Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il cromosoma Calcutta

Di

Editore: Einaudi (Tascabili)

3.5
(384)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 296 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Francese

Isbn-10: 8806156101 | Isbn-13: 9788806156107 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Traduttore: Anna Nadotti

Disponibile anche come: Copertina rigida , Copertina morbida e spillati

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il cromosoma Calcutta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
New York, futuro prossimo. Antar, egiziano, naviga in rete alla ricerca dinotizie su un certo Murugan, eccentrico studioso indiano. Scopre che nel 1995,a Calcutta, Murugan svolgeva a sua volta ricerche sul Premio Nobel 1902 per lamedicina, Ronald Ross, scopritore delle modalità di trasmissione del virusmalarico dall'anofele all'uomo. E se tutti quanti fossero l'esperimento di unaltro? Un qualcuno che aveva enorme interesse a sviarli da ricerche e scopertemolto più importanti...
Ordina per
  • 2

    La caccia alla soluzione del mistero e' appassionante. Ma la trama, lo svolgimento, la confusione dei periodi in cui avvengono le azioni.. tutto questorende il libro piuttosto scarso. Onestamente? c'e ...continua

    La caccia alla soluzione del mistero e' appassionante. Ma la trama, lo svolgimento, la confusione dei periodi in cui avvengono le azioni.. tutto questorende il libro piuttosto scarso. Onestamente? c'e' di meglio. Non consigliato.

    ha scritto il 

  • 3

    Sono rimasta senza parole alla fine di questo romanzo: forse per la prima volta in vita mia non ho capito la trama...
    Una gran confusione tra passato e presente, tra personaggi reali e non, tra teorie ...continua

    Sono rimasta senza parole alla fine di questo romanzo: forse per la prima volta in vita mia non ho capito la trama...
    Una gran confusione tra passato e presente, tra personaggi reali e non, tra teorie scientifiche e credenze popolari.
    Peccato perchè l'idea della scoperta scientifica orchestrata era buona, ma il finale è davvero deludente e incomprensibile.

    ha scritto il 

  • 2

    Calcutta non fa per me

    Dopo aver letto "Il canto di Kalì" di Simmons, avevo fermamente deciso che sarei stato per sempre fisicamente lontano da Calcutta.

    Dopo aver letto "Il cromosoma Calcutta" su caloroso consiglio di un a ...continua

    Dopo aver letto "Il canto di Kalì" di Simmons, avevo fermamente deciso che sarei stato per sempre fisicamente lontano da Calcutta.

    Dopo aver letto "Il cromosoma Calcutta" su caloroso consiglio di un amico, ho deciso di ampliare la mia precedente decisione e starne lontano anche letterariamente.

    Non mi ha preso la storia, non mi hanno preso i personaggi, mi hanno infastidito le scene oniriche, e mi ha disgustato (di nuovo) la città di Calcutta. Mettiamoci pure che non apprezzo i finali aperti (o per essere precisi, del tutto mancanti) e abbiamo il quadro di un libro anche ben scritto (cosa che gli vale la seconda stellina) ma che non fa per me.

    ha scritto il 

  • 4

    Mio primo contatto con lo scrittore indiano, romanzo sicuramente avvincente, soprattutto per la parte storica che riguarda la ricerca sulla malaria da cui tutto ha avuto inizio, ma poi siam a Calcutta ...continua

    Mio primo contatto con lo scrittore indiano, romanzo sicuramente avvincente, soprattutto per la parte storica che riguarda la ricerca sulla malaria da cui tutto ha avuto inizio, ma poi siam a Calcutta e la scienza non basta, ecco entrare anche la religione e la filosofia in un intreccio appassionante...fino a dieci pagine dalla fine e qui casca il palco, tutta quella tensione, quelle straordinarie coincidenze, tutti quei misteri per cadere in un finale poco comprensibile e poco in linea con tutto il resto. Se voleva tirare le fila è venuto fuori un groviglio. E' caduto sul finale, ma per il resto un gran bel romanzo.

    ha scritto il 

  • 4

    È un romanzo che desideravo leggere da tempo perché ne avevo sempre sentito parlare in termini entusiastici. In effetti la lettura è scorrevole ed avvincente e la commistione di generi originale ed in ...continua

    È un romanzo che desideravo leggere da tempo perché ne avevo sempre sentito parlare in termini entusiastici. In effetti la lettura è scorrevole ed avvincente e la commistione di generi originale ed intrigante. Però alla fine mi è rimasta una strana sensazione... quella di avere a che fare con un gioco ad incastro nel quale non tutte le parti combaciano perfettamente, un puzzle in cui (forse) è andato smarrito l'ultimo pezzo.

    ha scritto il 

  • 4

    Avvincente e affascinante, questo romanzo mi ha coccolato per una settimana in un viaggio spazio-temporale: tre epoche diverse, personaggi che raccontano storie apprese da altri che hanno raccontato c ...continua

    Avvincente e affascinante, questo romanzo mi ha coccolato per una settimana in un viaggio spazio-temporale: tre epoche diverse, personaggi che raccontano storie apprese da altri che hanno raccontato ciò che una lettera riferiva a proposito di un altro racconto; il concatenamento di storie, i personaggi che per apparenti casualità si incrociano, lo sfondo sempre presente dell’India, passata e presente, con le sue contraddizioni, il suo paesaggio, le sue crudezze e la sua cultura. Un libro per divertirsi, lasciarsi trasportare da una storia che ha i ritmi di un thriller, apprezzare una scrittura essenziale, rapida, ma al tempo stesso colta, curiosa. Mistero, inquietudine, la dicotomia tra sapere e celare, tra scienza e superstizione, tra liberazione attraverso scienza e cultura e senso di appartenenza. Temi immensi che questo libro riesce a toccare senza banalizzarli, aprendo il nostro ragionamento a nuovi pensieri, invitandoci a uscire per un attimo dal nostro determinismo occidentale per esplorare nuovi scenari possibili.

    ha scritto il 

  • 5

    E se fosse vero?
    Se non fosse solo la trama ben congegnata di un autore che sa fondere in modo magistrale elementi immaginari e elementi scientifici facilmente riscontrabili?
    E' la cifra suggestiva di ...continua

    E se fosse vero?
    Se non fosse solo la trama ben congegnata di un autore che sa fondere in modo magistrale elementi immaginari e elementi scientifici facilmente riscontrabili?
    E' la cifra suggestiva di tutti i libri di Gosh che in questo libro, proiettato in un futuro ormai molto prossimo, prova a "unire i puntini" fra la ricerca medico/scientifica e l'intramontabile valore della mitologia sacra indiana, che non finisce mai di intrufolarsi nella quotidianità per parlarti di realtà vive e ciarliere, se solo si ha voglia e tempo di ascoltarle.
    Che poi, come ci arriva all'intuizione che lo porterà al Nobel, un ricercatore? Non è spesso la mera osservazione della realtà, a suggerirgli percorsi che sono sempre stati lì ad aspettare che lui si decidesse a considerare quell'ipotesi fino ad allora mai nemmeno immaginata?
    Per me, tutto è vero e possibile, fino alla dimostrazione del contrario.
    Aspetto che qualcuno smentisca l'ipotesi del libro, se ci riesce...

    ha scritto il 

  • 5

    Ho scoperto...

    ...Gosh grazie a questo romanzo, curiosando in libreria mi è capitato tra le mani e l'ho preso: la trama mi incuriosiva e l'incipit non era male. Non mi ha deluso affatto, a metà tra romanzo storico e ...continua

    ...Gosh grazie a questo romanzo, curiosando in libreria mi è capitato tra le mani e l'ho preso: la trama mi incuriosiva e l'incipit non era male. Non mi ha deluso affatto, a metà tra romanzo storico e racconto di fantascienza, ambientato in un futuro prossimo con salti in un passato recente e in uno piuttosto remoto. Prende le mosse da Ronald Ross lo studioso che stabilì come la malaria si trasmettesse dalle zanzare alle persone, ma poi la strada che imbocca è completamente inaspettata. Meraviglioso!

    ha scritto il 

  • 3

    Finale decisamente deludente, vedevo che le pagine si assotigliavano sempre di più e mi chiedevo come avrebbe risolto tutto l'intreccio con le poche che rimanevano.
    Non ha risolto.
    Peccato, la storia ...continua

    Finale decisamente deludente, vedevo che le pagine si assotigliavano sempre di più e mi chiedevo come avrebbe risolto tutto l'intreccio con le poche che rimanevano.
    Non ha risolto.
    Peccato, la storia non era male.

    ha scritto il