Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il dio alieno della bibbia. Dalle traduzioni letterali degli antichi codici masoretici

Di

4.2
(31)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 340 | Formato: Altri

Isbn-10: 8897013104 | Isbn-13: 9788897013105 | Data di pubblicazione: 

Genere: Mystery & Thrillers , Da consultazione , Religion & Spirituality

Ti piace Il dio alieno della bibbia. Dalle traduzioni letterali degli antichi codici masoretici?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Sempre suggestivo. Solo uno studioso di ebraico potrebbe valutare l'attendibilità dell'ipotesi

    Sulle tracce di Sichtin e di altri che tentano di accreditare un'interpretazione esoterica all'Antico Testamento della Bibbia, Biglino da' un seguito al suo testo precedente proponendo una lettura vicina il più possibile al tenore letterale dell'ebraico della Bibbia masoretica.
    Nella sostanza, co ...continua

    Sulle tracce di Sichtin e di altri che tentano di accreditare un'interpretazione esoterica all'Antico Testamento della Bibbia, Biglino da' un seguito al suo testo precedente proponendo una lettura vicina il più possibile al tenore letterale dell'ebraico della Bibbia masoretica. Nella sostanza, come è noto, si attribuisce - col beneficio del dubbio - un'origine extraterrestre al popolo di Sumer (Anunnaki), del quale sarebbe derivato, in virtù di una trasmissione del codice genetico, anche il popolo ebraico. Elohim ("gli dei") sarebbero i governanti o guerrieri e Jahvè uno di loro. La gloria di Dio, il carro, sarebbe l'oggetto UFO usato come trasporto e i Cherubini avrebbero formato una sorta di milizia ausiliaria (anzi, sarebbero stati le stesse astronavi al servizio degli Elohim). Le suggestive ipotesi in questione andrebbero verificate con un'attenta analisi linguistico filologica del testo ebraico. Cosa che non sono in grado di fare

    ha scritto il 

  • 5

    stimolante!

    certo Biglino non s'è posto alcun problema nel perseguire la teoria che oramai spopola sempre di più negli ultimi anni secondo cui in un passato storicamente sconosciuto dal punto di vista accademico la terra sia stata visitata e abitata da esseri viventi in carne ed ossa provenienti da altri mon ...continua

    certo Biglino non s'è posto alcun problema nel perseguire la teoria che oramai spopola sempre di più negli ultimi anni secondo cui in un passato storicamente sconosciuto dal punto di vista accademico la terra sia stata visitata e abitata da esseri viventi in carne ed ossa provenienti da altri mondi (o realtà parallele? n.d.r.) che hanno portato conoscenze scientifiche, agricole etc...

    La teoria non è nuova già Sitchin ne ha scritto e parlato in tempi forse non ancora maturi per tali prospettive tuttavia ha posto basi importanti che alla luce di nuove scoperte archeologiche danno sempre più credito a queste teorie di cui Biglino offre una inedita e preziosa testimonianza poiché per i suoi studi parte proprio da quell'antico testamento basato sugli antichi codici ebraici (di cui riporta fedelmente lo scritto, la pronuncia e la traduzione letterale) che null'altro riportano se non ciò che i vari redattori hanno visto in quelle epoche, lontani da qualsivoglia rappresentazione metaforica e testimoni di eventi straordinari...

    una lettura consigliata se non altro per evitare che il cervello si instupidisca dietro alla quotidianità del vivere.

    ha scritto il