Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il garofano rosso

Di

Editore: Mondadori

3.6
(928)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 211 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8804492538 | Isbn-13: 9788804492535 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , History , Teens

Ti piace Il garofano rosso?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La storia di un liceale e del suo amore timido per una compagna di scuola. Ma anche l'analisi di una maturazione sentimentale, politica e sociale nell'Italia degli anni Venti, quando le passioni erano ardenti e anche un garofano rosso all'occhiello, un ingenuo pegno d'amore, può apparire come un simbolo sovversivo...
Ordina per
  • 0

    "E i globi si accesero nell'aria del viale, ma restarono secchi, nell'aria chiara, come non trovassero da emettere il respiro"

    Tanti anni sono passati (quasi un secolo, ormai) da quando Vittorini ha colto questo garofano e lo ha messo ad essiccare tra le pagine di un libro; eppure, eppure esso profuma ancora di quella ...continua

    Tanti anni sono passati (quasi un secolo, ormai) da quando Vittorini ha colto questo garofano e lo ha messo ad essiccare tra le pagine di un libro; eppure, eppure esso profuma ancora di quella fragranza speciale che hanno le battaglie (spesso, se non sempre, inutili) combattute da giovani con un cuore sanguinante in mano, in nome dell'amore, della libertà, di un mondo nuovo regolato da leggi forse severe, ma giuste, capaci di sentenziare a morte i rei di menzogna, tradimento, prostituzione.

    Forse un giorno ci sveglieremo rendendoci conto che la maturità ci è caduta addosso, tutta insieme, in un istante. Tutto quello che possiamo fare, per ora, è tornare tra i banchi e riaprire i libri per imparare meglio che possiamo la lezione.

    ha scritto il 

  • 2

    Sono indecisa se dare mezza stella in più, ma in fondo non cambia molto. Vittorini avrebbe potuto scrivere un ottimo romanzo di formazione, invece il libro risulta lento e appesantito da qualche ...continua

    Sono indecisa se dare mezza stella in più, ma in fondo non cambia molto. Vittorini avrebbe potuto scrivere un ottimo romanzo di formazione, invece il libro risulta lento e appesantito da qualche capitolo in stile diaristico ed epistolare, alcuni passaggi sono confusi - e il motivo non è il consolidato stile onirico dell'autore, che comunque qui è presente in misura molto minore -, non viene lasciato quasi nessuno spazio ai personaggi secondari eccetto Tarquinio - la cui psicologia è approfondita attraverso le lettere che manda al protagonista, lettere che risultano troppo numerose e ricche di divagazioni per non stancare dopo un po' -. Il classico stile di Vittorini scompare - lo troviamo solo all'inizio, e infatti la scena in cui Giovanna dona il garofano al protagonista è l'unica che salvo - per lasciare spazio al linguaggio di un adolescente degli anni Trenta e alle sue, parliamoci chiaro, fisime mentali. Un ragazzino che vuole fare l'adulto, in contrasto col mondo e con i suoi genitori, la cui iniziazione sessuale avviene con la prostituta oggetto del desiderio dell'amico - ma ovviamente il rapporto con lei è quasi filiale. Il contesto non è mai abbastanza approfondito e il protagonista non arriva a nessuna maturazione, così, per quanto breve, l'impressione finale è quella di un romanzo pesante e a tratti noioso.

    ha scritto il 

  • 4

    Una buona descrizione dello stato d'animo dei ragazzi del periodo fascista

    Si parte da vicende personali di un ragazzo che si trova al passaggio per diventare uomo .. ma si tratta di una metafora della società del tempo. Non male il libro ma il fianle mi ha lasciato così ...continua

    Si parte da vicende personali di un ragazzo che si trova al passaggio per diventare uomo .. ma si tratta di una metafora della società del tempo. Non male il libro ma il fianle mi ha lasciato così così .. sembra quasi tronco.

    ha scritto il 

  • 3

    Il garofano rosso è un libro che dovrebbe essere inserito nei programmi delle scuole superiori. Vittorini attraverso un linguaggio leggero ma allo stesso tempo profondo, tratta tutte le tematiche ...continua

    Il garofano rosso è un libro che dovrebbe essere inserito nei programmi delle scuole superiori. Vittorini attraverso un linguaggio leggero ma allo stesso tempo profondo, tratta tutte le tematiche care all'adolescenza: l'Amore con i suoi turbamenti, il rapporto con la famiglia, l'amicizia, il sesso, la politica, la legge e la scuola. é un viaggio nella Sicilia degli anni venti, con tutti i pensieri sballottati tra le idee fasciste e quelle comuniste, interessante le storie sentimentali che si intrecciano; Davvero bella la parte finale e l'idea del codice dell'Amore. Ritengo di grande spessore il messaggio che mi è arrivato: se conosci qualcuno di migliore dovrebbe essere un obbligo diventare al tal punto migliori (penso che farebbe certamente bene al mondo se fosse un precetto di legge). Da leggere!

    ha scritto il 

  • 5

    Davvero bello. Un romanzo di formazione scritto nella maniera unica e inimitabile del neorealismo. Leggendo romanzi del genere mi risulta sempre più difficile comprendere come mai nessun esponente ...continua

    Davvero bello. Un romanzo di formazione scritto nella maniera unica e inimitabile del neorealismo. Leggendo romanzi del genere mi risulta sempre più difficile comprendere come mai nessun esponente di questa formidabile corrente letteraria non sia mai stato premiato con un nobel.

    ha scritto il 

  • 4

    " Tremavo come allora. E sentivo tutta la mia vita immersa nella paura di non indovinare la mano che volevo seguire, dico la mano della più cara che non importava se conduceva all'inferno, se ...continua

    " Tremavo come allora. E sentivo tutta la mia vita immersa nella paura di non indovinare la mano che volevo seguire, dico la mano della più cara che non importava se conduceva all'inferno, se conduceva in paradiso. "

    ha scritto il