La scrittrice racconta la sua vita tra il 1944 e il 1945, quando militava a Parigi nei ranghi della Resistenza aspettando disperatamente il ritorno del marito deportato. Sullo sfondo della guerra mondiale e della guerra civile, due racconti immaginar ...Continua
mimonni
Ha scritto il 11/12/17
Uno scritto giovanile della Duras ritrovato nell’armadio blu della sua casa di campagna e che nemmeno lei ricordava di avere scritto. Racconta, in forma di diario, la storia di una giovane donna ( la stessa Duras ) che nei giorni della Liberazione, a...Continua
Lucafurfaro
Ha scritto il 11/07/17

Un libro straziante e meraviglioso!!! Dopo l'Amante penso il più bello della Duras!!!

Fer Carla69
Ha scritto il 20/02/17
i dolorosi anni della guerra

Gli ultimi anni della seconda guerra mondiale raccontati con partecipazione,l'autrice riesce a trasmettere il doloro e le difficoltà di chi li ha vissuti realmente

Mapi
Ha scritto il 01/09/15
Questo piccolo e breve racconto è un capolavoro da leggere. Racconta indirettamente l'esperienza dei campi di concentramento; ti trascina dentro la storia in modo dirompente e con un'energia vorticosa inimmaginabile! Una mia nota più ampia qui: https...Continua
Sana
Ha scritto il 16/07/15
Che fatica!
Ho adorato la Duras ne "L'amante", l'ho apprezzata molto nei "Testi segreti", mi è piaciuta, ma forse non al 100% ne "L'amante della Cina del nord" e con questo libro di racconti, letti quasi nell'arco di un anno,ho sentito una fatica pazzesca. La na...Continua

Mapi
Ha scritto il Sep 01, 2015, 20:05
“I colpi alle tempie continuano. Questi colpi, bisogna che li fermi. E’ la sua morte dentro di me, batte contro le tempie. Impossibile che mi sbagli. Fermare i colpi alle tempie -fermare il cuore- quietarlo- non riuscirà a quiestarsi da solo, deve es...Continua
Mapi
Ha scritto il Sep 01, 2015, 20:04
Qui la speranza vive intera, il dolore è radicato nella speranza. A volte mi stupisco di non morire (Marguerite Duras)
♦ Ladyhawke ♦
Ha scritto il Jan 06, 2012, 11:23
Improvvisamente la libertà è amara. Ho appena capito cos'è la perdita totale della speranza e il vuoto che ne consegue: non c'è ricordo, non c'è memoria. Credo di provare un leggero rimpianto di aver perso l'occasione di morire viva.
Pag. 78
♦ Ladyhawke ♦
Ha scritto il Jan 06, 2012, 11:20
Morire non sarà raggiungerlo. Sarà smettere di aspettarlo.
Pag. 17
♦ Ladyhawke ♦
Ha scritto il Jan 06, 2012, 11:19
Non ho più nulla al mondo salvo quel cadavere in una fossa. Luce rossa, vespertina. Mondo che finisce. Non muoio contro nessuno. Semplicità di questa morte. Sarà aver vissuto.
Pag. 17

Nicole
Ha scritto il Nov 11, 2016, 15:16

Biblioteche...
Ha scritto il Apr 29, 2016, 14:22
843.9 DUR 3693 Letteratura Francese
Biblioteca...
Ha scritto il Apr 13, 2016, 07:47
843.9 DUR 3693

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi