuse marittime di Newport in Belgio,il sequestro della documentazione del Deuxieme Bureau a Parigi,la distruzione delle chiuse di Folkestone e l'occupazione del porto di Weymouth. Altrettanto di rilievo furono le operazioni condotte per salvaguardare le infrastrutture petrolifere romene,per distruggere le fortificazioni campali dei partigiani titini , per l'occupazione dell'isola di Evvia nel golfo di Volos e dell'istmo di Corinto nel 1941.Sul fronte orientale,l'attacco alla fortezza di Brest-Litovski-per impadronirsi degli archivi-,l'occupazione di Lvov e l'attacco con alianti alle fortificazioni dell'isola baltica di Oesel alla fine del 1941 -con lo scopo di neutralizzare le batterie nemiche per facilitare l'attacco della fanteria-sono alcune delle operazioni piu' significative. Sullo scacchiere mediorientale,Canaris pose in essere una Brigata araba-costituita all'interno della Brandeburgo-per pianificare operazioni in Iran,Iraq e Afghanistan allo scopo di appoggiare movimenti indipendentisti, di assicurarsi rifornimenti alimentari e petroliferi o di distruggere le raffinerie petrolifere come quella di Abadan nel giugno del 1941 con l'operazione AMINA. Di particolare interesse furono sia le missioni in India condotte con la Legione Asad Hindi-allo scopo sia di proteggere Chandra Bose sia di promuovere la sollevazione antibrittanica-sia quelle nello scenario africano- nel quale ,attraverso l'operazione THEODORA, fu compiuto un lavoro di ricognizione militare nella zona di confine tra la Libia e l'Africa centrale francese-sia infine quella in Russia attraverso l'operazione ZEPPELIN la cui finalita' era quella di infiltrare in massa agenti nei campi di prigionia russi per svolgere attivita' di informazione/disinformazione,di sabotaggio e di controguerriglia.A partire dal 1943,avvenne il primo importante cambiamento nella Brandeburgo determinato dal passaggio del comando al col. von Pfulstein che strutturo'la Brandeburgo in una vera e propria divisione.Sotto il suo comando,prosegui' la campagna antipartigiana contro i Russi e contro i titini(prevenendo per esempio i possibili sbarchi nemici lungo al costa istriana nel maggio del 1944 anche attraverso operazioni anfibie).L'epilogo della Brandeburgo giunse a compimento nel settembre del 1944 quando venne assimilata sia nella divisone Panzer-nello specifico venne inclusa nel corpo d'armata Grossdeutschland-sia nelle Waffen SS al comando di Skovzeny.In conlusione,significativa sono le riflessioni amare dell'autore:mentre infatti da una parte i vertici della intelligence tedesca si misero al servizio del nemico pur di avere salva la vita ,dall'altra parte gli uomini valorosi della Brandeburgo fecero una fine drammatica concludendola loro vita o sui campi di battaglia-ne morirono tremila- o nei campi di prigionia.
    Gagliano Giuseppe

    ha scritto il