Ha scritto il 16/04/17
Niente: io e Pavese proprio non ci pigliamo. Ma non è mica per come scrive, ché anzi la qualità di scrittura è davvero altissima. È per quel che racconta. Pagina dopo pagina, il senso di chissenefrega aumenta vertiginosamente, finché giungo ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 22/11/16
Una bella "chiacchierata"
La bellezza nella forma più che nei contenuti. Sembra che Pablo sia seduto davanti a te e ti stia raccontando la sua vita, senza fronzoli, senza badare troppo al lessico, proprio come quando, a serata finita, ti siedi sul divano con l'amico che non ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 14/05/15
Tutto quel che faccio così per capriccio, lo faccio da me. Ma le cose importanti, le cose che buttano a terra, queste cose succedono per conto loro. Vengono addosso come un camion, come una brutta polmonite, e dietro c'è qualcuno che ci gode e che ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 25/08/14
Il romanzo è chiaramente diviso in due parti.Nella prima Pablo è un ragazzo al bivio, senza interessi o passioni, che vive a Torino suonando la chitarra fra un'osteria e l'altra. Nella seconda Pablo è a Roma, fuggito da Torino dopo aver ..." Continua...
  • 2 mi piace
  • 2 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 21/03/14
Che sòla.
Ma di cosa parla esattamente questo libro? Della formazione di Pablo? Come avviene esattamente? Com'era il protagonista, Pablo, all'inzio del libro? Come si differenzia esattamente dal Pablo alla fine? Perchè prende coscienza politica? D'accordo. ..." Continua...
  • 2 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi

Ha scritto il Jan 03, 2016, 17:52
Non è molto il guadagno dei libri. Ho visto in Spagna intellettuali far sciocchezze come gli altri.
Quel che conta è l'istinto di classe.
  • Rispondi
Ha scritto il Nov 05, 2012, 17:47
A tutto quel che faccio così per capriccio,lo faccio da me.Ma le cose importanti,le cose che buttano a terra,queste cose succedono per conto loro.Vengono addosso come un camion,come una brutta polmonite,e dietro c'è qualcuno che ci gode e che gioca.
Pag. 184
  • Rispondi
Ha scritto il Dec 11, 2011, 22:56
Non sai che una storia torna almeno due volte? Prima sul serio, poi per burla. È come un morto, un annegato, che ritorna per galleggiare.
Pag. 122
  • Rispondi
Ha scritto il Dec 11, 2011, 22:55
Ci comprammo le castagne arrostite e passeggiammo in riva a Po. Veniva la notte, su quei corsi, e i lampioni erano accesi e avrei voluto che durasse sempre, perché adesso sapevo che l’idea di lasciarci e non più rivederci mi tagliava le gambe. ... Continua...
Pag. 57
  • Rispondi
Ha scritto il Dec 11, 2011, 22:55
Lui mi guardava senza batter gli occhi. Certe risposte non le dava. Era Amelio. Rispondeva così, stando zitto.
Pag. 10
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Apr 21, 2016, 14:01
853.914
PAV 4669
Letteratura Italiana
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi