Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il compagno Don Camillo

Mondo Piccolo

Di

Editore: Rizzoli

4.1
(541)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 110 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: A000049975 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , History , Humor

Ti piace Il compagno Don Camillo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Il compagno don Camillo si reca in Russia sotto mentite spoglie, pensieri del capocellula Camillo Tarocci:


    "Nessun vento, nessun gelo - laggiù alla Bassa - riuscivano a spegnere quel calore umano che emanava da tutte le cose toccate dall'uomo. Anche sperduto in mezzo alla campagna e sepolt ...continua

    Il compagno don Camillo si reca in Russia sotto mentite spoglie, pensieri del capocellula Camillo Tarocci:

    "Nessun vento, nessun gelo - laggiù alla Bassa - riuscivano a spegnere quel calore umano che emanava da tutte le cose toccate dall'uomo. Anche sperduto in mezzo alla campagna e sepolto dalla nebbia più densa, un uomo - laggiù alla Bassa - non si sente mai distaccato dal mondo. Un invisibile filo lo lega sempre agli altri uomini e alla vita e gli trasmette calore e speranza.

    Qui, nessun filo lega l'uomo agli altri uomini. Qui un uomo è un mattone: assieme agli altri mattoni forma un muro, è parte necessaria di un solido complesso. Cavato dal muro e buttato in mezzo a un campo non è più niente, diventa una qualsiasi cosa inutile. Qui l'uomo isolato è disperatamente solo."

    ha scritto il 

  • 3

    Il libro è veramente molto datato ed è pervaso (a partire dall'introduzione, a dir poco imbarazzante) di un anticomunismo che veramente oggi non ha più senso.
    Me l'hanno regalato e l'ho letto perché ero curioso, ma non credo che ripeterò l'esperimento.
    Il film - da cui il libro è libe ...continua

    Il libro è veramente molto datato ed è pervaso (a partire dall'introduzione, a dir poco imbarazzante) di un anticomunismo che veramente oggi non ha più senso.
    Me l'hanno regalato e l'ho letto perché ero curioso, ma non credo che ripeterò l'esperimento.
    Il film - da cui il libro è liberamente tratto - è molto meglio.

    ha scritto il 

  • 4

    Discesa all’inferno, secondo la concezione di Guareschi, ossia viaggio nell’Unione Sovietica simbolo di ogni male: don Camillo l’affronta incuneandosi nella delegazione invitata ad una visita-premio, secondo suo solito, sfruttando le deviazioni e debolezze “borghesi” dell’oggi onorevole Peppone, ...continua

    Discesa all’inferno, secondo la concezione di Guareschi, ossia viaggio nell’Unione Sovietica simbolo di ogni male: don Camillo l’affronta incuneandosi nella delegazione invitata ad una visita-premio, secondo suo solito, sfruttando le deviazioni e debolezze “borghesi” dell’oggi onorevole Peppone, ossia, in parole povere, con il ricatto. Siamo nel 1959 e Stalin è già stato “criticato” nel XX congresso: il nemico è perciò ambiguo, distensivo, ancora più pericoloso. Forse per questo, “Il compagno Don Camillo” è un set di racconti decisamente meno umoristico e molto più livoroso del solito, più militante, più velenoso, molto meno sorridente rispetto al film omonimo. I compagni (in senso politico e di viaggio), chi più chi meno, sono tutti imbecilli e nascondono dietro l’apparente ortodossia le loro camarille meschine: chi la passione per le sottane, chi il mercato nero. SuperCamillo invece concilia perfettamente il travestimento da burocrate comunista (improvvisando applauditi discorsi farciti di citazioni marxiste) con la missione in campo avverso ove organizza messe, matrimoni e battesimi clandestini, assolve peccatori, incontra per caso, confessa e assolve perfino suoi compaesani in piena Mosca (!) eccetera come apologetica del tempo impone.
    Figlio del tempo anche il lessico, ove trova molto spazio il termine “atomico”: pedata atomica, occhiata atomica eccetera, a sottolineare il clima di guerra fredda e di escalation degli armamenti che si viveva nel periodo.
    Guareschi ricorre a tutte le argomentazioni elettorali vincenti nelle elezioni del 48, e non poteva certo mancare l’episodio legato ai Caduti in Russia (nella prefazione al libro che Guareschi redasse nell’agosto del 63, la dedica “ai soldati italiani morti combattendo in Russia” è ben sottolineata). In questo caso però manca un accenno, anche solo di sfuggita, a chi ce li mandò a morire. Amnesia costante nella saga del parroco e del sindaco più amati dagli italiani di ogni colore (politico).

    ha scritto il 

  • 5

    un prete in una missione ...speciale!

    Avevo sempre pensato che questa serie di storie "doncamilliane" fossero un po' troppo sempliciotte... Sono stato invogliato da alcuni giovani amici che con ottime motivazioni mi hanno spinto a provare almeno con uno e, in effetti, questa lettura è stata davvero bella; libro ben scritto, simpatico ...continua

    Avevo sempre pensato che questa serie di storie "doncamilliane" fossero un po' troppo sempliciotte... Sono stato invogliato da alcuni giovani amici che con ottime motivazioni mi hanno spinto a provare almeno con uno e, in effetti, questa lettura è stata davvero bella; libro ben scritto, simpatico ma anche sottilmente profondo. Invece di 4 stelle gliene metto 5, tutto sommato è davvero una piccola perla, nel suo genere.

    ha scritto il 

  • 3

    Il compagno don Camillo.

    Giovannino Guareschi rimarra' sempre nella memoria di tutti per aver dato vita a due personaggi fantastici, Peppone e Don Camillo, interpretati nei films superbamente da Gino Cervi e Fernandel. Che dire di questo " il compagno don Camillo", un libro divertente, ironico, allegro, come solo Guaresc ...continua

    Giovannino Guareschi rimarra' sempre nella memoria di tutti per aver dato vita a due personaggi fantastici, Peppone e Don Camillo, interpretati nei films superbamente da Gino Cervi e Fernandel. Che dire di questo " il compagno don Camillo", un libro divertente, ironico, allegro, come solo Guareschi con la sua sottile e intelligente ironia poteva creare. Uno spasso. voto 7/10

    ha scritto il 

  • 4

    Che dire dei libri di Don Camillo? Chi non conosce questo buffo personaggio e il suo antagonista Peppone? Per me, che sono un'appassionata dei suoi film, leggere questi libri è come vivere nuove avventure insieme a loro (non tutte sono state trasposte nei film, ovviuamente). Libri leggeri che fan ...continua

    Che dire dei libri di Don Camillo? Chi non conosce questo buffo personaggio e il suo antagonista Peppone? Per me, che sono un'appassionata dei suoi film, leggere questi libri è come vivere nuove avventure insieme a loro (non tutte sono state trasposte nei film, ovviuamente). Libri leggeri che fanno sorridere e ridere. Un prete che non si comporta da prete e un comunista del dopoguerra meno rosso che mai. Nella vita non si vive sotto un'unica etichetta.

    In questo libro Don Camillo va nella tanto temuta e rossa Unione Sovietica. Anche lì avrà modo di portare il suo Dio con sè perchè il tanto sbandierato comunismo non è poi così ben voluto da tutti.

    ha scritto il 

Ordina per