Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il diavolo tentatore - Il diavolo innamorato

Di ,

Editore: Feltrinelli

3.2
(142)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 128 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8807723565 | Isbn-13: 9788807723568 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Paperback

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il diavolo tentatore - Il diavolo innamorato?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un grande, pirotecnico Andrea Camilleri si ispira - e si affianca all'altrettanto grande e pirotecnico autore settecentesco Jacques Cazotte per dipingere un ritratto a due facce del diavolo, questo grande corruttore e seduttore dell'umanità. Il diavolo tentatore di Camilleri, Bacab, è un povero diavolo d'aria, della specie che ha per compito di indurre uomini e donne in tentazione carnale, infilandosi in quella parte del corpo umano, mascolino o femminino, che è il "loco del piaciri", in modo da riuscire - "strica oggi, strica dumani" - a innescare amori "pazzi ed esecrabili". Il diavolo innamorato di Cazotte abita invece la Napoli galante e un po' folle di fine Settecento, dove un giovane spagnolo, capitano delle guardie del re, accetta per scommessa di esibire il proprio coraggio sfidando il diavolo. Evocato, il demonio si materializza sotto le spoglie seducenti di una bellissima giovane donna...
Ordina per
  • 3

    Scornati!

    E' così che finiscono i due diavoli dei racconti di Camilleri e Cazotte. Racconti dal tono estremamente diverso: un palese divertissement quello di Camilleri, il cui fascino risiede principalmente ...continua

    E' così che finiscono i due diavoli dei racconti di Camilleri e Cazotte. Racconti dal tono estremamente diverso: un palese divertissement quello di Camilleri, il cui fascino risiede principalmente nel pregnante uso del siculo; più serioso il racconto settecentesco,con la lunga sequela dei tentativi di Belzebù, sotto le spoglie di una fanciulla fedele e appassionata,di portare il protagonista all'adorazione del demonio.Per un lettore del nostro tempo l'interesse , direi, è soprattutto nel rintracciare le origini del racconto fantastico.

    ha scritto il 

  • 3

    Vorrei chiamare Camilleri per chiedergli cosa lo costringe a prestarsi a operazioni del genere! Il racconto (o romanzo breve?) di Cazotte è godibile perchè originale, ma il controcanto di Camilleri ...continua

    Vorrei chiamare Camilleri per chiedergli cosa lo costringe a prestarsi a operazioni del genere! Il racconto (o romanzo breve?) di Cazotte è godibile perchè originale, ma il controcanto di Camilleri serve solo a mettere il suo nome in copertina per vendere. Eh...quanno ce vo' ce vo'!

    ha scritto il 

  • 3

    Operazione commerciale molto discutibile: vendere Cazotte utilizzando il nome di Camilleri, il cui racconto è peraltro una delle cose peggiori che abbia mai scritto. Il romanzo breve o racconto ...continua

    Operazione commerciale molto discutibile: vendere Cazotte utilizzando il nome di Camilleri, il cui racconto è peraltro una delle cose peggiori che abbia mai scritto. Il romanzo breve o racconto lungo di Cazotte risulta invece molto interessante e molto più complesso di quanto possa apparire a una lettura superficiale. Il diavolo/diavola vi compare come figura modernissima pronta ad usare qualsiasi arma per sedurre il noiosissimo Alvaro. E nell'arsenale delle armi impiegate, oltre a quelle più notoriamente demoniache, il sapere, il denaro e ovviamente il sesso, ne compaiono di più ambigue: l'amore, la dedizione, il sacrificio di sé. In conclusione il consiglio è: lasciar perdere in questo caso Camilleri e leggere e rileggere Cazotte.

    PS in realtà una frase del racconto di Camilleri mi è piaciuta: "Si può essere immortali quanto si vuole, cari miei, ma il tempo passa lo stesso e ti segna."

    ha scritto il 

  • 3

    Diavolicchi

    Libriccino agile agile, niente di particolarmente emozionante ma proprio per questo facile da leggere. Il raccontino di Camilleri è proprio un passatempo, per il lettore e per l'autore, dal finale ...continua

    Libriccino agile agile, niente di particolarmente emozionante ma proprio per questo facile da leggere. Il raccontino di Camilleri è proprio un passatempo, per il lettore e per l'autore, dal finale un po' a sorpresa. Quello di Cazotte mi ha tenuto impegnato con un po' di suspense (nemmeno tanta, eh!) per capire in cosa consistesse questo innamoramento... e in conclusione non è che sia così chiaro. Interessante anche il saggio della traduttrice. Passatempino, quindi, con due diavolicchi con un lato meno cattivo di quanto si possa pensare.

    ha scritto il 

  • 2

    Una delusione sotto tutti i punti di vista. Si salva un pò solo Camilleri, quantomeno per il testo in siciliano che afffascina sempre. Ma le storie fanno acqua da tutte le parti, non si reggono in ...continua

    Una delusione sotto tutti i punti di vista. Si salva un pò solo Camilleri, quantomeno per il testo in siciliano che afffascina sempre. Ma le storie fanno acqua da tutte le parti, non si reggono in piedi e si ha l'impressione che siano state scritte frettolosamente e sotto pressione col solo scopo di pubblicare un libro. E pensare che Cazotte è famoso soprattutto per questo racconto, "il diavolo innamorato", dove i presupposti per un buon racconto c'erano tutti, ma si sono dissolti in una trama troppo veloce e poco chiara in alcuni punti. Il libro è piccolo, ma si fa fatica a leggerlo in poco tempo

    ha scritto il