Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il corpo del duce

Di

Editore: Einaudi

4.1
(31)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8806141708 | Isbn-13: 9788806141707 | Data di pubblicazione: 

Genere: History

Ti piace Il corpo del duce?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il fascino personale di Mussolini ha costituito un fattore di consenso delregime fascista. Ma che cosa è successo dopo il 1945? Secondo l'autore ilcarisma del duce non è venuto meno con la sua morte. Il saggio prende le mossedal Ventennio, studiando l'immaginario della morte del dittatore all'apogeodella sua vita. Vengono quindi ripercorse le avventure della salma dopo lafucilazione: l'oltraggio collettivo di piazzale Loreto; il trafugamento daparte neofascista; il lungo periodo di occultamento in nome della ragion diStato; la controversa tumulazione a Predappio. Nell'Italia del dopoguerra, levicende del "cadavere senza pace" hanno alimentato un movimento di pietà:compatire Mussolini era un modo di compatire e perdonare se stessi.
Ordina per
  • 0

    adesso che hai ripreso a lavorare non vuoi più andare a letto

    in questo libro, quando l'ho letto, ricordo delle righe densissime di un tale

    Gadda che infilava uno dopo l'altro dei soprannomi

    bene ...continua

    adesso che hai ripreso a lavorare non vuoi più andare a letto

    in questo libro, quando l'ho letto, ricordo delle righe densissime di un tale

    Gadda che infilava uno dopo l'altro dei soprannomi

    bene basta

    ha scritto il 

  • 4

    È ovvio ma tutt'altro che banale che la persona fisica, il corpo del capo di un movimento totalitario sia oggetto di osanna, di culto, di vituperio sia in vita che in morte.<br />Il corpo del duce, ...continua

    È ovvio ma tutt'altro che banale che la persona fisica, il corpo del capo di un movimento totalitario sia oggetto di osanna, di culto, di vituperio sia in vita che in morte.<br />Il corpo del duce, perché ferito nella prima guerra mondiale, fu da subito simbolo della volontà di nuova affermazione internazionale dell'Italia. E nel 1919 fu già oggetto di un finto funerale, a Milano, organizzato da antifascisti.<br />E poi lo spietato oltraggio di piazzale Loreto («ognuno fa la morte che si addice al suo carattere»?, p. 191), la prima inumazione, il trafugamento della salma, la definitiva sepoltura a Predappio. E i successivi pellegrinaggi, e gli scontri tra "nostalgici" e antifascisti, con corredo di continue schedature poliziesche. E intanto, il tentativo del proseguimento all'infinito della presenza con la costituzione del partito politico del MSI (acrostico di "Movimento Sociale Italiano", ma anche di "Mussolini Sempre Immortale").<br />Un libro mai scontato, un modo originale di ripercorrere la storia di decenni di vita e storia italiane.

    ha scritto il