Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il dito e la luna

Racconti zen, haiku, koan

Di

Editore: Mondadori

3.8
(251)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 173 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804555629 | Isbn-13: 9788804555629 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Non-fiction , Philosophy , Religion & Spirituality

Ti piace Il dito e la luna?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nel 1961 Alejandro Jodorowsky ha seguito in Messico gli insegnamenti delmaestro zen Ejo Takata che era solito raccontare storie che Jodorowskyannotava pazientemente nei suoi taccuini. In queste pagine l'autore raccogliesessanta di quei racconti commentandoli e svelando il significato profondonascosto in ciascuno di essi. Queste storie, haiku e koan della più classicatradizione zen rendono il discepolo capace di guardare oltre il dito, eammirare direttamente la bellezza della luna.
Ordina per
  • 5

    il vuoto è la realtà

    la semplicità nascosta in mille sfaccettature... forse tutto si riferisce ad una sola verità: ammazza il tuo ego, smetti di nutrirlo con milioni di cazzate, scendi in profondità, seppellisci il tuo cazzo di ego...perditi nel vuoto che è tutto...

    ha scritto il 

  • 1

    Jodorowski si è divertito a spiegare in maniera banalotta dei koan che per definizione non necessitavano di alcuna esegesi. Per quanto mi riguarda si tratta di un volumetto da leggere ignorando bellamente l'esegesi mediocre di questo "autore" che non ha fatto altro che rubare a piene mani dall'op ...continua

    Jodorowski si è divertito a spiegare in maniera banalotta dei koan che per definizione non necessitavano di alcuna esegesi. Per quanto mi riguarda si tratta di un volumetto da leggere ignorando bellamente l'esegesi mediocre di questo "autore" che non ha fatto altro che rubare a piene mani dall'opera di altri che l'hanno preceduto. L'unico nome in copertina dovrebbe essere quello di Ejo Takata, il maestro che Jodorowski ha frequentato a Ciudad de Mexico e che gli ha trasmesso queste perle di saggezza orientale.

    ha scritto il 

  • 4

    A volte bisogna farla finita con quell che ci limita

    'La nostra società ci insegna a fermarci in uno stadio di noi stessi relativamente mediocre.
    Ci spinge a vivere nel nulla, nel nulla che ci abita.'


    'L'essenziale non è essere perfetti.
    L'essenziale è avere una disciplina interiore in grado di rimettersi all'opera quando hai perso la re
    ...continua

    'La nostra società ci insegna a fermarci in uno stadio di noi stessi relativamente mediocre. Ci spinge a vivere nel nulla, nel nulla che ci abita.'

    'L'essenziale non è essere perfetti. L'essenziale è avere una disciplina interiore in grado di rimettersi all'opera quando hai perso la retta via.'

    'Dobbiamo trovare il nostro desiderio fondamentale e non consegnarci ad un desiderio qualunque. In questo modo costruiremo una strada che ci porterà verso i nostri desideri di luce.'

    'Quando la smetteremo di instaurare relazioni in cui perdiamo noi stessi?'

    'Se io sono una carcassa vuota, cone trovare l'altro? Due carcasse vuote si avvicinano dicendo: "Amami, per favore! Amami!" Quale delle due potrà amare l'altra dal momento che sono vuote entrambe?'

    'Se la vita cambia, non bisogna deprimersi per questo. Tutto ciò che accade è per il tuo bene. Se si fa un vuoto nella tua vita, sei convinto che non lo riempirai mai più, il che per certi versi è vero. Non lo riempirai mai allo stesso modo, ma arriveranno tante altre cose belle, se ti adatterai.'

    ha scritto il 

  • 5

    Libro molto gradevole

    Il fascino degli aforismi contenuti in questo libro è illuminante ed è una lettura non troppo pesante. Molti insegnamenti sono utili anche nella vita quotidiana. Uno dei miei libri preferiti.

    ha scritto il 

  • 3

    La tipologia di libro non è tra quelle che di solito leggo con facilità. Ma mi è stato regalato da una persona cara e l'ho letto molto volentieri. Più che un libro da leggere tutto d'un fiato dà più l'impressione di essere una specie di "bibbia", da tenere sul comodino e quando si hanno dei momen ...continua

    La tipologia di libro non è tra quelle che di solito leggo con facilità. Ma mi è stato regalato da una persona cara e l'ho letto molto volentieri. Più che un libro da leggere tutto d'un fiato dà più l'impressione di essere una specie di "bibbia", da tenere sul comodino e quando si hanno dei momenti di confusione aprirlo e cercare attraverso le sue storie zen di trovare una risposta alle proprie domande interiori. Sicuramente interessante. Consigliato, per chi ha voglia di staccare e cambiare dai soliti libri.

    ha scritto il 

  • 3

    Come ho già commentato altrove, ho trovato il libro noiosetto. Belli i koan e tutto il resto. Veramente terribile il pedante commento dell'autore ad ogni racconto, trovato peraltro sempre molto molto molto ripetitivo. Se proprio uno lo volesse leggere, posso tranquillamente prestare senza troppo ...continua

    Come ho già commentato altrove, ho trovato il libro noiosetto. Belli i koan e tutto il resto. Veramente terribile il pedante commento dell'autore ad ogni racconto, trovato peraltro sempre molto molto molto ripetitivo. Se proprio uno lo volesse leggere, posso tranquillamente prestare senza troppo rammarico la mia copia...

    ha scritto il 

  • 3

    Il mio primo Jodorowsky

    La bellezza di questo libro sta nelle storie zen. Sono alquanto perplesso per l'apporto di Jodorowsky che fa un'operazione secondo me molto discutibile: cerca di spiegare quello che non andrebbe spiegato. Sembra quasi che commetta lo stesso errore di tanti discepoli protagonisti di queste storie ...continua

    La bellezza di questo libro sta nelle storie zen. Sono alquanto perplesso per l'apporto di Jodorowsky che fa un'operazione secondo me molto discutibile: cerca di spiegare quello che non andrebbe spiegato. Sembra quasi che commetta lo stesso errore di tanti discepoli protagonisti di queste storie zen: concettualizzare, razionalizzare o anche solo interpretare. Quando poi fa riferimenti alla sua attività di psicoterapeuta (?) la magia del libretto si perde totalmente in considerazioni piuttosto banali o poco pertinenti. Quindi: grande Zen, così così Jodorowsky. E' un bel problema dare un voto a questo libro. Qualche curiosità sulla figura di Jodorowsky però mi è venuta, anche leggendo alcuni passaggi della sua biografia. Credo che leggerò qualcos'altro di lui.

    ha scritto il 

Ordina per