Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il fuoco greco

Di

Editore: Mondadori

3.8
(107)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8804332131 | Isbn-13: 9788804332138 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Il fuoco greco?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Appassionante romanzo storico con un'ottima ricostruzione. Imprescindibile per chi come me, subisce il fascino di Costantinopoli e della sua storia. Peccato solo che il personaggio di Teofane sia così perfido e lascivo, come da tradizione, plastico come un mosaico bizantino.

    ha scritto il 

  • 4

    Romanzo "storico" di Malerba, ambientato nella Costantinopoli pre- primo Millennio. Intrighi ed omicidi a corte, per salvaguardare la formula segreta del "fuoco greco", la micidiale mistura che permetteva alla flotta bizantina di vincere le battaglie. Ottima descrizione storica, ancorché romanzat ...continua

    Romanzo "storico" di Malerba, ambientato nella Costantinopoli pre- primo Millennio. Intrighi ed omicidi a corte, per salvaguardare la formula segreta del "fuoco greco", la micidiale mistura che permetteva alla flotta bizantina di vincere le battaglie. Ottima descrizione storica, ancorché romanzata, come sempre sa mettere in scena Malerba.

    ha scritto il 

  • 0

    un romanzo storico pieno zeppo di bizantinismi, appunto. Cioè perfidie di palazzo, segreti di stato che portano a morte, lussurie e nequizie a più non posso, cortigiani e generali malefici. L'unico onesto, un giudice che quasi passa per caso, finisce ammazzato ancora più ingiustamente di tutti gl ...continua

    un romanzo storico pieno zeppo di bizantinismi, appunto. Cioè perfidie di palazzo, segreti di stato che portano a morte, lussurie e nequizie a più non posso, cortigiani e generali malefici. L'unico onesto, un giudice che quasi passa per caso, finisce ammazzato ancora più ingiustamente di tutti gli altri. La trama si svolge durante il regno del basileus Niceforo Foca. Non sono un esperto per giudicare la qualità della ricostruzione storiografica o la verosimiglianza dei personaggi e dei loro attributi istituzionali; però il sangue e l'ingiustizia non mancano di certo e per questa similitudine con l'oggi, il libro si fa leggere volentieri.

    ha scritto il 

  • 0

    Un intrigante romanzo ambientato a Costantinopoli al tempo di Niceforo II Foca. Molte liceità sul periodo storico, ma una resa degli ambienti e dei dialoghi spettacolari.
    Ampiamente consigliato a coloro che si occupano della materia (dovremo pure svagarci no?); gli appassionati; ed anche que ...continua

    Un intrigante romanzo ambientato a Costantinopoli al tempo di Niceforo II Foca. Molte liceità sul periodo storico, ma una resa degli ambienti e dei dialoghi spettacolari.
    Ampiamente consigliato a coloro che si occupano della materia (dovremo pure svagarci no?); gli appassionati; ed anche quelli che non hanno mai sentito parlare di Bisanzio. Magari, dopo questa lettura, saranno interessati ad approfondire.

    ha scritto il 

  • 5

    BISANZIO COME TE L'ASPETTI

    Gli eunuchi più manovrieri e infidi, le donne più pie e puttane...l'incombente rovina e i barbari alle porte...generali strenui e geniali, il fuoco greco, la rivolta dell'ippodromo. Congiure di palazzo, occhi strappati, lingue tagliate con o senza reclusione in convento o in un'isola deserta o in ...continua

    Gli eunuchi più manovrieri e infidi, le donne più pie e puttane...l'incombente rovina e i barbari alle porte...generali strenui e geniali, il fuoco greco, la rivolta dell'ippodromo. Congiure di palazzo, occhi strappati, lingue tagliate con o senza reclusione in convento o in un'isola deserta o in un convento su un'isola deserta. Romanzo storico forte e sentito.

    ha scritto il 

  • 0

    Un buon romanzo storico, una scheggia della vita della Corte di Bisanzio. Spicca soprattutto una galleria di personaggi decisamente negativa: i personaggi della storia fanno più o meno tutti una morte violenta e difficilmente riesco a trovarne uno essenzialmente positivo.

    ha scritto il