Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il filo del rasoio

Di

Editore: Arnoldo Mondadori - I libri del pavone

4.1
(769)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 407 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: A000191494 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Maria Martone

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , Philosophy , Travel

Ti piace Il filo del rasoio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Una storia solo in apparenza semplice perché questo romanzo è considerato uno dei più belli di Maugham. È lo scrittore in persona a raccontarci le vicende di Isabel, Larry, Gray e Elliot e altri personaggi minori, ma non meno importanti nell'economia della vicenda, con una levità e nel medesimo t ...continua

    Una storia solo in apparenza semplice perché questo romanzo è considerato uno dei più belli di Maugham. È lo scrittore in persona a raccontarci le vicende di Isabel, Larry, Gray e Elliot e altri personaggi minori, ma non meno importanti nell'economia della vicenda, con una levità e nel medesimo tempo con una profonda partecipazioni che si guadagnano l'attenzione del lettore sin dalle prime pagine. Con piena ragione l'autore riassume nel finale il senso del libro: "E se anche gli intellettuali inarcheranno le sopracciglia, noialtri, il grande pubblico, amiamo tutti, nel fondo dei nostri cuori, le storie a lieto fine e forse la mia conclusione, così com'è, piacerà ai più." Perché in questo romanzo succedono tanti fatti, mai eclatanti, ma sempre interessanti e seguiamo con grande amicizia i protagonisti nell'arco temporale delle loro vite. Davvero una bella lettura.

    ha scritto il 

  • 4

    Il filo del rasoio

    Il giovane Larry Darrell non dovrebbe aver nulla da desiderare: è di bella presenza, ha una fidanzata altrettanto bella e probabilmente non avrebbe problema alcuno a trovare un lavoro rispettabile che gli garantisca un futuro agiato. Eppure, al rientro dalla Grande Guerra qualcosa in lui è cambia ...continua

    Il giovane Larry Darrell non dovrebbe aver nulla da desiderare: è di bella presenza, ha una fidanzata altrettanto bella e probabilmente non avrebbe problema alcuno a trovare un lavoro rispettabile che gli garantisca un futuro agiato. Eppure, al rientro dalla Grande Guerra qualcosa in lui è cambiato: insoddisfatto dalla vanità dei piaceri offerti dalla società americana e da quella francese, intraprende un viaggio di crescita e di sviluppo interiore.
    Scritto mirabilmente, e dalle tematiche particolarmente attuali, Maugham ti tiene "sul filo del rasoio" dalla prima all'ultima pagina.

    ha scritto il 

  • 4

    Bello, però ...

    Maugham costruisce storie prestando attenzione soprattutto ai caratteri dei suoi protagonisti. Qui Elliott e Larry, Jane e Sophie fanno da contraltare l'un l'altro per tutto questo romanzo. Che mi è piaciuto ma non tanto quanto altri capolavori di questo prolifico e raffinato scrittore. Leggerlo, ...continua

    Maugham costruisce storie prestando attenzione soprattutto ai caratteri dei suoi protagonisti. Qui Elliott e Larry, Jane e Sophie fanno da contraltare l'un l'altro per tutto questo romanzo. Che mi è piaciuto ma non tanto quanto altri capolavori di questo prolifico e raffinato scrittore. Leggerlo, comunque, non farà certo male a chiunque adori passare il tempo libero divertendosi!

    ha scritto il 

  • 5

    Pessima traduzione

    Franco Salvatorelli ha tradotto tutti i libri di Somerset Maugham per Adelphi, perché? Julia Lambert parla come una casalinga disperata, personaggi raffinati degli anni Trenta sbagliano i congiuntivi... forse saprà anche l'inglese, questo signore, di certo non l'italiano, né l'esigenza di rendere ...continua

    Franco Salvatorelli ha tradotto tutti i libri di Somerset Maugham per Adelphi, perché? Julia Lambert parla come una casalinga disperata, personaggi raffinati degli anni Trenta sbagliano i congiuntivi... forse saprà anche l'inglese, questo signore, di certo non l'italiano, né l'esigenza di rendere personaggi di grande cultura come attrici di teatro e viveur degli anni ruggenti.

    ha scritto il 

  • 5

    Questo libro più che tanti manuali di scrittura riesce a descrivere esattamente che cosa è uno scrittore. Uno scrittore chiacchiera, passeggia, incontra gente e soprattutto osserva e immagina. Tutto questo è IL FILO DEL RASOIO ed è anche una traduzione dei pensieri sulla pagina assolutamente perf ...continua

    Questo libro più che tanti manuali di scrittura riesce a descrivere esattamente che cosa è uno scrittore. Uno scrittore chiacchiera, passeggia, incontra gente e soprattutto osserva e immagina. Tutto questo è IL FILO DEL RASOIO ed è anche una traduzione dei pensieri sulla pagina assolutamente perfetta!

    ha scritto il 

  • 0

    Una prosa delicata e garbata. Una trama densa, anche se con qualche divagazione di troppo (ma quale eleganza quando lo scrittore avvisa il lettore che un determinato capitolo, effettivamente pesante, puo' essere non letto!) . Una galleria di protagonisti e di figure di secondo piano. La contrapp ...continua

    Una prosa delicata e garbata. Una trama densa, anche se con qualche divagazione di troppo (ma quale eleganza quando lo scrittore avvisa il lettore che un determinato capitolo, effettivamente pesante, puo' essere non letto!) . Una galleria di protagonisti e di figure di secondo piano. La contrapposizione di fondo, non esplicitata ma chiaramente percepibile, tra Larry, uomo di grande spiritualita', e Isabel, bella donna ma alla quale manca la tenerezza. Un ritratto delle societa' americana, francese e inglese nel periodo compreso tra la fine della prima guerra mondiale e gli anni Trenta del secolo scorso e gli sconquassi provocati dalla grande crisi del '29. Un romanzo corposo che si legge con grande trasporto.

    ha scritto il 

  • 4

    I want to live where soul meets body
    And let the sun wrap its arms around me
    And bathe my skin in water cool and cleansing
    And feel, feel what it's like to be new

    Prendo in prestito le parole dei "Death cab for cutie", perché penso che questi siano un po i pensieri di Lar ...continua

    I want to live where soul meets body
    And let the sun wrap its arms around me
    And bathe my skin in water cool and cleansing
    And feel, feel what it's like to be new

    Prendo in prestito le parole dei "Death cab for cutie", perché penso che questi siano un po i pensieri di Larry, nella parte sesta di questo "romanzo", e perché sono un implicita dedica ad una persona speciale, che me li ha fatti conoscere, e con cui ho letto questo libro , una persona veramente speciale come se incontrano di rado, o quasi mai, e per questo motivo questo libro si becca quattro stelline, gli devo un amicizia e una stellina in più se la merita :)

    E ora scendiamo nei particolari,divagando come sempre...
    Ieri ero in treno e mentre facevo la mia bella tratta fantasticando chissà perché sul viaggio in treno di Chihiro nella città incantata (scorgendo per un attimo con la coda nell' occhio la stessa bizzarra creatura dall' altra parte del vagone, potere del sonno)e leggevo nel frattempo interrompendomi ogni tanto per guardare fuori dal finestrino persa dietro alle mie fantasticherie(come quella sopra accennata appunto)ad un certo punto dall' ipod in random è partita proprio la canzone di sopra citata "soul meets body" e io mi trovavo a leggere questo:

    ^^Quella sera mi portò in barca sul Gange , una cosa emozionante, bellissima,con la città assiepata fino in riva all' acqua, imponente;ma la mattina dopo mi mostrò di meglio, venne a prendermi prima dell' alba e mi portò di nuovo al fiume .Vidi una cosa che non avrei mai creduto possibile, vidi migliaia e migliaia di persone scendere a fare un bagno lustrale e a pregare a voce alta il sole nascente. Non so dirle che impressione mi fece. Passai sei mesi a Benares e tornai più e più volte al Gange all' alba a vedere quello strano spettacolo. Non finiva di meravigliarmi^^ segue un lungo discorso sulla metempsicosi, veramente meraviglioso...

    "Soul meets body" anche perché Larry è appunto l' anima del libro ... Nonché l' indiretto protagonista, perché Larry non è tipo che si lasci guardare direttamente se non con le proprie modalità e i propri tempi ... Larry è appunto come un soffio di vento sull' acqua, l' ombra di una nuvola di passaggio sul sole , fuggevole inafferrabile ,non si scopre mai indirettamente, se non alla fine,dobbiamo guardarlo attraverso gli occhi degli altri,che sono "il corpo" del romanzo dominato da passioni semplicemte umane o bestiali, ma Lary no lui è animato da altro dall' amore per la conoscenza, la vera e propria passione della sua vita e dalla ricerca della pace e sopratutto della libertà,non è forse un ' anima di una strana specie questa? Per questo forse sembra così strano a coloro che lo circondano .Ecco cosa si dice ,per esempio, in un dialogo fra il narratore (Maugham appunto)e una donna che per un periodo "ha avuto a che fare" con Larry:

    ^^"Sai una volta mi feci una piccola fama di uomo spiritoso grazie al semplice fatto di dire la verità. Per tanti era una cosa cosi sorprendente che pensavano scherzassi"
    "Non vedo il nesso"
    "Ecco Larry è la sola persona al mondo completamente disinteressata che mi sia accaduto di conoscere.Per questo il suo modo di agire sembra così singolare. Non siamo abituati a persone che fanno le cose semplicemente per amor di Dio,in cui non credono"
    Suzanne mi guardò con gli occhi sgranati
    "Poverino,hai bevuto troppo"^^

    Molto probabilmente come si dice ad un certo punto del romanzo se Larry fosse vissuto in un altra epoca sarebbe stato un mistico, o un frate di clausura dedito alla contemplazione, o forse sarebbe stato bruciato sul rogo,chissà ...Non non possiamo far altro che stupirci e seguirlo nei suoi viaggi attraverso i nostri casuali e fortuiti incontri con lui, spesso attraverso gli altri , e che altri ! Come sempre nei libri di Maugham la galleria di caratteri e personaggi è descritta in maniera cosi precisa e meravigliosa che è impossibile non credere che per mezzo loro Maugham non stia parlando anche con noi e lasciarci cullare dai racconti delle loro vite : Elliot così snob e frivolo , eppure così buono in fondo , Isabel così fine e delicata ma incredibilmente animalesca in alcuni momenti , Sophie così fragile un "anima bella" capace di emozionarsi per un ode di Keats che stà leggendo che pure precipita in un abisso senza fondo, dal quale neppure Larry pur volendolo , può salvarla e infine l' autore così' incredibilmente acuto , talvolta talmente cinico e diretto da sembrare spietato, eppure capace come nessuno nel romanzo di comprendere fin in fondo "animo umano", e anche quando questo sembra cadere in basso così capace di comprenderlo e giustificarlo in qualche modo... E mi scusino tutti gli altri che ho tralasciato, so che siete tanti, e ve ne chiedo perdono, mi mancherete comunque...

    ha scritto il 

  • 3

    Una specie di attaccapanni dei propri sogni

    Volevo leggere il racconto “In villa”, e ho finito per provare Il filo del rasoio. Dopo un anno di letture documentate, ponderate in base ai commenti altrui, ho cercato la sorpresa. Maugham (mai letto prima) ha una prosa curata.
    Questo libro possiede la particolarità di annoverarlo fra i pe ...continua

    Volevo leggere il racconto “In villa”, e ho finito per provare Il filo del rasoio. Dopo un anno di letture documentate, ponderate in base ai commenti altrui, ho cercato la sorpresa. Maugham (mai letto prima) ha una prosa curata.
    Questo libro possiede la particolarità di annoverarlo fra i personaggi. E' lui in prima persona che racconta ed interagisce con un gruppo di americani emigrati in Europa. La prima guerra mondiale è appena finita quando Larry, aviatore americano minorenne che vi aveva partecipato facendosi arruolare con false generalità, torna a Chicago. Lo aspetta Isabel, la donna che ama e che gli si è promessa in sposa. Larry però durante la guerra ha incontrato la morte
    E ricordo di aver visto dopo una battaglia una catasta di soldati francesi morti, ammonticchiati gli uni sugli altri. Sembravano le marionette di un teatrino fallito, buttate in un angolo polveroso perché non servono più
    L'ha incontrata anche da vicino, un amico guascone è morto per salvargli la vita, e ora lui alla vita che gli è rimasta vuole trovare un significato. Leggendo Spinoza, Descartes, Platone, inizierà un peregrinaggio intellettuale che diverrà, poi, anche fisico, portandolo in giro per il mondo. Maughan affianca alla storia di Larry quella di Isabel e dei loro amici. Li prende e li trapianta in quello che all'epoca era il centro del mondo, Parigi. Sono gli anni ruggenti, gli anni della lost generation (ma Maugham è inglese, non troverete riferimenti a Fitzgerald o Hemingway). Il mondo è uscito dalla grande guerra e viaggia sfrenatamente verso la grande depressione.
    L'America, era chiaro per un uomo acuto come Elliott, si trovava sulla soglia di un periodo di prosperità come non ne aveva mai conosciuti prima
    La depressione del '29 avrà effetti più devastanti della guerra per i protagonisti di questo libro. La lettura in alcuni punti è stata come dire... passionale
    - L'amore, se non è passione, non è amore, ma qualcosa d'altro; e la passione si nutre non di appagamento ma di ostacoli.
    -La passione non calcola mai il prezzo. Il cuore ha le sue ragioni che la ragione rifiuta di conoscere
    -La passione ci convince che è giusto sacrificare l'onore e che la vergogna è un prezzo basso.
    -La passione distrugge. Distrusse Antonio e Cleopatra, Tristano ed Isotta, Parnell e Kitty O' Shea. E se non distrugge, muore

    poi la passione si è trasferita alla ricerca dell'assoluto, all'incontro con l'induismo, son venuti fuori i miei limiti da occidentale scettico e prevenuto ed è caduta una delle 4 stelle che avrei creduto di assegnare a fine lettura.

    In bilico
    tra santi e falsi dei
    sorretto da
    un'insensata voglia
    di equilibrio
    e resto qui
    sul filo di un rasoio
    ad asciugar
    parole
    che oggi ho steso
    e mai dirò
    http://www.youtube.com/watch?v=br56LumlxGw

    E-book N°24
    Il filo del rasoio (William Somerset Maugham)
    Settembre 2013

    ha scritto il 

  • 4

    ambientato dopo la prima guerra mondiale, Maugham ci racconta la vita e le scelte del giovanotto Larry Darrell che ha davanti a sè una fulgida e promettente vita lavorativa e sentimentale, e invece sceglie di sparire da tutto ciò, e di fare altro (che verrà svelato)
    il filo del rasoio è pro ...continua

    ambientato dopo la prima guerra mondiale, Maugham ci racconta la vita e le scelte del giovanotto Larry Darrell che ha davanti a sè una fulgida e promettente vita lavorativa e sentimentale, e invece sceglie di sparire da tutto ciò, e di fare altro (che verrà svelato)
    il filo del rasoio è proprio muoversi su mondi diversi, il voler-fare e quello che gli altri si aspettano che tu faccia

    ha scritto il 

  • 4

    Ancora un bel romanzo di Maugham, dove l'autore stesso non è solo l'io narrante, ma sembra essere se stesso, è proprio chiamato "Maugham", scrittore famoso e affermato, e agisce come uno dei personaggi principali della storia: un notevole espediente.
    La storia narra di alcuni americani (vis ...continua

    Ancora un bel romanzo di Maugham, dove l'autore stesso non è solo l'io narrante, ma sembra essere se stesso, è proprio chiamato "Maugham", scrittore famoso e affermato, e agisce come uno dei personaggi principali della storia: un notevole espediente.
    La storia narra di alcuni americani (visti da un autore Inglese)che per diverse motivazioni si trovano ad agire in Europa, specialmente in Francia (prospettiva rovesciata rispetto ai romanzi di James).
    Mentre la maggior parte di essi sono impegnati a conquistare una posizione sociale importante (come l'incredibilmente snob Elliot) o ad arricchirsi e trascorrere una vita nel lusso (come Isabel e Gray), il personaggio di Larry, di cui Isabel è innamorata, rifiuta queste prospettive, che pure sarebbero facili da cogliere, per intraprendere una sua ricerca che lo porterà in varie situazioni (dal lavoro in miniera fino alla vita contemplativa in India). Larry cerca l'assoluto, la risposta agli interrogativi ultimi della vita.
    Larry non si accontenta, non accetta i luoghi comuni è il personaggio positivo, mentre Isabel si rivelerà come una persona meschina, che vuole imporre la propria visione del mondo agli altri, tanto da essere la causa indiretta della tragica fine di una debole amica di infanzia, che sta per sposare Larry.
    Anche Elliot, zio di Isabel, consuma tutta la sua esistenza tra ricevimenti, banchetti, futilità di ogni genere, è un simbolo della vita condizionata da regole sociali stereotipate.
    Maugham tratteggia tutti i personaggi in modo profondo e indimenticabile, tuttavia mi è sembrato troppo indulgente (complice ?) verso le persone che agiscono e pensano all'interno di un sistema sociale e delle sue regole. Neanche la crisi del '29 sarà deleteria, ma causerà solo qualche anno di relativo disagio. Maugham stesso parla di "lieto fine" della storia.
    In cui Larry, completato il lungo percorso spirituale e spogliatosi completamente di ogni possesso, ma completamente libero, è pronto a tornare in America per lavorare come meccanico; un'America molto diversa e non comunicante con quella dorata e danarosa che aspetta Isabel e Gray.
    Un bel romanzo da non lasciarsi sfuggire, ... nonostante il lieto fine ...

    ha scritto il 

Ordina per