Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il deserto dei Tartari

By Dino Buzzati

(447)

| Mass Market Paperback

Like Il deserto dei Tartari ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

998 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    La palabra clave en ésta novela es "metáfora". Muy explícita eso sí,lo que le resta puntos a la hora de calíficar de obra maestra ,como he leído en varias ocasiones, a este libro.

    Una metáfora de como mientras soñamos y hacemos planes, la vida va tr ...(continue)

    La palabra clave en ésta novela es "metáfora". Muy explícita eso sí,lo que le resta puntos a la hora de calíficar de obra maestra ,como he leído en varias ocasiones, a este libro.

    Una metáfora de como mientras soñamos y hacemos planes, la vida va transcurriendo (me suena a canción nostálgica). De como pasan los años, la juventud. De la eterna Espera.

    Una fortaleza construída de anhelos y un final de vida lejano a lo que habríamos querido. creo que esto les suena a todos. Pero, es verdad, que le falta algo de esperanza.

    Eso sí, es innegable que es una lectura maravillosa, plena de matices e interiorista.

    Is this helpful?

    Jose Original said on Sep 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    sono entrato in un posto piccolo un pub di merda, ha digitato Glasgow,
    e avevo la chitarra con me insomma
    mi volevo fare una birra
    ne prendo una e me la porto al tavolo e mi metto seduto e
    comincio a bere ripenso
    alla musica al pezzo che io e Dubli ...(continue)

    sono entrato in un posto piccolo un pub di merda, ha digitato Glasgow,
    e avevo la chitarra con me insomma
    mi volevo fare una birra
    ne prendo una e me la porto al tavolo e mi metto seduto e
    comincio a bere ripenso
    alla musica al pezzo che io e Dublino stiamo finendo
    di scrivere
    sono al pub sto seduto mi bevo la birra il bicchiere si svuota arriva
    la cameriera
    afferra il bicchiere e prima di andarsene
    mi guarda si posa su una gamba
    con una mano in vita e il gomito in fuori
    piega anche un po'
    il collo e mi chiede ma
    che suoni a fare?
    di solito quando uno sa che suono mi chiede
    che suoni? no
    che suoni a fare?
    forse per non diventare una testa di merda come te
    gli avrei voluto dire
    invece l'ho lasciata svanire via con il mio bicchiere vuoto e un sorriso
    da stronza troia
    vabbè, ha digitato Siena,
    ma come al solito racconti
    storie di altri che non c'entrano niente
    rispondi alla domanda
    che domanda?, ha digitato Glasgow,
    amico o nemico?, ha digitato Blankenburg, che però noi chiamiamo Harz,
    nemico centopercento cazzo, ha digitato Glasgow,
    e perché nemico?, ha digitato Harz,
    che cazzo di domanda ovvio perché, ha digitato Glasgow,
    solo con un grande nemico si diventa grandi
    se il tuo nemico è una merda
    tanto meglio tu non sei
    senza inferno niente paradiso eh?, ha digitato Harz,
    già, ha digitato Glasgow,
    e se il nemico non c'è?, ha digitato Siena,
    non lo so, ha digitato Glasgow,
    forse non lo saprai mai, ha digitato Harz,
    ma forse è meglio, ha digitato Siena,
    e perché? ha digitato Glasgow,
    pensa a tutte le guerre inventate, ha digitato Siena,
    a tutti i dualismi alle opposizioni
    non sarebbe bello essere al di sopra del conflitto?
    ma questo sarebbe inumano, ha digitato Glasgow,
    se vuoi essere il più grande a che altro vuoi mirare?, ha detto Harz,
    touché, ha digitato Glasgow,
    mi faccio un latte con l'assenzio in tuo onore
    è ancora il tuo preferito vero?
    sì sì, ha digitato Harz,
    cazzznzkaar, ha digitato Siena, che sicuramente ha vomitato.

    Is this helpful?

    (skate) said on Sep 13, 2014 | 4 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    In terza media ho letto, direttamente dalle pagine patinate del mio libro di antologia, un vecchio racconto che non riesco più a collocare. Non ne ricordo l'autore né la sua nazionalità (anche se fermamente sono convinto sia italiano), non ne ricordo ...(continue)

    In terza media ho letto, direttamente dalle pagine patinate del mio libro di antologia, un vecchio racconto che non riesco più a collocare. Non ne ricordo l'autore né la sua nazionalità (anche se fermamente sono convinto sia italiano), non ne ricordo il titolo e quasi comincio a pensare che sia una mia invenzione. Dalla prima pagina di questo libro, però, ho istantaneamente istituito un parallelo tra i due di cui non sono riuscito a liberarmi.
    Nel racconto, un pescatore (ma potrebbe essere un naufrago, un soldato o anche una persona che si trovasse in mare per caso) è inseguito da una bestia marina, tutti gli dicono di scapparne perché è il messaggero della morte e quindi, il soldato/pescatore/uomo a caso scappa. La bestia lo raggiunge in punto di morte e gli dice di essere un benevolo inviato del cielo lì per portare fortuna oppure concedergli un desiderio (circa).
    Nel 'deserto dei tartari', un soldato (ma potrebbe essere un naufrago, un pescatore o anche una persona che si trova lì per caso) viene inviato in una fortezza di montagna, tutti lo invitano a scapparne perché è la seducente gabbia del tempo che passa e quindi, il soldato/pescatore/uomo, si presenta dal suo superiore per chiedere di esser sollevato. La fortezza però lo raggiunge e lo imprigiona e lo tiene stretto a sé e diventerà più importante del mondo intero, più importante di qualsiasi desiderio.

    È quasi la stessa storia, da due punti di vista diversi. Da un lato si scappa dalla bestia, dall'altro se ne diventa schiavi ed invertendo l'ordine degli addendi il risultato non cambia.
    Mi è piaciuto. Tanto. Non me lo aspettavo. Alla fine è una storia di attese e queste raramente sanno coinvolgere. Ti metti sul divano, apri il libro e aspetti con loro.

    Is this helpful?

    Andante con moto said on Sep 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Stupefacente

    Credevo di avere di fronte un classico invece avevo di fronte un capolavoro.

    Is this helpful?

    Audrey77 said on Sep 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    il tempo

    "Non è vero che abbiamo poco tempo: la verità è che ne perdiamo molto." - Lucio Anneo Seneca

    Is this helpful?

    Squiro said on Sep 9, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book