Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il fu Mattia bazar

e altre storie da libreria

Di

Editore: Orme

3.8
(75)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 111 | Formato: Paperback

Isbn-10: 888877453X | Isbn-13: 9788888774534 | Data di pubblicazione: 

Curatore: Grandi & Associati

Genere: Humor

Ti piace Il fu Mattia bazar?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Strafalcioni detti e ascoltati nelle librerie di tutta Italia, capolavori di contorsionismo e virtuosismi su classici di tutte le epoche e ultimissime novità. Capita così a uno sbalordito commesso di sentirsi domandare: "Dove posso trovare 'II fu Mattia Bazar' di Luigi Pirandello?" e due minuti dopo: "Cerco un vecchio libro della Fallaci, 'Cincillà'". Ma il comico involontario a volte non è il povero cliente, sta dall'altra parte dell'ipotetico bancone. Cliente: "Avete qualcosa sui Monty Python?" Commesso: "Deve chiedere al piano di sotto, settore guide turistiche, reparto alpinismo".
Ordina per
  • 0

    [Insomma]

    Qualcuno gira le capitali europee,
    qualcun altro sta a casa e legge i fondamentali della

    cultura mondiale. Per riposarsi sfoglia "Il fu mattia
    bazar", la summa più importante, dopo quella di S.Agostino,

    nel mondo cosiddetto occidentale.

    [non riuscivo a dormire, n ...continua

    Qualcuno gira le capitali europee,
    qualcun altro sta a casa e legge i fondamentali della

    cultura mondiale. Per riposarsi sfoglia "Il fu mattia
    bazar", la summa più importante, dopo quella di S.Agostino,

    nel mondo cosiddetto occidentale.

    [non riuscivo a dormire, non trovo il vocabolario di urdu,
    va tutto a rovescio - però il salotto è perfetto]

    ha scritto il 

  • 4

    - scusi, ce l'ha Feta?
    - hanno fatto un libro sul formaggio greco?
    - ma no, Feta di Aleffandro Baricco!

    - si intitola tutte le poesie ma non so l'autore, lo avete?

    - Mi servirebbe Zampa Bianca, di Jack London.

    - c'è mica il rosso e il nero di un certo Stendbai?

    ...continua

    - scusi, ce l'ha Feta?
    - hanno fatto un libro sul formaggio greco?
    - ma no, Feta di Aleffandro Baricco!

    - si intitola tutte le poesie ma non so l'autore, lo avete?

    - Mi servirebbe Zampa Bianca, di Jack London.

    - c'è mica il rosso e il nero di un certo Stendbai?

    - Vorrei il Manifesto del partito comunista.
    - Eccolo.
    - ma questo è un libro, io volevo il poster..

    - Avete l'ultimo di Aristotele?

    - Vorrei King di Stephen It.

    ok, adesso basta sennò trascrivo tutto il libro!

    ha scritto il 

  • 3

    Fiori di banco, si dicevano un tempo gli strafalcioni. Come si chiameranno i fiori di libreria? Qui i lettori cercano "Danubio" di Magritte e il "Feretro" di Platone, "Zio Vanni" di Cechov e l'"Apologia" di Sofocle. I più spudorati chiedono un Bignami per il concorso di primario, i pii ipocondria ...continua

    Fiori di banco, si dicevano un tempo gli strafalcioni. Come si chiameranno i fiori di libreria? Qui i lettori cercano "Danubio" di Magritte e il "Feretro" di Platone, "Zio Vanni" di Cechov e l'"Apologia" di Sofocle. I più spudorati chiedono un Bignami per il concorso di primario, i pii ipocondriaci esigono "qualcosa sui misteri della Sacra Sindrome". Chissà come se la caveranno con gli acquisti online...

    ha scritto il 

  • 4

    Delizioso campionario di stupidate equamente pronunciate da lettori e librai. A parte gli svarioni, le storpiature e le ostentazioni di ignoranza crassa alcune riflessioni quasi filosofiche (Love story di Jean-Paul Sartre da leggere e rileggere come un Vangelo)e proiezioni di un futuro possibile ...continua

    Delizioso campionario di stupidate equamente pronunciate da lettori e librai. A parte gli svarioni, le storpiature e le ostentazioni di ignoranza crassa alcune riflessioni quasi filosofiche (Love story di Jean-Paul Sartre da leggere e rileggere come un Vangelo)e proiezioni di un futuro possibile (Esiste la Divina Commedia in bergamasco?).

    ha scritto il 

  • 4

    Credo di averci messo 12 minuti a leggere questo simpatico libretto. Ma forse perchè nel frattempo è suonato il telefono, ho acceso una sigaretta o mi sono versata un bicchiere di vino...
    E' una mini raccolta di richieste improbabili udite da orecchie indiscrete in libreria. Da "ma com'è que ...continua

    Credo di averci messo 12 minuti a leggere questo simpatico libretto. Ma forse perchè nel frattempo è suonato il telefono, ho acceso una sigaretta o mi sono versata un bicchiere di vino...
    E' una mini raccolta di richieste improbabili udite da orecchie indiscrete in libreria. Da "ma com'è questo Tre Metri Sotto Terra?" a "avete l'ultimo di Aristotele?"
    Alcuni quesiti fanno ridere, altri solo sorridere, alcuni sono un po' "telefonati".
    Compratelo, e regalatelo, se volete dire a qualcuno che "le librerie sono posti allegri e accoglienti in cui si pratica naturalmente la tolleranza e che bisognerebbe frequentarle di più"

    ha scritto il 

  • 3

    Ideale per un giornata storta, ovviamente si "legge" in dieci minuti. Da pagina quaranta in poi, si comincia a piangere dal ridere praticamente fino alla fine.

    ha scritto il