Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il conte di Montecristo

Di

Editore: Newton & Compton

4.6
(7241)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 806 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Spagnolo , Chi tradizionale , Francese , Tedesco , Catalano , Svedese , Portoghese , Polacco , Russo , Olandese , Ungherese

Isbn-10: 8881839385 | Isbn-13: 9788881839384 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Rilegato in pelle , Tascabile economico , Cofanetto , eBook

Genere: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Ti piace Il conte di Montecristo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il romanzo fu pubblicato nel 1844. Edmondo Dantès, marinaio, prigioniero,misteriosamente ricco, mette a soqquadro l'alta società parigina. Imprigionatoa Marsiglia nel 1815, il giorno delle nozze, con la falsa accusa dibonapartismo, rimane rinchiuso per 14 anni nel castello di If, vittimadella rivalità in amore di Fernando e in affari di Danglars, odiato anche dalmagistrato Villefort. Questi i tre nemici su cui, dopo l'evasione, cadrà laterribile vendetta di Dantès. Il romanzo associa, senza la preoccupazione diuna trama logica e ragionata, le più incredibili avventure con l'aiutoanche di uno stile agile e incalzante.
Ordina per
  • 4

    ma che bel classico!!!

    non me l'aspettavo. guardavo con timore le oltre 1000 pagine, che già intravedevo pesanti come mattoni.
    e invece, sorpresa: pur essendo il linguaggio usato d'altri tempi, e in alcuni tratti non propri ...continua

    non me l'aspettavo. guardavo con timore le oltre 1000 pagine, che già intravedevo pesanti come mattoni.
    e invece, sorpresa: pur essendo il linguaggio usato d'altri tempi, e in alcuni tratti non proprio agevole, la narrazione è sempre scorrevole e avvincente.
    emoziona e rapisce, questa storia di sfortuna, riscatto e vendetta del povero Dantes.
    colpisce la complessità e varietà della trama, l'intreccio, il modo garbato dell'autore di dare un giusto ordine e tanta chiarezza ai frequenti cambi di situazioni, che però tutte si legano in una storia dove il filo non si perde mai.
    interessante anche l'aspetto della onnipresente fede cristiana, che si respira nelle numerose invocazioni dei personaggi, e che si comprende connaturata a uomini di altri tempi.
    un classico che non deve mancare a nessun amante della lettura.

    ha scritto il 

  • 5

    Una trama che crea dipendenza

    Me lo avevano presentato come un libro da massimo dei voti.
    Ai classici mi avvicino sempre con timore, ma questo ti incolla alle pagine, una dopo l'altra ne passano mille e quasi non te ne accorgi. Du ...continua

    Me lo avevano presentato come un libro da massimo dei voti.
    Ai classici mi avvicino sempre con timore, ma questo ti incolla alle pagine, una dopo l'altra ne passano mille e quasi non te ne accorgi. Dumas è un romaziere dalla fantasia inesauribile e nel Conte di Montecristo costruisce una storia gustosa, avvincente, da leggere tutta d'un fiato nonostante la mole.

    ha scritto il 

  • 4

    Ora ditemi ancora che i soldi non fanno la felicità.
    Scherzi e buonismo a parte, Dumas fa centro con un altro libro, sebbene non riesca ad assegnargli il massimo dei voti.
    Se, nei primi capitoli, il v ...continua

    Ora ditemi ancora che i soldi non fanno la felicità.
    Scherzi e buonismo a parte, Dumas fa centro con un altro libro, sebbene non riesca ad assegnargli il massimo dei voti.
    Se, nei primi capitoli, il vostro unico pensiero sarà "ma che ha fatto sto disgraziato per meritarsi tutto questo?", nella seconda fase penserete qualcosa tipo "seeee, vabbè, nemmeno l'FBI".
    In effetti, alcune trovate e scenari sembrano TROPPO surreali, quasi sfociando nel soprannaturale. Capisco il voler concedere al conte un'aura di superiorità, ma ho storto un po' il naso per alcune forzature.

    Tuttavia, inserisco anche Il conte di Montecristo nella categoria "libri da leggere a 15 anni, ma solo se si ha la testa di uno di 30".

    Ps. Consiglio di appuntare i nomi dei personaggi incontrati, per evitare l'effetto Beautiful, tra unioni, figli e titoli nobiliari.

    ha scritto il 

  • 5

    Un capolavoro che ti affascina e ti rapisce in modo sorprendente dalle prime righe tenendoti incollata a lui fino alla fine... Non ho mai amato cosi tanto un libro e consiglio vivamente a tutti di leg ...continua

    Un capolavoro che ti affascina e ti rapisce in modo sorprendente dalle prime righe tenendoti incollata a lui fino alla fine... Non ho mai amato cosi tanto un libro e consiglio vivamente a tutti di leggerlo, perchè merita e perchè sono sicura, ne rimarrete estasiati

    ha scritto il 

  • 4

    All'ormai smaliziato lettore che riprende in mano questo colosso della letteratura dopo 30 anni non possono non apparire le smagliature, le situazioni stiracchiate, i coup-de-theatre e tutto l'armamen ...continua

    All'ormai smaliziato lettore che riprende in mano questo colosso della letteratura dopo 30 anni non possono non apparire le smagliature, le situazioni stiracchiate, i coup-de-theatre e tutto l'armamentario letterario che consentiva a un autore come Dumas di tirarla, per cosi' dire, lunga. Eppure per larghi tratti il Conte di Montecristo avvince, conquista, incatena alle sue pagine con quel personaggio, quell'Edmond Dantes che si pone a meta' tra gli eroi romantici dei Tre Moschettieri e gli uomini nuovi, positivisti, invasi dalla volontà di potenza e dalla fede nella scienza e della tecnica usciti dalla penna di Verne come Robur i conquistatore o il Capitano Nemo. O forse sara' che Dumas riesce a dipingere benissimo la società borghese che prospera in Francia negli anni 30 del XIX secolo, coi suoi banchieri, la sua nobiltà di toga, i suoi giovani avventurieri, le sue ipocrisie matrimoniali risultando persino disarmante nella sua modernità quando si azzarda a raccontare le esperienze psichedeliche con l'hascisc, quando sventola di fronte al lettore adulteri e relazioni lesbiche, coi suoi personaggi cinici e amorali oppure costretti alla perdizione dalla loro umana, umanissima avidità. Tanto moderno che nel finale Dumas prende la sua creatura, il meraviglioso Dantes, e lo riporta da eroe titanico a uomo qualunque che finalmente svuotato dello scopo della sua vita si decide finalmente a costruirsene un'altra senza inseguire il suo passato. Ed e' forse per questo che a distanza di 150 e passa anni lo si continua a leggere e credo che lo si farà ancora a lungo

    ha scritto il 

  • 5

    Fantastico!!!

    "Le ferite morali hanno questo di particolare: che si nascondono, ma non si rimarginano; sempre dolorose, sempre pronte a sanguinare quando si toccano, rimangono perennemente vive e aperte in fondo al ...continua

    "Le ferite morali hanno questo di particolare: che si nascondono, ma non si rimarginano; sempre dolorose, sempre pronte a sanguinare quando si toccano, rimangono perennemente vive e aperte in fondo al cuore"
    Romanzo travolgente con effetti a sorpresa, trovate narrative uniche per stile e genialità.
    Ogni personaggio o evento narrato incarna perfettamente i temi trattati: la vendetta, la giustizia, la misericordia e il perdono fino a toccare l’amore, il tutto visto da una prospettiva prettamente umana.
    Lettura fantastica, piacevole e molto avvincente!!!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    La parte iniziale (primi 30 capitoli) è rocambolesca e travolgente, mi è sembrata nettamente più coinvolgente della seconda (capitoli 30-50), dove in verità Dumas mi sembra allunghi parecchio il brodo ...continua

    La parte iniziale (primi 30 capitoli) è rocambolesca e travolgente, mi è sembrata nettamente più coinvolgente della seconda (capitoli 30-50), dove in verità Dumas mi sembra allunghi parecchio il brodo...Inoltre non mi piace troppo la piega che ha preso il carattere di Dantes, è diventato un uomo molto freddo e cinico, calcolatore ed impenetrabile, forse troppo per i miei gusti.
    C'è anche qualcosa nel modo di scrivere di Dumas che non mi convince, forse nel modo di descrivere i personaggi (oltre alla prolissità di alcune descrizioni)...
    Questo romanzo è molta trama, fredda ed implacabile, c'è poca introspezione, e purtroppo non è il genere di "capolavoro" che fa breccia nel mio cuore.
    Mi dispiace comunque deporlo, perché sono a circa metà, ed è un peccato...
    Il personaggio che finora sono riuscita ad apprezzare, tra i tanti incontrati nel libro, è stato l'abate Faria, bellissima la metafora della rinascita di Dantes che passa attraverso un uomo ricco di cultura, intelligente, non banale, e proprio per questo incompreso da tutti e ritenuto un folle

    ha scritto il 

  • 4

    Sorprendente...

    ...avvincente, potente, lungo...
    Credo che la maggior ragione del successo di questo romanzo sia la facile disponibilità di chi lo legge nell'identificarsi col protagonista.
    A chi non piacerebbe diven ...continua

    ...avvincente, potente, lungo...
    Credo che la maggior ragione del successo di questo romanzo sia la facile disponibilità di chi lo legge nell'identificarsi col protagonista.
    A chi non piacerebbe diventare un'eroe vendicatore che tutto può e tutto vede? Un giustiziere nero?
    In tutto questo mare di buonismo forzato un po' di giusta giustizia,forse, non farebbe male di sicuro, ed è consolante pensare che qualcuno, almeno nella fantasia, sia riuscito ad ottenerla.

    ha scritto il 

Ordina per