Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il corso delle cose

By Andrea Camilleri

(2351)

| Paperback | 9788838914720

Like Il corso delle cose ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Un paese della Sicilia, trent'anni fa. Vito è un solitario, soprannominato"ombra", anche se la sua vita ombre non ne ha. Una sera subisce un attentato.Un errore di persona? Secondo il maresciallo è un avvertimento, ma Vito non Continue

Un paese della Sicilia, trent'anni fa. Vito è un solitario, soprannominato"ombra", anche se la sua vita ombre non ne ha. Una sera subisce un attentato.Un errore di persona? Secondo il maresciallo è un avvertimento, ma Vito noncapisce. Cosa si vuole da lui? Perché è minacciato? Lo capirà tardi, e l'amaraverità gli darà il coraggio che non pensava di possedere. Primo romanzo diCamilleri il cui titolo prende spunto da una frase di Merleau-Ponty, "il corsodelle cose è sinuoso", frase che si adatta a una certa realtà siciliana, unarealtà che sembra sfuggire dalle mani dell'osservatore, intessuta di moventiumani elementari ma oscuri, di gesti cerimoniali che alludono a una secondanatura, a un'ipotesi dell'uomo non misurabile con i parametri della logica.

69 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    IL CORSO DELLE COSE

    Nessuno voleva pubblicare il romanzo d’esordio di colui che sarebbe diventato un grande Maestro della Letteratura Italiana: Andrea Camilleri. Nella prefazione al libro “ Il corso delle cose”, ambientato in una Sicilia post bellica dove si intravedono ...(continue)

    Nessuno voleva pubblicare il romanzo d’esordio di colui che sarebbe diventato un grande Maestro della Letteratura Italiana: Andrea Camilleri. Nella prefazione al libro “ Il corso delle cose”, ambientato in una Sicilia post bellica dove si intravedono tutte le potenzialità di quello che sarebbe diventato uno degli scrittori italiani più amati, l’autore stesso ci racconta che una delle sue massime ambizioni sarebbe stata quella di ambientare il suo racconto a Londra o a “Nuovaiorca”, ma avendo di queste città solo informazioni cinematografiche o televisive aveva dovuto rinunciare all’idea. Così, questa storia di fantasia, aveva deciso di calarla “para para” nelle strade e nelle case che ben conosceva, pur sapendo di poter incappare in qualche sventurata coincidenza. Ma delle parti sue e dei suoi compaesani aveva la presunzione di conoscere tutto, persino di indovinare i loro pensieri pur conservando la consapevolezza di potersi sbagliare.
    Il paesino siciliano dove si svolge il racconto si prepara alla festa di San Calogero.
    Nelle campagne limitrofe viene ritrovato un cadavere dentro un sacco. Sopra il corpo un paio di scarpe. Il Maresciallo Corbo (forse l’antesignano di Montalbano?) e i suoi sottoposti sono impegnati a risolvere il caso, che sembra in odor di mafia.
    Vito è un allevatore di polli onesto e mai implicato in nessun guaio, anzi lui è un un uomo ombra che si tiene sempre lontano dai guai per il suo carattere timido e schivo. Ma riceve un avviso inaspettato: dei colpi di pistola mentre sta rincasando. Cosa mai può aver fatto per ricevere questo avvertimento? L’angoscia di Vito è sempre più grande, mentre cerca di pensare a quale azione da lui commessa possa aver suscitato una reazione simile. Sa che la sua vita è in pericolo. Le rappresaglie continuano e lui vaglia ogni ipotesi possibile senza successo. Ma il Maresciallo Corbo ha un sospetto: fosse che l’”ammazzatina” e l’attentato a Vito siano in qualche modo legate? Anche Vito pian piano comincia a capire di essersi trovato per caso in mezzo a cose più grandi di lui fino al triste e amaro epilogo ordito da quel corso sinuoso delle cose che spesso riesce a coinvolgerci anche se ne siamo estranei.
    Il seme della scrittura del Maestro Camilleri è finalmente piantato. Il germoglio della ricerca di quel suo personalissimo stile, dei suoi imperdibili personaggi, della coralità umana che li avvolge è finalmente seminato, pronto a crescere e a raccogliere intorno a sé sempre più appassionati ed entusiasti lettori.
    Sembra impossibile che ci siano voluti 10 lunghi anni ( il romanzo fu scritto nel periodo tra il Primo Aprile 1967 e il 27 Dicembre del 1968), durante i quali l’autore niente più scrisse, come bloccato. Bompiani, Garzanti, Feltrinelli, Marsilio, Mondadori e tanti altri editori, rifiutarono la pubblicazione. Finchè una riduzione televisiva in tre puntate, diretta da Pino Passalacqua e intitolata “La mano sugli occhi” gli diede un po’ di credito e la Casa Editrice Lalli (nel 1978) decise di darlo alle stampe anche se il romanzo, poco pubblicizzato e non distribuito, non ebbe visibilità. Molti anni dopo, con “La forma dell’acqua”, la prima avventura del Commissario Montalbano, pubblicato e voluto da Elvira Sellerio fece la fortuna dell’autore e quella della casa editrice che si salvò dal fallimento tornando in auge con questo e con tutti gli altri libri che Camilleri scrisse in seguito raggiungendo, ad ogni sua nuova pubblicazione, i vertici delle classifiche.

    Is this helpful?

    Maristella said on Jul 7, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    il ragazzo deve crescere

    E' il primo Camilleri. E' una promessa che sarà soddisfatta.
    Questo libro, letto dopo tante opere di Camilleri non mi ha convinto del tutto, non che sia sgradevole, ma ci siamo abituati troppo bene, le parole in siciliano sono poche, la storia è un ...(continue)

    E' il primo Camilleri. E' una promessa che sarà soddisfatta.
    Questo libro, letto dopo tante opere di Camilleri non mi ha convinto del tutto, non che sia sgradevole, ma ci siamo abituati troppo bene, le parole in siciliano sono poche, la storia è un po' contorta, c'è poca ironia.
    Che vuoi farci, il ragazzo è giovane, ma crescerà.

    Is this helpful?

    millericcioli said on Mar 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Primo

    Primo libro di Camilleri e PRIMO libro suo per me.
    Bello ... scrittura veloce. Molto bella la descrizione della Sicilia.
    Ps: Il primo di una lunga serie ... sicuramente!

    Is this helpful?

    VIVA la VIDA ... said on Nov 26, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Quattro stelline perché Camilleri è riuscito a metterci tre citazioni dall'"Orlando furioso"....
    ---------
    Una breve storia siciliana, pre-Montalbano.

    Is this helpful?

    Bianca (e ora?) said on Nov 21, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Romanzo d’esordio. Nel giro di pochi giorni due avvenimenti scuotono la tranquillità di un paesino siciliano e di un onesto e tranquillo lavoratore: ma, ovviamente, l’apparenza inganna. 6

    Is this helpful?

    Josephina said on Jul 28, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book