Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il cuore di Derfel

Di

Editore: Arnoldo Mondadori (Oscar Bestsellers)

4.1
(824)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 406 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8804528753 | Isbn-13: 9788804528753 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: R. Valla , G. L. Staffilano

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Copertina rigida , eBook

Genere: Fiction & Literature , History , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il cuore di Derfel?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il romanzo di Excalibur vol. 2 Artù è stretto nella morsa dei nemici della Dumnonia. Il terribile re del Powys vuole lavare nel sangue l'offesa arrecata a sua figlia Ceinwyn,ripudiata da Artù a favore di Ginevra. I cavalieri solo grazie ai poteri di Merlino riescono a sopraffare i nemici. La pace, finalmente, potrebbe essere ristabilita, se non fosse che Ceinwyn, promessa a Lancillotto, accende d'amore il cuore di Derfel. Il prode guerriero, colui che ha sconfitto i demoni dell'Isola dei Morti, non ha saputo resistere allo sguardo della principessa.Le prove che lo aspettano per coronare il suo desiderio sono molte. E alla sorte di questo amore è appeso il destino dell'intera Britannia.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    La storia di Artù e Derfel prosegue con ritmo incalzante in un bell'affresco della Britannia attorno al V secolo d.C..

    In questo libro, troviamo una nuova protagonista femminile, la dolce ...continua

    La storia di Artù e Derfel prosegue con ritmo incalzante in un bell'affresco della Britannia attorno al V secolo d.C..

    In questo libro, troviamo una nuova protagonista femminile, la dolce principessa Ceinwyin, la Stella del Powis che farà battere il cuore al nostro narratore sassone e porterà un tocco di simpatia nell'altrimenti troppo antipatico universo femminile della saga (anche se Nimue, dopo aver passato un anno tra i pazzi, ha un poco abbassato il crestino). L'unico neo della fanciulla (se proprio vogliamo trovare il classico pelo nell'uovo) è che nonostante il carattere che si rivela anticonformista per l'epoca (decide di rifiutare un matrimonio, va a caccia, intraprende un pericolosissimo viaggio nel Lleyn governato da un re pazzo)la troviamo spesso e volentieri a ricamare e far andare la conocchia con rassegnazione.

    Sulla trama, una piccola annotazione: ala fine Derfel, Nimue, Ceinwyin e Merlino si recano sull'isola di Mona (l'isola sacra ai druidi distrutta dai Romani) alla ricerca del Calderone magico e tutta la vicenda comicnia e si conclude in una trentina di pagine, forse poco di più, con un deus ex macchina, la nebbia, per sfuggire al re pazzo che sembra un po' tirato per i capelli. Ma è una mia impressione che non inficia il resto del romanzo che, come ho detto, è sempre molto gradevole.

    PS Mi scuso per la sovrabbondanza di parentesi, colpa della scrittura di getto!

    ha scritto il 

  • 4

    Ilsecondo libro del ciclo di Excalibur è stato per me più appassionante del primo: gli avvenimenti si sviluppano e lasciano più volte con il fiato sorpreso. Mi piace moltissimo il senso di forte ...continua

    Ilsecondo libro del ciclo di Excalibur è stato per me più appassionante del primo: gli avvenimenti si sviluppano e lasciano più volte con il fiato sorpreso. Mi piace moltissimo il senso di forte nostalgia per il tempo passato e per un'epoca fatta di magia ormai perduta per sempre che anima le pagine del romanzo, narrato in prima persona da Derfel, ormai vecchio e convertito al cristianesimo.

    ha scritto il 

  • 0

    A quanto pare più si va avanti e più i libri sono belli ed appassionanti! Il secondo della saga è stato (come per l'appunto suggerisce il titolo) concentrato sui sentimenti di Derfel ed ho trovato ...continua

    A quanto pare più si va avanti e più i libri sono belli ed appassionanti! Il secondo della saga è stato (come per l'appunto suggerisce il titolo) concentrato sui sentimenti di Derfel ed ho trovato il suo innamoramento per Ceywin assolutamente romantico! L'isola di Mot è stata descritta in modo splendido,sembrava quasi di star osservando il film della saga al cinema e la battaglia della valle di Lugg spettacolare; Descritta veramente bene..con precisi riferimenti all'armamentario e alle tecniche di combattimento dell'epoca. Che dire più vado avanti e più adoro questa storia..mi dispiace solo un po' per la lettura in chiave semi-negativa di Ginevra,ma in fondo la leggenda vuole di per se che ella s'innamori poi di Lancillotto quindi se il rapporto tra di loro si svilupperà a scapito del povero Artù sarà stato abbastanza prevedibile! Invito tutti alla lettura di questo splendido libro.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Guerra e magia!

    Avevamo lasciato la Britannia divisa e in guerra e così ce la ritroviamo in questo secondo libro, diretto successore del volume precedente, che continua la storia narrata da Derfel. La prima metà ...continua

    Avevamo lasciato la Britannia divisa e in guerra e così ce la ritroviamo in questo secondo libro, diretto successore del volume precedente, che continua la storia narrata da Derfel. La prima metà abbondante del libro racconta della guerra tra Artù e Gorfiddyd, guerra causata proprio da Artù che durante il suo fidanzamento con Ceinwyn, fuggì e si sposò in segreto con Ginevra. Il re del Powys vuole quindi lavare quest’onta e solo il sangue di Artù potrà placare la sua ira. Unisce quindi sotto di se vari regni e assolda numerosi mercenari per combattere contro Artù e la Dumnonia. I nostri eroi sono schiacciati dalle preponderanti forze nemiche, ma grazie alla furbizia, alla strategia di Artù e soprattutto all’intervento di Merlino, il più grande druido esistente al mondo, Gorfiddyd viene sconfitto e ucciso sul campo di battaglia. Il sogno di Artù di avere una Britannia unita e in pace pare quindi in via di realizzazione, ma l’amore ci mette di nuovo lo zampino. Durante la festa di fidanzamento tra Lancillotto e Ceinwyn, quest’ultima scappa proprio con Derfel, il cui amore segreto per la principessa viene infine ricambiato, ma stavolta Artù, uscito ancora più forte dalla guerra, riesce a mantenere la pace e a riunire i britanni per combattere i sassoni invasori. Nell’ultima parte del libro invece il nostro caro protagonista dovrà recarsi a nord con un pugno di uomini, Merlino, Nimue e all’amata, viaggiando sulla Strada Nera fino nel regno del re folle Diwyrnach, alla ricerca del Calderone di Clyddno Eiddyn, tredicesimo tesoro della Britannia che, secondo il druido, servirà per riportare gli antichi dei scacciati dai romani sulla terra e, insieme a loro, pace e prosperità per tutti i britanni.

    Questo secondo volume della saga è molto più “lento” del precedente, se infatti nel primo libro veniamo catapultati in un mondo in movimento grazie a un vario susseguirsi di eventi e personaggi, in questo seguito i regni saranno paralizzati dalla guerra e la narrazione sarà focalizzata interamente sui preparativi della battaglia e la battaglia stessa. La parte migliore è sicuramente la ricerca del Calderone, una folle ricerca in un territorio ostile dove la speranza è un lontano lumicino nell’oscurità di Diwyrnach. Nonostante la narrazione sia più lenta, l’autore riesce comunque a tenere un buon ritmo senza mai annoiare, anzi riesce a trasmettere la tensione della battaglia e la pressione del nemico durante la battaglia della valle di Lugg quasi che fossimo anche noi nel muro di scudi. Ottima anche la crescita e l’approfodimento del personaggio di Derfel, che da ragazzo con il sogno di diventare guerriero diventa uno stimato comandante degno di fiducia con sogni ormai da adulto (l’amore di una donna). Anche stavolta Cornwell riesce ad immergerci in un mondo in guerra, un mondo vero e reale dove comunque la linea di demarcazione tra realtà, magia e superstizione è molto sottile.

    Voto 4/5

    ha scritto il 

  • 4

    Secondo volume della saga di Excalibur: Artù è sull'orlo della rovina, il re di Powys vuole vendicare nel sangue l'offesa fatta a sua figlia (nel primo volume Artù era riuscito quasi a realizzare ...continua

    Secondo volume della saga di Excalibur: Artù è sull'orlo della rovina, il re di Powys vuole vendicare nel sangue l'offesa fatta a sua figlia (nel primo volume Artù era riuscito quasi a realizzare il suo sogno di una Britannia unita sposando la figlia del re di Powys, Ceinwyn, ma all'ultimo momento fugge per sposare Ginevra, la follia di un amore in uno sguardo!)e ha tutte le carte in regola per distruggere il suo nemico! Inaspettatamente Artù vince ma non da solo... E poi ci riprova: vuole unire la Britannia, perdona l'erede del re di Powys e vuole dare Ceinwyn in sposa a Lancillotto .. Ma di nuovo l'amore ci mette lo zampino: Derfel si innamora di Ceinwyn e ne è ricambiato; i due fuggono insieme coronando il loro sogno d'amore. Più avvincente la seconda parte del libro dove Derfel Ceinwyn partono con Merlino e Nimue alla ricerca del Calderone che riporterà i veri dei in Britannia. In questa seconda parte si alza il livello della narrazione, con continui colpi di scena che mantengono viva l'attenzione, la suspence.. Il calderone ritrovato ma gli dei torneranno a guardare con occhio benigno la Britannia??

    ha scritto il 

  • 0

    La -nuova- più bella versione che io abbia mai letto.

    È da quando ero bambina che leggo i vari cicli arturiani… sono stati così tanti che nemmeno li ricordo. Mi sembra d’averli apprezzati più o meno tutti, ma questo è indubbiamente il mio ...continua

    È da quando ero bambina che leggo i vari cicli arturiani… sono stati così tanti che nemmeno li ricordo. Mi sembra d’averli apprezzati più o meno tutti, ma questo è indubbiamente il mio preferito. La leggenda di Excalibur, Merlino, Artù, Ginevra, Morgana, Lancillotto, Galahad… Camelot… qui raccontata divinamente da un nuovo eroe "Derfel". Figlio di una schiava sassone, cresciuto nella dimora di Merlino, guerriero valoroso di Artù … Libro stupendo, come la persona che me lo ha regalato. Grazie Sarah.

    ha scritto il 

  • 5

    Artù è stretto nella morsa dei nemici della Dumnonia. Il terribile re del Powys vuole lavare nel sangue l'offesa arrecata a sua figlia Ceinwyn, ripudiata da Artù a favore di Ginevra. I cavalieri ...continua

    Artù è stretto nella morsa dei nemici della Dumnonia. Il terribile re del Powys vuole lavare nel sangue l'offesa arrecata a sua figlia Ceinwyn, ripudiata da Artù a favore di Ginevra. I cavalieri solo grazie ai poteri di Merlino riescono a sopraffare i nemici. La pace, finalmente, potrebbe essere ristabilita, se non fosse che Ceinwyn, promessa a Lancillotto, accende d'amore il cuore di Derfel. Il prode guerriero, colui che ha sconfitto i demoni dell'Isola dei Morti, non ha saputo resistere allo sguardo della principessa. Le prove che lo aspettano per coronare il suo desiderio sono molte. E alla sorte di questo amore è appeso il destino dell'intera Britannia.

    ha scritto il