Il commissario Bordelli

di | Editore: Guanda
Voto medio di 1071
| 165 contributi totali di cui 163 recensioni , 2 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Firenze, estate 1963. La città è deserta per le vacanze e assediata dal caldo e dalle zanzare. Il commissario Bordelli passa le sue notti a rigirarsi nelle lenzuola, incapace di prender sonno, dopo giornate di banale routine estiva sbrigata da quei p ...Continua
C Sergio
Ha scritto il 12/04/18
Lettura afosa
Un libro poliziesco dalla lettura scorrevole a tratti divertente ambientato tra riviera e città semi deserta per afa e vacanze di agosto. Anche il libro in effetti si presta per una lettura estiva sotto l'ombrellone o la sera quando il caldo rende di...Continua
Antonio Santangelo
Ha scritto il 04/04/18

Un personaggio intrigante, contraddittorio, il commissario. Come Montalbano ha un senso della giustizia tutto suo, un po' più ideologico del suo collega siciliano. Più metodico, meno spiazzante. Interessante il suo entourage

OrsoPalagi
Ha scritto il 03/01/18
Ogni tanto si perde
Divertente, piacevole, anche se in qualche passaggio digressivo il ritmo si spezza e si perde. Cerca di rimanere simpatico, ma alla fine, nonostante l'intento esplicito, ci riesce comunque. Un'ottima presentazione per il Commissario Bordelli, come in...Continua
supernonno
Ha scritto il 30/08/17
Da uno scrittore toscano un romanzo macchiaolo.
Nel senso di un libro di macchiette. Personaggi eccessivamente caratterizzati che passano il loro tempo a ricordare e raccontare episodi della loro vita o amene storielle locali. Per scrivere un libro siffatto occorre avere la penna di Maupassant. Pu...Continua
Massimo Molteni
Ha scritto il 06/08/17
Lento e intrigante

E' un bel libro. Niente da dire. Bella storia, buona scrittura, fa venire voglia di leggere anche il resto. Sperando che sia all'altezza. In ogni caso da non perdere, secondo me.


zioRic
Ha scritto il Jul 27, 2017, 20:13
Aveva letto da qualche parte che nel mondo per ogni uomo c’erano sette donne e un milione di topi, o qualcosa del genere, e che «con una tale superiorità numerica se soltanto lo volessero potrebbero dominare il mondo», ma non ricordava più se questo...Continua
Angebet
Ha scritto il Mar 02, 2017, 08:03
"Uno salva te, tu salvi lui e lui salva un altro. Le azioni umane sono legate come anelli di una catena, belle o brutte che siano. Sarebbe bene tenerlo sempre a mente. Chi fa il male non fa solo il male, ma lo trasmette."

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi