Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il deserto dei Tartari

By Dino Buzzati

(33)

| Paperback

Like Il deserto dei Tartari ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

1003 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    "Il Deserto dei Tartari" è una metafora in salsa militare della crudeltà della vita, di come invecchiando le porte che credevamo aperte a tutte le possibilità si chiudano di colpo, spesso senza che ce ne accorgiamo e di come sia facile trovarsi da un ...(continue)

    "Il Deserto dei Tartari" è una metafora in salsa militare della crudeltà della vita, di come invecchiando le porte che credevamo aperte a tutte le possibilità si chiudano di colpo, spesso senza che ce ne accorgiamo e di come sia facile trovarsi da un giorno all'altro con un grande avvenire dietro alle spalle, come diceva Gassman.

    La tragedia dell'invecchiare sta forse nel non rendersene conto se non quando è troppo tardi e Buzzati la racconta benissimo, dal punto di vista di un tenente dell'esercito di un fantomatico impero dell'Europa Centrale, che vede scorrere tutta la vita nell'attesa di un nemico all'orizzonte di uno sconfinato deserto, scrivendo con la neve, con gli spazi, con le ombre, per rendere in maniera straordinaria la claustrofobia di orizzonti sconfinati, la somiglianza di personaggi sfocati e l'incompatibilità di vite che scorrono a velocità diverse.

    Il romanzo chiude con l'ultima beffa della vita, madre matrigna, ed un messaggio morale di fondo, il coraggio di accettare la propria mortalità vale tanto quanto quello necessario per affrontare i propri nemici in battaglia, che riesce a dare in extremis un senso a tutta un'esistenza.

    Bello, di quel tipo di bello che ti si proietta automaticamente nella tua propria vita a trarre bilanci; di quel bello che girata l'ultima pagina ti lascia come una zampata di leone a scavare nelle viscere, come un senso di rimpianto per qualcosa di non meglio imprecisato che non hai fatto e che hai perduto per sempre, perché in fondo siamo tutti un po' dei Tenente Drogo.

    Is this helpful?

    Albertozeta said on Sep 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Regala momenti di riflessione!

    Non sempre vale la pena di aspettare qualcosa, senza sapere esattamente cosa, o aspettare l’occasione di redimere la propria vita…
    Forse vale la pena di crearla l’occasione, e di viverla fino in fondo, senza rimpianti!
    Buzzati ci insegna a non consid ...(continue)

    Non sempre vale la pena di aspettare qualcosa, senza sapere esattamente cosa, o aspettare l’occasione di redimere la propria vita…
    Forse vale la pena di crearla l’occasione, e di viverla fino in fondo, senza rimpianti!
    Buzzati ci insegna a non considerare illimitato il tempo che abbiamo a disposizione, perché la vita è troppo breve e il rimpianto e il rammarico lasciano l’amaro in bocca.

    Is this helpful?

    Sonia said on Sep 23, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Attesa, abitudine, disperazione, pigrizia, paura, disillusione, inganno, dolore, sorpresa.
    Chi è Drogo? L'uomo, che è anche (ma, fortunatamente, non solo) abitudinario e inconsapevole del tempo che passa invano.

    Is this helpful?

    Theut said on Sep 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    A cena con amici, un paio di settimane fa, si parlava di progetti, desideri e miraggi ed hanno chiamato in causa questo romanzo.
    Ho cercato di sembrare intelligente ed assertiva, mentre mi maledicevo per non averlo ancora letto.
    Edizione comprata in ...(continue)

    A cena con amici, un paio di settimane fa, si parlava di progetti, desideri e miraggi ed hanno chiamato in causa questo romanzo.
    Ho cercato di sembrare intelligente ed assertiva, mentre mi maledicevo per non averlo ancora letto.
    Edizione comprata in lire!
    Potessi tornare alla cena obietterei vivacemente: noi si parlava di FARE cose, VEDERE gente... (cit)
    Mentre alla Fortezza vige una mesta atmosfera di stagnante attesa.

    Is this helpful?

    Silvia said on Sep 23, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection