Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il filo che brucia

Di

Editore: Rizzoli

3.8
(958)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 531 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Olandese , Polacco

Isbn-10: 8817040762 | Isbn-13: 9788817040761 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Maria Baiocchi , Anna Tagliavini

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Il filo che brucia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La notizia raggiunge Lincoln Rhyme nella sua casa-laboratorio di Central Park West: l'Orologiaio, l'unico criminale a essergli sfuggito, è stato avvistato all'aeroporto di Città del Messico. Rhyme sta già pregustando l'occasione di regolare i conti con la sua nemesi, quando al quartier generale dell'NYPD scatta l'allarme per un caso che richiede il suo intervento. Perché in pieno centro a Manhattan un autobus di linea è stato colpito da una violenta scarica elettrica che lo ha ridotto a una carcassa di metallo incandescente. La scena del crimine non lascia dubbi: qualcuno si è divertito a giocare con la rete elettrica della città, e quello che poteva sembrare un incidente è in realtà un attentato riuscito solo a metà. Poco dopo, infatti, il misterioso attentatore si fa vivo con la polizia per avanzare la sua esorbitante richiesta: una riduzione dei consumi elettrici così drastica da condannare New York alla paralisi. Mentre la task-force guidata da Rhyme segue la pista di un gruppo di ecoterroristi, i blackout e gli incidenti letali si moltiplicano, la città precipita nel caos e la minaccia elettrica rivela tutto il suo devastante potenziale distruttivo. Solo Lincoln Rhyme può sperare di sventare il piano criminale di chi sta trasformando New York in una gigantesca trappola mortale. Ma prima di incastrare il colpevole, Rhyme dovrà affrontare i fantasmi più reconditi della propria coscienza e del proprio passato. Evitando di lasciarci la pelle.
Ordina per
  • 2

    Ero indeciso tra le due o le tre stelle, ma alla fine l'ago della bilancia pende di più verso le due.
    Di questo libro mi sono piaciute molto le ultime 150 pagine: molto bello il finale e i personaggi, ...continua

    Ero indeciso tra le due o le tre stelle, ma alla fine l'ago della bilancia pende di più verso le due.
    Di questo libro mi sono piaciute molto le ultime 150 pagine: molto bello il finale e i personaggi, ormai fin troppo conosciuti, si lasciano amare. Rhyme ogni tanto mi faceva scappare un sorriso grazie al suo cinismo e alle sue battute taglienti, quindi la lettura è anche piacevole sotto questo punto di vista.
    Ma tutto il resto.... di una noia mortale: lento, lentissimo, noiosamente didascalico. Ogni azione è spiegata nei minimi particolari (cosa che ho sempre ammirato in Deaver, ma non bisogna esagerare).
    Il peggio, però, non è neanche questo. Va benissimo ed è giusto documentarsi prima di scrivere un libro, bisogna avere la conoscenza per poter parlare di certi argomenti, quindi bravissimo l'autore che sicuramente si sarà sorbito qualche ora di scuola serale per elettricisti. Ma caspita, non può poi farci leggere un libro che sembra il "Manuale del perfetto Tecnico Enel"!
    Ho bloccato la lettura del libro tre volte perché non riuscivo ad andare avanti. Un mese per leggere 150 pagine. Di una pesantezza assurda. Alla fine mi sono fatto forza e ho letto tutto il libro in un colpo solo, per potermelo levare dal pensiero. Un vero peccato, perché sarebbe stata un'ottima lettura, con molti dettagli in meno!

    ha scritto il 

  • 3

    All'inizio del libro non mi ricordavo di averlo già letto, poi a poco a poco mi sono resa conto che la storia non mi risultava nuova.
    Ciononostante, e non ricordando quasi niente come mi è normale, il ...continua

    All'inizio del libro non mi ricordavo di averlo già letto, poi a poco a poco mi sono resa conto che la storia non mi risultava nuova.
    Ciononostante, e non ricordando quasi niente come mi è normale, il libro mi è piaciuto molto.
    Belli gli ormai amatissimi personaggi, bella la storia, belli i colpi di scena (soprattutto, non così tanti da trovarli un po' fastidiosi...), insomma, un libro che si fa fatica a smettere di leggere!

    ha scritto il 

  • 3

    Freeeeddooooo, eddai Deaver, mettici un po' di passione

    Se si dovesse dare un voto al pure "crime" le 5 stelle non si discutono. Ottimi anche i tecnicismi sull'elettricità. Ottimo il finale.

    Ma i personaggi hanno un'anima o no ? Vabbè c'è la faccenda de ...continua

    Se si dovesse dare un voto al pure "crime" le 5 stelle non si discutono. Ottimi anche i tecnicismi sull'elettricità. Ottimo il finale.

    Ma i personaggi hanno un'anima o no ? Vabbè c'è la faccenda dell'autanasia, d'accordo, ma è estremamente superficiale e poi a me piacciono i rapporti interpersonali : invidia, amicizia, amore, odio, ecc ecc

    A breve ne proverò un altro di Deaver, vediam come la finisce...

    ha scritto il 

  • 5

    Atto dovuto (e voluto)

    Vale lo stesso discorso fatto recentemente per Fred Vargas: mai assegnate finora la 5 stelle a un libro di Deaver, ma quelli con Rhyme protagonista avrebbero sempre meritato la mezza stella in più, du ...continua

    Vale lo stesso discorso fatto recentemente per Fred Vargas: mai assegnate finora la 5 stelle a un libro di Deaver, ma quelli con Rhyme protagonista avrebbero sempre meritato la mezza stella in più, dunque cumulando cumulando...
    Anche qui ho pensato di aver collegato i miei “fili”, di aver individuato il colpevole, non lasciandomi ingannare dall'ovvietà...ero a un passo dal movente, dai che ce la posso fare...
    E invece niente, impresa impossibile! Ogni (consueto) collaboratore del criminologo paraplegico fa la sua parte, forse mai così ispirati come in questo caso. Gli approfondimenti sulla corrente elettrica e le sue caratteristiche, sugli impianti, sui pericoli ad essa collegati sono il plus enciclopedico del “Filo che brucia”. L'ennesimo thriller “didattico” per l'appagamento del mio appetito letterario...peccato che dovrò restare a digiuno per un po', il tempo necessario per reperire alcuni tasselli mancanti del passato (imperdonabile che non abbia letto “Il collezionista di ossa”) e andare a caccia dei (pochi) nuovi episodi.

    ha scritto il 

  • 4

    Come sempre, Jeffery Deaver non si smentisce e, con questo nuovo capitolo delle avventure di Lincoln Rhyme, colpisce al cuore.
    Non si riesce a smettere di leggere e, fino all'ultimo, il colpevole semb ...continua

    Come sempre, Jeffery Deaver non si smentisce e, con questo nuovo capitolo delle avventure di Lincoln Rhyme, colpisce al cuore.
    Non si riesce a smettere di leggere e, fino all'ultimo, il colpevole sembra essere un'altra persona. Le prove ci sono, eppure si è portati a non notarle, così che il responso di Rhyme ci colga completamente di sorpresa. Davvero un ottimo thriller, come sempre.

    ha scritto il 

  • 5

    Forse uno dei libri più 'cervellotici' di Lincoln Rhyme... non c'è una pagina in cui ci si annoia. Molti colpi di scena, veloce, fluido e sempre ottimamente documentato. Da leggere!

    ha scritto il 

  • 5

    Il filo che brucia, Jeffery Deaver

    Ogni volta che leggo un libro di Jeffery Deaver credo di essere arrivata al punto di giudicare "poco obiettivamente" la storia, che mi appare sempre stupenda. Poi, cominciatone uno nuovo, giungo all'u ...continua

    Ogni volta che leggo un libro di Jeffery Deaver credo di essere arrivata al punto di giudicare "poco obiettivamente" la storia, che mi appare sempre stupenda. Poi, cominciatone uno nuovo, giungo all'ultima pagina, chiudo la copertina accarezzandola e mi rendo conto che, appassionata di Deaver come pochi in circolazione, il mio giudizio non potrebbe essere diverso.
    Attendo sempre con ansia l'uscita di un nuovo romanzo, in particolar modo quelli della serie dedicata alla coppia Rhyme/Sachs, perchè, in un certo senso, so già cosa aspettarmi e d'altro canto rimango sempre senza fiato pagina dopo pagina: mi aspetto una storia intrigante, originale e macabra (con la scena del secondo attentato all'hotel, Deaver ha riproposto dopo tanto tempo secondo me, una scena raccapricciante stile "L'Uomo Scomparso"); mi attendo un Lincoln Rhyme brillante, geniale e, con mio grande entusiasmo, sempre meno "limitato" nel corpo; mi aspetto una Amelia Sachs guerreggiante e coraggiosa. E allo stesso tempo, non riesco a capire mai dove vuole portarmi la storia: giungo ad un punto convinta di aver scoperto la soluzione dell'enigma (e rimango anche un po' delusa), per poi essere smentita dai colpi di scena di un Jeffery Deaver sempre pieno di risorse.
    Ho letto l'ultimo centinaio di pagine in una notte perchè l'idea di interrompere la lettura mi angosciava.
    Il Filo Che Brucia è un romanzo forte, che gioca sulle paure della gente.... e che adesso mi fa riflettere qualche secondo prima di inserire una spina nella presa della corrente.. ;)
    5 stelline più che meritate!

    ha scritto il