Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il commissario Bordelli

Di

Editore: Guanda, I Narratori della Fenice

3.6
(883)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 204 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: 8882462064 | Isbn-13: 9788882462062 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Il commissario Bordelli?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Firenze, estate 1963. La città è deserta per le vacanze e assediata dal caldoe dalle zanzare. Il commissario Bordelli passa la notte a rigirarsi nellelenzuola, dopo giornate di banale routine estiva sbrigata da quei pochirimasti, come il poliziotto Mugnais e il nuovo arrivato, Piras. Quand'ecco cheuna telefonata gli annuncia una morte misteriosa: una ricca signora vienetrovata morta, accanto al letto un bicchiere con le gocce per l'asma e sulcomodino il flacone perfettamente chiuso. Ma è difficile pensare a un attaccoimprovviso della malattia, come spiega l'anatomopatologo. Bordelli indaga suisingolari personaggi che frequentavano la villa della donna, tutti dotati diun alibi di ferro, ma c'è qualcosa che non lo convince.
Ordina per
  • 4

    Non posso sapere come sia stata l'Italia degli anni 60 pero' Vichi me l'ha descritta in modo allegro e simpatico. Libro semplice e scorrevole con dei bei personaggi, consigliato....

    ha scritto il 

  • 0

    Incipit

    Il commissario Bordelli entrò nel suo ufficio alle otto di mattina, dopo una notte quasi insonne, passata a rigirarsi tra i lenzuoli fradici di sudore.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-tito ...continua

    Il commissario Bordelli entrò nel suo ufficio alle otto di mattina, dopo una notte quasi insonne, passata a rigirarsi tra i lenzuoli fradici di sudore.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/c/il-commissario-bordelli-marco-vichi/

    ha scritto il 

  • 3

    mi ricorda un po' Pepe Carvalho*

    anzi, un po' tanto: commissario scapolo generoso, malinconico ex partigiano disilluso, amico dei poveri e dei tipi più strani, con una simpatica puttana come confidente e un nano come informatore. Ama ...continua

    anzi, un po' tanto: commissario scapolo generoso, malinconico ex partigiano disilluso, amico dei poveri e dei tipi più strani, con una simpatica puttana come confidente e un nano come informatore. Amante del buon cibo come Pepe (e la maggior parte dei commissari contemporanei. Uno anoressico, mai?). Insomma, un buon diavolo che fuma troppo (non penso alla sua salute ma che barba! si accende una sigaretta ogni 10 righe!), circondato da simpatici personaggi che fanno perdonare la trama gialla un po' banalotta e scontata.
    Ambientato a Firenze ma potrebbe essere anche Roccacannuccia.

    Vichi, mi vuol spegare perché diamine l'ha chiamato Bordelli? Un motivo ci deve essere.

    * (mi si perdoni la similitudine: Vasquez Montalban sta, secondo me, diversi scalini sopra il nostro)

    ha scritto il 

  • 3

    Uhm...il primo (ne ho letti tre, non in ordine cronologico) e il Bordelli meno convincente. Un capitolo e il finale erano di troppo...nel contesto si intende e sempre parere oggettivo.

    ha scritto il