Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il diavolo in cattedra

La logica da Aristotele a Gödel

Di

Editore: Einaudi

3.7
(282)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 299 | Formato: Altri

Isbn-10: 8806167219 | Isbn-13: 9788806167219 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Philosophy , Science & Nature

Ti piace Il diavolo in cattedra?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La logica è lo studio del logos - cioè del pensiero e del linguaggio - epoiché le più profonde realizzazioni del pensiero e le più sofisticateespressioni del linguaggio si trovano nella filosofia e nella matematica,la logica permea le storie di queste due discipline, come intende mostrare "Ildiavolo in cattedra". Con tono scherzoso, ma anche con il rigore e laprecisione dell'Odifreddi docente di Logica all'Università di Torino, il libroprende in esame la logica formale, le sue intersezioni con la logicamatematica e con la dialettica.
Ordina per
  • 5

    A volte il diavolo è un buon maestro

    Il libro di Odifreddi è entusiasmante.
    Benché la parte introduttiva di carattere storico-filosofico sia eccessivamente stringata, le sezioni piú propriamente tecniche sono strepitose: la profondità e ...continua

    Il libro di Odifreddi è entusiasmante.
    Benché la parte introduttiva di carattere storico-filosofico sia eccessivamente stringata, le sezioni piú propriamente tecniche sono strepitose: la profondità e la competenza con cui vengono trattati gli argomenti sono pari solo alla chiarezza dell'esposizione e all'ironia con cui vengono alleggeriti tutti i concetti, anche i piú complicati.
    Da bravo matematico, l'autore non arretra di fronte ai teoremi, anzi li passa in rassegna con dovizia di dettagli accennando in margine alle dimostrazioni, ma ciò che piú gli preme è far emergere un quadro complessivo della materia ricomponendo i risultati piú importanti ottenuti nelle varie epoche (con il '900 a far la parte del leone com'era naturale attendersi). Il risultato è un affresco strabiliante, per varietà e complessità, della facoltà raziocinante dell'uomo, perché altro non è la logica se non lo studio sistematico dei principi e delle regole del ragionamento o meglio dei ragionamenti poiché talmente tanti e vari sono i suoi rami da restare sgomenti: dalla logica classica fondata da Aristotele, a quella intuizionistica di Brouwer e Heyting che rinuncia al principio del terzo escluso, passando per le logiche a piú valori fino alle recenti logiche modali e paraconsistenti che cercano di far fronte addirittura alla mancanza del principio di non contraddizione.
    Quante volte si sente dire con tono di malcelata sufficienza "È logico!" nel senso di "È ovvio!", "È scontato!"? E invece è vero proprio il contrario: niente di meno ovvio delle logiche, ciascuna delle quali ha regole e principi propri, molto spesso tutt'altro che banali e scontati.
    Odifreddi si sofferma soprattutto sulle logiche del primo ordine, riservando all'ultima breve sezione un excursus in quelle di livello superiore. Segue in appendice una puntuale bibliografia per chi volesse approfondire gli argomenti da un punto di vista tecnico (manuali, opere specialistiche, ecc.) o storico-critico.

    Il diavolo in cattedra non è una combinazione di una storia della logica e di un manuale di logica com'era nelle intenzioni dell'autore: è qualcosa di piú, di diverso e di migliore.
    Da leggere assolutamente.

    ha scritto il 

  • 4

    Un testo sublime e ben strutturato. Logica e storia della logica si intrecciano impeccabilmente fornendo un unico, omogeneo panorama. Odifreddi riesce a comprimere i punti salienti dell'evoluzione del ...continua

    Un testo sublime e ben strutturato. Logica e storia della logica si intrecciano impeccabilmente fornendo un unico, omogeneo panorama. Odifreddi riesce a comprimere i punti salienti dell'evoluzione del pensiero umano razionale senza indugiare di fronte alla complessità di alcuni argomenti. Tuttavia, chi pensa di avere a che fare con un grigio libro di testo non potrà che cadere in fallo. Seppur il saggio presenti alcune problematiche legate alla simbologia e alla formalità di alcuni punti, un utente inesperto potrà tranquillamente tralasciare le parti più ostiche e concentrarsi sull'esposizione discorsiva. Quest'ultima prende corpo come un vero e proprio atto narrativo, piuttosto che divulgativo, fornito di un sontuoso apparato critico. In breve, l'autore riesce senz'altro a cogliere l'essenza di una divulgazione aperta al grande pubblico, senza nulla togliere alla cura dei particolari e alla precisione. Il suo stile tagliente e velenoso rende il testo ancor più intrigante, specialmente per tutti coloro che risultano essere immuni alla sua spregiudicatezza che, talvolta, tende a ferire gli animi un po' troppo delicati.

    ha scritto il 

  • 2

    Discreto per chi approccia alla logica, pessimo per chi la conosce già. In alcuni punti interessante, puntuale e preciso, in altri grossolano o pedante. Ho trovato ad esempio molto superficiale la tra ...continua

    Discreto per chi approccia alla logica, pessimo per chi la conosce già. In alcuni punti interessante, puntuale e preciso, in altri grossolano o pedante. Ho trovato ad esempio molto superficiale la trattazione della "goedelizzazione", imparagonabile a quella di M. Davis che potrebbe capire anche un bambino. Le digressione spiritose lasciano a desiderare e in molti casi sono fuori luogo o inutili. I continui intermezzi religiosi distolgono l'attenzione di chi non se ne frega nulla delle sue beghe con i cattolici. Ad esempio la digressione sui simboli papali fino ad arrivare a parlare del "carnevale simoniaco del Giubileo" sembra scritta da Savonarola. Sarà anche giusta, ma chi vuole davvero leggere queste cose in un libro di logica?! Forse si aspettano libri come questi per sfogarsi su altri argomenti che non c'entrano niente, tralasciando il vero tema (almeno nominale) del libro.

    ha scritto il 

  • 3

    Corso compatto di logica da leggere in background mentre si pensa ad altro: avrà comunque il suo effetto.
    Secondo libro in cui ho seguito il consiglio dell'autore: saltare intere parti. Il primo fu "I ...continua

    Corso compatto di logica da leggere in background mentre si pensa ad altro: avrà comunque il suo effetto.
    Secondo libro in cui ho seguito il consiglio dell'autore: saltare intere parti. Il primo fu "Il tao della fisica" di Capra: anche Capra consigliava la stessa cosa.
    Da rileggere, magari dopo aver riletto Capra, o Russel, tanto per allenare la mente.
    Le tre stellette non sono per il libro ma per il difficile accesso.

    ha scritto il 

  • 4

    Molto interessante, anche se in alcuni punti di difficile comprensione per i "profani"... e comunque le frecciatine alla religione sparse qua e là rendono la lettura sicuramente più divertente! ...continua

    Molto interessante, anche se in alcuni punti di difficile comprensione per i "profani"... e comunque le frecciatine alla religione sparse qua e là rendono la lettura sicuramente più divertente!

    ha scritto il 

  • 4

    Un ottimo libro divulgativo (ma non troppo) sulla logica matematica. Molto interessante, ma a tratti piuttosto impegnativo. È sicuramente utile avere già alcune conoscenze di base sull'argomento. ...continua

    Un ottimo libro divulgativo (ma non troppo) sulla logica matematica. Molto interessante, ma a tratti piuttosto impegnativo. È sicuramente utile avere già alcune conoscenze di base sull'argomento.

    ha scritto il 

  • 5

    Tutto ciò che c'è da sapere sulla logica, più qualche extra. Non adatto ai mediocri.
    Questo libro è la prima cosa che ho letto di Odifreddi e da allora ho continuato a leggere tutto ciò che mi passass ...continua

    Tutto ciò che c'è da sapere sulla logica, più qualche extra. Non adatto ai mediocri.
    Questo libro è la prima cosa che ho letto di Odifreddi e da allora ho continuato a leggere tutto ciò che mi passasse tra le mani scritto nel suo stile.

    ha scritto il