Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il diario segreto di Laura Palmer

I segreti di Twin Peaks

Di

Editore: Sperling & Kupfer

3.0
(343)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 197 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo

Isbn-10: 8820011557 | Isbn-13: 9788820011550 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Roberta Rambelli

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Il diario segreto di Laura Palmer?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il diario di un’adolescente: che cosa c’è di più naturale e, apparentemente, innocuo? Tuttavia, lo strumento al quale Laura Palmer affida le sue più intime confessioni si trasforma in un documento tanto scottante da diventare fatale. Registrando infatti episodi e pensieri, sfoghi e turbamenti, svela l’inquietante doppia identità di chi lo scrive. Laura possiede due volti: se agli occhi della pacifica comunità di Twin Peaks è una figlia e una studentessa modello, nonché una cittadina in vista per il suo impegno in attività assistenziali, per un gruppo assai ristretto di individui è invece una cocainomane morbosamente attratta - e al contempo segretamente angosciata - dal sesso. La sua vicenda, oscura e scabrosa, è inesorabilmente legata a un personaggio diabolico e misterioso che la incatena a sé attraverso una pesante dipendenza psicologica. Sconcertante nella sua sincerità senza veli, il diario segue fedelmente l’alterno oscillare della protagonista tra desideri di redenzione, d’integrazione nella normalità di una vita borghese e socialmente approvata, quale è infatti il profilo pubblico di Laura, e radicali ribellioni tanto liberatorie quanto, a posteriori, tormentose. In queste fughe disperate dalla routine, la giovane sprofonda nel turbine di una sessualità orgiastica e nella schiavitù della droga. Ma a un certo punto il rapporto privilegiato tra Laura e il suo unico confidente viene irreparabilmente sconvolto da un intruso, che legge quelle pagine incandescenti e proibite... La situazione precipita...Una storia ambigua e violenta, narrata con un tono volutamente crudo, che getta uno sguardo dietro la facciata perbene della provincia americana. Un racconto di grande, irresistibile suggestione, che mescola sapientemente il brivido del thriller alla narrazione di scavo psicologico.
Ordina per
  • 1

    scialbo

    Sono arrivato a questo libro per caso, approfondendo il fenomeno di twin peaks che a suo tempo non mi coinvolse. Beh, la figlia di David Lynch non ha certo il talento del padre pur avendo per le mani un background eccellente. Ne esce un libro che dovrebbe essere il diario di una ragazzina, ma qu ...continua

    Sono arrivato a questo libro per caso, approfondendo il fenomeno di twin peaks che a suo tempo non mi coinvolse. Beh, la figlia di David Lynch non ha certo il talento del padre pur avendo per le mani un background eccellente. Ne esce un libro che dovrebbe essere il diario di una ragazzina, ma questa ragazzina pensa come una donna adulta. E a poco serve la scusa di BOB per togliermi di dosso la sensazione di un libro eccessivamente prurIgino so.

    ha scritto il 

  • 4

    Parte come un plagio di Anna Frank e procede su stilemi Moccia/Melissa P. ma fortemente anni '90, con tanto di cliché sul fatto che una brava bambina americana bionda deve per forza volere un pony nel suo giardino. Tanto di culto e un po' trash allo stesso tempo che mi immagino Laura Palmer vesti ...continua

    Parte come un plagio di Anna Frank e procede su stilemi Moccia/Melissa P. ma fortemente anni '90, con tanto di cliché sul fatto che una brava bambina americana bionda deve per forza volere un pony nel suo giardino. Tanto di culto e un po' trash allo stesso tempo che mi immagino Laura Palmer vestire solo Onyx in scenari Lynchiani.

    Palesemente, quindi, un merchandising a favore del successo della serie TV (non ci voleva un genio per capirlo) ma, in qualche modo, vuoi per l'aura nostalgica, diventa addictive.

    ha scritto il 

  • 5

    Penso che sia scritto benissimo e che rifletta a pieno la personalità di Laura. Anche se forse sono pensieri un pò troppo complessi per una sedicenne, bisogna ammettere che Laura è cresciuta troppo in fretta e ha dovuto mettersi a confronto con tante cose che nessuno sperimenta neanche in una vit ...continua

    Penso che sia scritto benissimo e che rifletta a pieno la personalità di Laura. Anche se forse sono pensieri un pò troppo complessi per una sedicenne, bisogna ammettere che Laura è cresciuta troppo in fretta e ha dovuto mettersi a confronto con tante cose che nessuno sperimenta neanche in una vita intera.

    ha scritto il 

  • 0

    Mentre leggevo questo romanzo, mi chiedevo se fosse una storia vera e nel caso fosse reale, come può una ragazza non avere dignità per se stessa e "buttuare" l'adolescenza in quel modo?...Però già il libro potrebbe aiutare tanti ragazzi capire gli errori che si commettono con la droga.

    ha scritto il 

  • 1

    Il volume ripercorre, sotto forma di diario, la vita di Laura Palmer, dall'età di dodici anni fino al giorno della sua morte. È riportata la doppia natura della ragazza, il suo lento declinare in una vita di prostituzione e abuso di alcol mentre, a casa, mantiene l'immagine di reginetta della scu ...continua

    Il volume ripercorre, sotto forma di diario, la vita di Laura Palmer, dall'età di dodici anni fino al giorno della sua morte. È riportata la doppia natura della ragazza, il suo lento declinare in una vita di prostituzione e abuso di alcol mentre, a casa, mantiene l'immagine di reginetta della scuola e angelo del focolare domestico.

    ha scritto il 

  • 1

    Imbarazzante.

    Perché non aggiunge e non toglie niente al telefilm.

    Perché non brilla mai, neppure per un momento. La sua è piatta volgarità, non radicale oscenità.

    Perché toglie ogni residuo dubbio sulla mediocrità della figlia di Lynch.

    ha scritto il