Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il forte sul fiume

Le cronache di Camelot vol.5

Di

Editore: Piemme (Mini pocket)

3.9
(441)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 412 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8838485666 | Isbn-13: 9788838485664 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: G. Lonza

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature , History , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il forte sul fiume?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Caio Merlino Britannico, dopo un fallito attentato alla vita del piccolo Artù, è fuggito da Camelot. Navigando verso nord, i fuggitivi giungono nel porto neutrale di Ravenglass, il cui re è Derek, l'uomo che ha ucciso il padre di Artù e violentato sua madre. Merlino deve reprimere l'odio che porta a quell'uomo e arriverà addirittura a salvargli la vita. In cambio si farà concedere un vecchio fortino abbandonato dai romani. Lì nascosto, Merlino educherà e addestrerà il giovane Artù di Pendragon.
Ordina per
  • 3

    Una mezza delusione per un capitolo su cui nutrivo aspettative maggiori ; l'efficacia di personaggi e situazioni rimane sui buoni standard di Whyte ma francamente le opportunità offerte dal soggetto ( l'addestramento di Artù ) sono sfruttate ai minimi termini : l'analisi del rapporto tra Merlino ...continua

    Una mezza delusione per un capitolo su cui nutrivo aspettative maggiori ; l'efficacia di personaggi e situazioni rimane sui buoni standard di Whyte ma francamente le opportunità offerte dal soggetto ( l'addestramento di Artù ) sono sfruttate ai minimi termini : l'analisi del rapporto tra Merlino e il pupillo è molto scarsa e l'attenzione si focalizza troppo sulle questioni private del primo, mentre Artù è a malapena abbozzato in un ritratto approssimativo ed un po' antipatico di enfant prodige, a tratti odioso nel suo costantemente essere il primo della classe.

    La lettura è tutt'altro che pesante o irritante, ma spiace sinceramente vedere che dopo l'ottimo La stirpe dell'aquila Whyte si sia attestato su binari solidi senza tuttavia i picchi di pathos dei tomi iniziali, vivendo di rendita sui propri pur ottimi personaggi.

    ha scritto il 

  • 4

    Continua l'addestramento del nostro futuro eroe in questa piccola comunità, separata da tutti gli eventi esterni.
    Il libro a mio avviso è più interessante dei due precedenti, perché finalmente tastiamo con mano quanto potrà essere forte ed influente il futuro Artù. Ricco di principi e di un ...continua

    Continua l'addestramento del nostro futuro eroe in questa piccola comunità, separata da tutti gli eventi esterni.
    Il libro a mio avviso è più interessante dei due precedenti, perché finalmente tastiamo con mano quanto potrà essere forte ed influente il futuro Artù. Ricco di principi e di una corretta morale, già in questa prima fase, sarà al centro di tutti gli avvenimenti della ristretta cerchia di amici.
    Finalmente i tre elementi cardine della storia, Artù Excalibur e Camelot, iniziano ad unirsi in una cosa sola.
    Ora non ci resta resta che attendere il loro arrivo nei pressi del cancello della fortezza.

    ha scritto il 

  • 3

    Poca azione...

    All'inizio ho faticato un pò, tantè che l'ho tirato avanti per più di un mese. Le ultime 100 pagine invece, le ho lette molto volentieri. Forse, questo libro insieme a "La pietra del cielo" (primo volume della saga "Le cronache di Camelot")sono quelli che mi sono piaciuti meno in confronto agli a ...continua

    All'inizio ho faticato un pò, tantè che l'ho tirato avanti per più di un mese. Le ultime 100 pagine invece, le ho lette molto volentieri. Forse, questo libro insieme a "La pietra del cielo" (primo volume della saga "Le cronache di Camelot")sono quelli che mi sono piaciuti meno in confronto agli altri.
    3 Stelline comunque.

    ha scritto il