Il cosiddetto male

Per una storia naturale dell'aggressione

Di

Editore: Garzanti (i Garzanti)

4.1
(61)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 324 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco

Isbn-10: A000032051 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Elisabetta Bolla ; Prefazione: Giorgio Celli

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Animali , Filosofia , Scienza & Natura

Ti piace Il cosiddetto male?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Non una passeggiata

    Saggio di etologia del maestro Lorenz. Non semplice come il classico "L'anello di Re Salomone" e richiede una certa concentrazione. Questa edizione contiene una prefazione di Giorgio Celli che consigl ...continua

    Saggio di etologia del maestro Lorenz. Non semplice come il classico "L'anello di Re Salomone" e richiede una certa concentrazione. Questa edizione contiene una prefazione di Giorgio Celli che consiglio di leggere all'inizio E alla fine. I primi 11 capitolo del libro sono una sorta di preparazione agli ultimi tre, dove Lorenz affronta l'argomento uomo, innestandolo all'interno delle teorie etologiche, nel senso di considerare l'uomo niente altro che una specie animale in evoluzione. Il tema conduttore del libro è l'aggressività a parte dalla descrizione dei modi di espressione dell'aggressività nelle specie animali per poi descrivere l'aggressività nelll'uomo. Si ha l'impressione che parlare dell'aggressività umana sia il desiderio di Lorenz e che la descrizione negli animali sia una scusa o un pretesto o forse una necessità visto che magari avrà pensato che da un etologo comparato non ci si aspetta la trattazione di argomenti di pertinenza della psicologia sociale.

    ha scritto il 

  • 4

    E' molto interessante. E' un saggio di etologia, e perciò non proprio divertente per i non addetti.

    Lorenz è il massimo etologo del XX secolo.
    Nota: trasferito alla Biblioteca di S.Giuseppe di Jato (PA)

    ha scritto il 

Ordina per