Il diario di Bridget Jones

Chili, amore e sigarette: un anno appassionatamente single

Di

Editore: Sonzogno (I Romanzi)

3.7
(5633)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 319 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Francese , Tedesco , Olandese , Catalano , Svedese , Ceco , Giapponese , Portoghese , Polacco , Rumeno , Danese

Isbn-10: 884541096X | Isbn-13: 9788845410963 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Olivia Crosio

Disponibile anche come: Altri , Paperback

Genere: Narrativa & Letteratura , Umorismo , Rosa

Ti piace Il diario di Bridget Jones?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Mangia troppo, beve troppo, fuma troppo, ha una mamma troppo invadente, unuomo troppo sposato e troppo pochi "pretendenti". E' il ritratto di una singledi oggi, moderna trentenne in carriera, quale risulta dal diario di un annodella sua vita, dove vengono raccontati, con humor e ironia, i problemi, lesperanze, le delusioni di una donna qualunque.
Ordina per
  • 3

    Simpatico!

    Un libro simpatico, fresco che ha fatto ridere la me adolescente, curiosa di scoprire cosa riservasse il futuro al genere femminile.
    Certo, Bridget non è un modello di donna tradizionale, ma la sua fr ...continua

    Un libro simpatico, fresco che ha fatto ridere la me adolescente, curiosa di scoprire cosa riservasse il futuro al genere femminile.
    Certo, Bridget non è un modello di donna tradizionale, ma la sua freschezza, la sua semplicità e sbadataggine mi ha colpito. Mi sono subito affezionata alla protagonista e ho letto con piacere le sue avventure, anche se molte di esse sono ASSURDE!

    ha scritto il 

  • 1

    Questo libro si è rivelato una vera cantonata! Non che mi aspettassi un capolavoro, intendiamoci, ma le mie seppur basse aspettative sono state decisamente asfaltate.
    Si tratta di un libercolo infimo ...continua

    Questo libro si è rivelato una vera cantonata! Non che mi aspettassi un capolavoro, intendiamoci, ma le mie seppur basse aspettative sono state decisamente asfaltate.
    Si tratta di un libercolo infimo da tutti i punti di vista: la protagonista ha la profondità di un sottovaso, con il suo pernicioso fancazzismo e le continue lamentele; gli amici sono degni compari tra femminismo d'accatto e omosessualità banale; il capo (oh mamma...) è il prototipo dell'uomo squallido, capace solo di parlare della lunghezza di una gonna e di apostrofare la donna con cui sta flirtando con uno stuzzicante (oh mamma bis!...) epiteto come "vacca".
    Anche l'intreccio è noioso e fa rimpiangere il caro vecchio humor inglese, qui totalmente assente. Per pagine e pagine si leggono cifre relative a sigarette fumate, calorie ingurgitate, alcolici scolati, gratta e vinci comprati e amenità del genere, alternati a lagne relative al lavoro (che la protagonista non svolge e che, inspiegabilmente, non perde) e a racconti relativi alla storia con il capo di uno squallore disarmante. Non esiste un interesse che non sia il sesso... Che esasperazione!
    L'unico che si salva è Mark Darcy, avvocato un po' ingessato ma di buoni sentimenti. Tutto sommato si tratta del personaggio meglio riuscito, condito con una spruzzata di aplomb britannico che non guasta.
    Per me resta un grande mistero come abbiano potuto tirare fuori da un libro così scadente un film leggero che ancora, a distanza di anni, mi fa ridere.
    In sintesi, se vi dovesse venire il desiderio di avere a che fare con Bridget Jones, mettetevi sul divano e accendete la televisione, eviterete una grande delusione e passerete una serata piacevole!

    ha scritto il 

  • 4

    Finalmente ho capito perché libro e film hanno avuto così tanto successo!
    Avevo visto un sacco di volte il film che mi è piaciuto ma non sono mai diventata una grande fan di questa Bridget..
    Ma dopo a ...continua

    Finalmente ho capito perché libro e film hanno avuto così tanto successo!
    Avevo visto un sacco di volte il film che mi è piaciuto ma non sono mai diventata una grande fan di questa Bridget..
    Ma dopo aver letto il libro posso dire che l'apprezzo molto di più!
    L'ho trovata una lettura davvero divertente e spiritosa. Non resta altro che leggere il seguito!

    ha scritto il 

  • 4

    Estaba sentada frente al espejo, con un sujetador de aspecto caro y color café, poniéndose rímel en las pestañas, con la boca muy abierta (la necesidad de abrir la boca durante la aplicación del rímel ...continua

    Estaba sentada frente al espejo, con un sujetador de aspecto caro y color café, poniéndose rímel en las pestañas, con la boca muy abierta (la necesidad de abrir la boca durante la aplicación del rímel: gran misterio de la naturaleza sin resolver).

    ha scritto il 

  • 1

    DELUSIONE

    MI ASPETTAVO MOLTO DI Più DA QUESTO LIBRO, DOPO AVER VISTO E RIVISTO IL FILM CHE HO LETTERALMENTE AMATO. INVECE HO TROVATO UNA BRIDGET AL LIMITE DELLA STUPIDITA' UMANA, UNA VERA INETTA, NON CERTO L AD ...continua

    MI ASPETTAVO MOLTO DI Più DA QUESTO LIBRO, DOPO AVER VISTO E RIVISTO IL FILM CHE HO LETTERALMENTE AMATO. INVECE HO TROVATO UNA BRIDGET AL LIMITE DELLA STUPIDITA' UMANA, UNA VERA INETTA, NON CERTO L ADORABILE PASTICCIONA CHE ERA RENEE ZELLWEGER NEL FILM. TUTTO IL LIBRO (SOPRATTUTTO LE PARTI CHE RIGUARDANO LA MADRE), L HO TROVATO VERAMENTE IRRITANTE TANTO ERA DESCRITTA COME UNA VERA IGNORANTE LA PROTAGONISTA. FINO ALLA FINE SEMBRA NON SUCCEDERE UN BEL NIENTE QUANDO POI L' AUTRICE CI SBATTE DENTRO QUELLA TROVATA GENIALE SULLA MADRE ASSOLUTAMENTE INVEROSIMILE SECONDO ME. UNA DELUSIONE PER UN ROMANZO COSì FAMOSO, MILLE VOLTE MEGLIO IL FILM!!!

    ha scritto il 

  • 2

    null

    Ma... ma... Ma come hanno fatto a tirarne fuori il film esilarante e divertente che tutti hanno visto da un libro così? Film batte il libro 2 - 0. Ed è una cosa proprio rara.
    Però il seguito lo leggo ...continua

    Ma... ma... Ma come hanno fatto a tirarne fuori il film esilarante e divertente che tutti hanno visto da un libro così? Film batte il libro 2 - 0. Ed è una cosa proprio rara.
    Però il seguito lo leggo lo stesso, non si sa mai!

    ha scritto il 

  • 2

    Bridget è una ragazza inglese in cerca dell’amore eterno, quello che descrivono le fiabe o i film ultra romantici. Ma il suo aspetto fisico, il non sentirsi affatto bella, un po’ di sovrappeso, la sua ...continua

    Bridget è una ragazza inglese in cerca dell’amore eterno, quello che descrivono le fiabe o i film ultra romantici. Ma il suo aspetto fisico, il non sentirsi affatto bella, un po’ di sovrappeso, la sua goffaggine e l’invadenza del parentado nella sua situazione sentimentale, rendono Bridget molto insicura.

    In un momento di impulsività e di intraprendenza, inizia uno scambio di mail con il suo capo, del quale è decisamente invaghita, e, per qualche momento, pensa di aver trovato quello che stava cercando. Ma così non è. Il giovane si rivela presto per quello che è, cioè uno sbruffone in cerca di divertimento.

    Intanto Bridget è travolta anche dai problemi di coppia dei genitori e dall’unione della madre con un truffatore. Ma, come ci si aspetta dal genere chick-lit, sarà proprio tra le conoscenze della famiglia che Bridget troverà l’amore con la A maiuscola.

    Ovviamente non posso che definirla una lettura leggera, anche perchè le situazioni che fanno da contorno alla protagonista, sono al limite dell’improbabilità…

    Carino! Da leggere quando si vuole “evadere” dai brutti pensieri.

    ha scritto il 

  • 4

    Sorprendentemente divertente

    Devo dire che questa lettura è stata sorprendentemente piacevole. Dico “sorprendentemente” perché all’inizio non sapevo se sarei arrivata alla fine del libro: le prime pagine presentano infatti l’imma ...continua

    Devo dire che questa lettura è stata sorprendentemente piacevole. Dico “sorprendentemente” perché all’inizio non sapevo se sarei arrivata alla fine del libro: le prime pagine presentano infatti l’immagine di una Bridget sciocca, vuota, infantile e oserei dire stupida.
    Ma man mano che si va avanti e che si entra nel vivo della narrazione si capisce meglio il tipo di personaggio che ci viene presentato: una giovane donna che ha assorbito molto della cultura popolare degli anni Ottanta e dei primi anni Novanta e che sogna un amore totalmente idealizzato e non reale, al quale però continua a credere proprio perché è figlia della cultura del suo tempo, ed è cresciuta guardando film che parlano di amori sconvolgenti e tormentati che poco hanno a che fare con il reale rapporto amoroso.
    Penso che questo romanzo descriva anche la maturazione del personaggio di Bridget, perché il susseguirsi degli eventi, a poco a poco la portano al di fuori del suo mondo fatto di idealizzazioni, facendole comprendere che la vita reale, e sopratutto i rapporti sentimentali, sono ben’altro da ciò che lei immagina.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per