Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il gatto che andava ai party

I Classici del Giallo Mondadori n. 1075

Di

Editore: Arnoldo Mondadori Editore

3.6
(19)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 181 | Formato: Altri

Isbn-10: A000051040 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Lydia Lax

Genere: Mystery & Thrillers , Pets

Ti piace Il gatto che andava ai party?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La contea di Moose si prepara a una serie di grandi celebrazioni: due delle sue città più antiche, Pickax e Brrr, "compiono gli anni", ed entrambe sono intenzionate a darsi da fare per offrire la festa più spettacolare. Tutti sono in fermento, anche il giornalista Jim Qwilleran che è pronto ad inaugurare una libreria a Pickax e a scrivere un recital per Brrr. Ma in questo clima euforico c'é qualche nota stonata: la leggenda del favoloso bottino di un pirata, l'arrivo di una donna intelligente e misteriosa e, soprattutto, il ritrovamento vicino alla spiaggia di un uomo assassinato. Sebbene il senso dell'umorismo sia una vecchia tradizione della contea di Moose, "l'ululato di morte" di Koko, il siamese telepatico di Qwilleran, parla chiaro: c'é poco da ridere!
Ordina per
  • 3

    Decisamente gli ultimi episodi della serie "Il gatto che..." sembrano risentire dell'età avanzata dell'autrice. Nelle storie l'elemento giallo è sempre meno presente e addirittura alcuni elementi rimangono in sospeso: qui si arriva a sapere chi è l'assassino, ma non il perché.

    ha scritto il 

  • 1

    Senza capo nè...coda

    Evidentemente la Brown, sull'onda del successo della serie, deve pubblicare un tot di libri dietro richiesta, o forse pressione, dell'editore. Il risultato di tale operazione commerciale è questo libricino sconclusionato che fa rimpiangere altri più felici della medesima autrice.

    ha scritto il 

  • 5

    Quali migliori compagni per un viaggio in treno se non Qwilleran, Koko e Yum Yum? Grazie alle loro avventure le quattro ore (più ritardo) canoniche sono volate e mi è dispiaciuto solo che il romanzo fosse piuttosto breve. Gli ultimi tomi della Jackson Braun stanno infatti diventando sempre più sm ...continua

    Quali migliori compagni per un viaggio in treno se non Qwilleran, Koko e Yum Yum? Grazie alle loro avventure le quattro ore (più ritardo) canoniche sono volate e mi è dispiaciuto solo che il romanzo fosse piuttosto breve. Gli ultimi tomi della Jackson Braun stanno infatti diventando sempre più smilzi, non a discapito però di qualità narrativa e (solita) simpatia dei personaggi, la "famiglia" che conosciamo e amiamo da ormai 27 volumi (se penso che ne restano più solo 3...). Insomma, promosso anche questo "Gatto che andava ai party" (anche se non ho ben capito il titolo cosa c'entri con la trama, quello originale è ben diverso).

    ha scritto il