Il concetto del continuum

Ritrovare il ben-essere perduto

Di

Editore: La Meridiana

4.1
(55)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 120 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8885221378 | Isbn-13: 9788885221376 | Data di pubblicazione: 

Genere: Educazione & Insegnamento , Famiglia, Sesso & Relazioni , Scienze Sociali

Ti piace Il concetto del continuum?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
La prima violenza che caratterizza la nascita della vita nella nostra cultura è la rottura traumatica del rapporto madre-bambino sin dai primi istanti di vita.
Quella separazione violenta del neonato dalla madre, imposta dalle moderne tecniche ospedaliere di gestione del parto, viene poi ripetuta spesso orgogliosamente nel corso della vita neo-natale. In realtà queste traumatiche privazioni infantili spesso costituiscono le premesse per la formazione di individui ansiosi, sradicati, aggressivi.
A partire da un'originale esperienza di condivisione con una tribù di indios venezuelani, l'autrice rilegge in queste pagine, con penetrante senso critico, il nostro contraddittorio rapporto con il bambino, spesso devastante perché privo delle più spontanee esperienze di continuum come la posizione dell’in-braccio, dell’allattamento al seno, ecc.
Quest’opera, conosciuta e tradotta in numerosi paesi dove ha stimolato anche la nascita di vivaci movimenti di opinione, chiarisce come la riappropriazione dei legami iniziali, che i genitori avvertono istintivamente verso il bambino, sia il primo ed essen- ziale contributo per educare alla pace in un mondo che gli adulti – bambini non amati di ieri – hanno condotto sull’orlo del baratro.

“Condivido pienamente quanto afferma J. Liedloff : non posso non essere d’accordo”. (Dr. Frederick Leboyer)

Jean Liedloff, nata e vissuta a New York, dopo aver preso parte a cinque spedizioni tra gli Yequana, indiani dell’”età della pietra” del Venezuela, ha messo a punto la sua originale rilettura critica del rapporto tra cultura occidentale e natu- ra con la sua opera The continuum Concepì.
Attualmente vive tra Londra e la California insegnando Psicoterapia e animando i numerosi centri che, ispirandosi al Concetto del Continuum, sono sorti in più parti del mondo.
Ordina per
  • 5

    Un libro fondamentale per chi si accinge a diventare un genitore che vuole effettivamente rispondere con efficacia ai bisogni innati di bambine e bambini.
    Richiederebbe studi ulteriori in ambito pedag ...continua

    Un libro fondamentale per chi si accinge a diventare un genitore che vuole effettivamente rispondere con efficacia ai bisogni innati di bambine e bambini.
    Richiederebbe studi ulteriori in ambito pedagogico. Consiglio Bambini del futuro di Wilhelm Reich.

    ha scritto il 

  • 4

    Il concetto non mi è nuovo, avendo ormai letto diversi libri di puericultura che appoggiano questa tesi, ma è comunque interessante leggere questo testo calato nel suo contesto (negli anni '70 non ci ...continua

    Il concetto non mi è nuovo, avendo ormai letto diversi libri di puericultura che appoggiano questa tesi, ma è comunque interessante leggere questo testo calato nel suo contesto (negli anni '70 non ci si faceva certo nessun problema a lasciare un neonato in balia dei propri "capricci") e scoprire la vita quotidiana della popolazione indigena con cui l'autrice ha vissuto. Bellissimo tutto il paragrafo dedicato alla visuale del bambino, a cosa provano i neonati, quasi struggente.

    ha scritto il 

  • 4

    Il concetto di continuum sostenuto dal libro è molto interessante e lo condivido in pieno (a prescindere dal libro). Inizialmente non ho trovato il libro molto fluido, la scrittura era un po' prolissa ...continua

    Il concetto di continuum sostenuto dal libro è molto interessante e lo condivido in pieno (a prescindere dal libro). Inizialmente non ho trovato il libro molto fluido, la scrittura era un po' prolissa e dispersiva e mi sono chiesta (anche successivamente, per la verità) se fosse proprio lo stile dell'autrice oppure una traduzione non troppo felice (esempio un "esuberante" dove sarebbe stato appropriato "ridondante").

    Il concetto in sé sarebbe da 5 stelle, ma la struttura del libro, inclusa l'incompletezza secondo me dell'ultima parte, lo penalizzano un po'. Comunque ottimo testo!

    ha scritto il 

  • 4

    Il libro non è proprio di facile lettura, ma da indicazioni chiare su cosa è "in natura" e cosa non lo è (scarrozzare in giro i bimbi su passeggini e carretti vari, non allattare al seno, ecc.ecc.). C ...continua

    Il libro non è proprio di facile lettura, ma da indicazioni chiare su cosa è "in natura" e cosa non lo è (scarrozzare in giro i bimbi su passeggini e carretti vari, non allattare al seno, ecc.ecc.). Cose che ho trovato confermate anche in tanti altri libri (particolarmente interessante a mio avviso il postscritto al libro "Allattare secondo natura", dal titolo "La nascita e la formazione del legame". Parecchi libri che trattano questi concetti tendono a essere unilaterali e per certi versi integralisti, ma ognuno può trovare degli stimoli a propria misura e a misura della frenetica vita occidentale.

    ha scritto il 

  • 3

    Non so. Le teorie dell'autrice sono interessanti e sicuramente alcune delle cose che scrive sono sacrosante e andrebbero applicate il più possibile, però a volte mi sembra esagerare, e certi passi mi ...continua

    Non so. Le teorie dell'autrice sono interessanti e sicuramente alcune delle cose che scrive sono sacrosante e andrebbero applicate il più possibile, però a volte mi sembra esagerare, e certi passi mi hanno messo addosso un'angoscia indicibile.

    ha scritto il 

  • 4

    Alcuni confronti con le popolazioni selvagge e il confronto con la società occidentale sono un po' datati e non sempre confrontabili con la nostra vita moderna... Certamente per sono interessanti gli ...continua

    Alcuni confronti con le popolazioni selvagge e il confronto con la società occidentale sono un po' datati e non sempre confrontabili con la nostra vita moderna... Certamente per sono interessanti gli spunti che fornisce sulla relazione con i propri figli. E' poi sempre difficile trovare il giusto equilibrio... Concordo però sul fatto che se noi mamme sapessimo ascoltare e quindi seguire d più il nostro istinto faremmo meglio e con meno rimorsi.

    ha scritto il 

  • 4

    Analizza la nostra civiltà e quella di una tribù dell'amazzonia, cerca di arrivare alla radice dei difetti della nostra società con considerazioni antropologiche interessantissime, propone di tornare ...continua

    Analizza la nostra civiltà e quella di una tribù dell'amazzonia, cerca di arrivare alla radice dei difetti della nostra società con considerazioni antropologiche interessantissime, propone di tornare per alcune cose alle usanze di alcune antiche tribù e si può fare e devo dire che i risultati ci sono.<br />Esagera secondo me quando parla di possibili capacità soprannaturali

    ha scritto il 

Ordina per