Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il dubbio

Come divertirsi filosofando

Di

Editore: Arnoldo Mondadori Editore

3.5
(1091)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 115 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8804408812 | Isbn-13: 9788804408819 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri

Genere: Fiction & Literature , Humor , Philosophy

Ti piace Il dubbio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In questo libro pongo tre grandi domande: "E' il caso o il Destino a governare il mondo?", "Che cos'è il tempo?", "Che cos'è lo spazio?". Sono domande che hanno affascinato da sempre gli uomini di pensiero. A esse cerco di trovare, se non proprio una risposta, almeno un tentativo di risposta.
Ordina per
  • 4

    Da leggere assolutamente! Non ho dubbi.

    De Crescenzo ha un modo talmente tanto scherzoso di filosofeggiare che non si può non amarlo. Perchè insegnare che la filosofia e quindi la cultura non sono dei pesi, ma ricchezze, non è di sicuro qualcosa di semplice. Luciano De Crescenzo è esperto in questo tipo di lavoro. Ci mette sempre se st ...continua

    De Crescenzo ha un modo talmente tanto scherzoso di filosofeggiare che non si può non amarlo. Perchè insegnare che la filosofia e quindi la cultura non sono dei pesi, ma ricchezze, non è di sicuro qualcosa di semplice. Luciano De Crescenzo è esperto in questo tipo di lavoro. Ci mette sempre se stesso, in tutto quello che scrive, senza però metter da parte i suoi grandi insegnanti, i filosofi del passato, che parlando tramite la sua penna. Importanti portatori di conoscenza descritti con colori molto allegri, che Luciano adora tanto. Così Atene si mischia con Napoli, Socrate si mischia con il barista sotto casa e via dicendo. Ne esce fuori un mondo semplice, ma ricco dentro..e fuori.

    “Il Dubbio” è l'emblema di tutto il libro, come il titolo già riporta. Dubitare sempre, anche se non si arriverà mai ad avere una certezza; dubitare è la chiave per arrivare alla felicità. Perchè lo scalatore, se avesse voluto soltanto arrivare sulla vetta della montagna, si sarebbe fatto trasportare da un aeroplano, mentre ciò che egli ama è proprio l'azione dello scalare. Così è il dubbio: non conoscere effettivamente Dio, lo Spazio, il Tempo e la Fede, ma intraprendere tante strade per trovare altrettante domande. Che cosa fantastica!

    Mi è piaciuto molto il primo capitolo (sulla Fede). Da atea o agnostica che sono (ho dubbi anche su questo – De Crescenzo sarebbe orgoglioso di me!), mi ha interessato il modo in cui l'orologiaio Dio è stato descritto. Favoloso.

    Da leggere assolutamente!!

    ha scritto il 

  • 5

    Ho letto solo due libri di De Crescenzo: questo e "Così parlò Bellavista". Sebbene il secondo mi sia piaciuto di più ma solo perché sviluppa in più pagine concetti interessanti, ho trovato questo libricino un concentrato di saggezza. Lo dico sempre io che stare immobili è la soluzione! Ora sono c ...continua

    Ho letto solo due libri di De Crescenzo: questo e "Così parlò Bellavista". Sebbene il secondo mi sia piaciuto di più ma solo perché sviluppa in più pagine concetti interessanti, ho trovato questo libricino un concentrato di saggezza. Lo dico sempre io che stare immobili è la soluzione! Ora sono curiosa di leggere altri suoi libri: consigli?

    ha scritto il 

  • 4

    RELATIVITA' : Tempo= 1"/radice(1-v^2/c^2)

    IL DUBBIO- Luciano De Crescenzo
    Piccolo libricino in cui ci si chiede se sia il caso o il destino a governare il mondo. Ci spiega in maniera molto semplice che cos'è il tempo e lo spazio, il tutto spiegato in maniera filosofica ma anche attraverso delle formule matematiche accessibili anche ...continua

    IL DUBBIO- Luciano De Crescenzo
    Piccolo libricino in cui ci si chiede se sia il caso o il destino a governare il mondo. Ci spiega in maniera molto semplice che cos'è il tempo e lo spazio, il tutto spiegato in maniera filosofica ma anche attraverso delle formule matematiche accessibili anche ai meno eruditi nel campo.Molto interessante la spiegazione della relatività generale di Einstein e del paradosso dei gemelli.
    Ho sempre amato la relatività e quindi di riflesso adoro qualsiasi libro che cerchi di spiegarne il suo significato.
    Lo consiglio a tutti.Davvero ben fatto. De Crescenzo è unico nel suo genere. Un grande filosofo-ingegnere.
    Voto 4/5

    ha scritto il 

  • 5

    Semplice ma nella sua difficoltà.

    Da quando ho letto il primo libro di De Crescenzo me ne sono innamorata. Ogni qual volta che decide di trattare un tema pesante, filosofico, corposo riesce sempre a renderlo leggero e armonioso.


    Questa a mio parere è una dote che pochi hanno. E anche ne "Il dubbio" dove vengono presentati ...continua

    Da quando ho letto il primo libro di De Crescenzo me ne sono innamorata. Ogni qual volta che decide di trattare un tema pesante, filosofico, corposo riesce sempre a renderlo leggero e armonioso.

    Questa a mio parere è una dote che pochi hanno. E anche ne "Il dubbio" dove vengono presentati i temi del Caso, della Necessità, del Tempo, dello Spazio e dell'Entropia questo scrittore riesce a renderli tutti perfettamente fluidi e per nulla incomprensibili.

    ha scritto il 

  • 5

    E' un libretto "corto" di pagine, ma denso di contenuti: per qualcuno sarà anche "ovvio", ma è veramente importante farsi domande e non dare nulla per certo e scontato; e questo anche, o forse soprattutto, per me che sono una cattolica fervente e praticante.
    E' sempre meglio un dubbio che f ...continua

    E' un libretto "corto" di pagine, ma denso di contenuti: per qualcuno sarà anche "ovvio", ma è veramente importante farsi domande e non dare nulla per certo e scontato; e questo anche, o forse soprattutto, per me che sono una cattolica fervente e praticante.
    E' sempre meglio un dubbio che fa meditare e cercare Dio, che una distratta sicurezza; e poi, come dice De Cescenzo, un dubbioso va incontro agli altri,non li giudica, ha già da pensare per sé.

    ha scritto il 

Ordina per