Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il curioso caso di Benjamin Button

Di ,

Editore: Donzelli

3.5
(917)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 59 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale

Isbn-10: 8860363470 | Isbn-13: 9788860363473 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Bianca Lazzaro

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Comics & Graphic Novels , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il curioso caso di Benjamin Button?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La vita scorre all'indietro, per Benjamin Button. In un giorno d'estate del 1860, per un inspiegabile scherzo del destino, lui nasce già vecchio: un uomo dell'apparente età di settant'anni, dentro una culla. E poi comincia a ringiovanire, muovendosi controcorrente rispetto alla Storia. Mentre la buona borghesia di Baltimora, a cui appartiene anche suo padre, osserva con un misto di meraviglia, imbarazzo e riprovazione.
Ordina per
  • 2

    Non ho trovato particolarmente bello questo libro la cui lettura è molto rapida! Io avrei approfondito maggiormente alcune tappe di vita del protagonista.

    ha scritto il 

  • 2

    Come dice Caparezza "Il curioso caso di Benjamin Button lo vedi al contrario ed è un film come un altro". Forse avevo delle grosse aspettative, ma non mi ha detto proprio niente.

    ha scritto il 

  • 5

    Intimo...

    ...molto piuù di quanto possa sembrare.
    quante volte mi sono detto:"che figata sarebbe vivere in pensione fino a 50anni godersi la vita e poi iniziare a lavorare?". Ecco. Nascere vecchi e morire bimbi. quante riflessioni, ma quanta solitudine. Quanta incomprensione.
    Il film che ne è stato tratto, ...continua

    ...molto piuù di quanto possa sembrare. quante volte mi sono detto:"che figata sarebbe vivere in pensione fino a 50anni godersi la vita e poi iniziare a lavorare?". Ecco. Nascere vecchi e morire bimbi. quante riflessioni, ma quanta solitudine. Quanta incomprensione. Il film che ne è stato tratto, bellissimo, ma tralascia un sacco di rabbia per far posto alla dolcezza. Buone letture. BUONAVITA!

    ha scritto il 

  • 2

    Non il miglior Fitzgerald

    Racconto breve e geniale per la tematica trattata, ma forse non è quello che riesce meglio a Fitzgerald. Avvicinato alla lettura del testo dall'omonimo film visto in precedenza (riprovevole), non ho trovato "quel qualcosa" che rende unico Fitzgerald nel suo modo di scrivere.

    ha scritto il 

  • 5

    La cosa più ingiusta della vita è come finisce. Voglio dire: la vita è dura e impiega la maggior parte del nostro tempo. Cosa ottieni alla fine? La morte. Che significa? Che cos’è la morte? Una specie di bonus per aver vissuto? Credo che il ciclo vitale dovrebbe essere del tutto rovesciato. Bi ...continua

    La cosa più ingiusta della vita è come finisce. Voglio dire: la vita è dura e impiega la maggior parte del nostro tempo. Cosa ottieni alla fine? La morte. Che significa? Che cos’è la morte? Una specie di bonus per aver vissuto? Credo che il ciclo vitale dovrebbe essere del tutto rovesciato. Bisognerebbe iniziare morendo, così ci si leva subito il pensiero. Poi, in un ospizio dal quale si viene buttati fuori perché troppo giovani. Ti danno una gratifica e quindi cominci a lavorare per quarant’anni, fino a che sarai sufficientemente giovane per goderti la pensione. Seguono, feste, alcool, erba ed il liceo. Finalmente cominciano le elementari, diventi bambino, giochi e non hai responsabilità, diventi un neonato, ritorni nel ventre di tua madre, passi i tuoi ultimi nove mesi galleggiando, e finisci il tutto con un bell’orgasmo! Woody Allen

    Al di là del fascino della storia narrata e che tutti ormai conoscono grazie alla trasposizione cinematografica con Brad Pitt, ancora una volta è stata la scrittura di Fitzgerald ad incantarmi. Un autore che ho deciso di leggere rigorosamente in lingua e che, con la sua leggiadria, i suoi chiaroscuri emotivi e il suo tono ironico, ha su di me un evidente potere ammaliatore. Insomma, nonostante questo breve racconto sembra essere per molti fonte di delusione, le mie cinque stelle erano pressoché scontate :D

    ha scritto il 

Ordina per