Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il giardino dei Finzi-Contini

Il romanzo di Ferrara libro terzo

By Giorgio Bassani

(230)

| Mass Market Paperback

Like Il giardino dei Finzi-Contini ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Micòl Finzi-Contini è una delle figure più affascinanti e inafferrabili della letteratura italiana di oggi: una figura dal destino tragico che si compie in una delle pagine più crudeli che la storia ricordi, lo sterminio nazista degli ebrei d'Europa. Continue

Micòl Finzi-Contini è una delle figure più affascinanti e inafferrabili della letteratura italiana di oggi: una figura dal destino tragico che si compie in una delle pagine più crudeli che la storia ricordi, lo sterminio nazista degli ebrei d'Europa. Insieme ai familiari essa viene deportata in un campo di concentramento tedesco nel 1943, votata a una morte anonima. Ma un diverso mondo si intreccia al tragico regno mitico in cui vengono rievocate l'adolescenza e la prima gioventù del narratore; e di questa sua personale vicenda il rapporto con la famiglia dei Finzi-Contini, e soprattutto con Micòl, è un elemento determinante. In realtà il romanzo, per quanto scritto in prima persona dal protagonista-narrante, è come un monumento innalzato in memoria di Micòl; quando si chiude la vicenda di lei, si interrompe anche quella del protagonista.
Il modo d'agire di Micòl, enigmatico e imprevedibile, non può venir analizzato alla luce degli elementi "realistici" dell'intreccio, o degli elementi psicologici della sua personalità. Il suo rifiutare l'amore del protagonista, la brusca partenza da Ferrara, l'odio che nutre per il futuro, il suo amore appassionato per la vita, sono soltanto alcuni dei gesti, dei sentimenti di Micòl, che lasciano interdetto e affascinato il lettore.
Per comprendere almeno in parte la natura di Micòl, è necessario oltrepassare il livello storico e psicologico della narrazione e guardare ai suoi archetipi mitici, all'eterno tema del cammino verso la maturità; soltanto allora Micòl può apparire come il mistagogo del protagonista, e la ricchezza simbolica, la più autentica ricchezza del romanzo, può venir compresa appieno.

453 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Fosse stato ambientato in qualsiasi altro contesto storico, "Il Giardino dei Finzi Contini" si sarebbe potuto classificare alla voce: "romanzi sentimentali". Bassani però si gioca il jolly e premettendo che quasi tutti i personaggi principali con l'e ...(continue)

    Fosse stato ambientato in qualsiasi altro contesto storico, "Il Giardino dei Finzi Contini" si sarebbe potuto classificare alla voce: "romanzi sentimentali". Bassani però si gioca il jolly e premettendo che quasi tutti i personaggi principali con l'eccezione del protagonista moriranno nei campi di concentramento se non prima, ne amplifica all'ennesima potenza la portata, elevando una timida storia di amori non corrisposti al livello di tragedia epocale.

    Intendiamoci, il romanzo sarebbe stato ottimo lo stesso ma con questo colpo di genio Bassani lo ha proiettato nell'empireo dei primi dieci romanzi italiani di tutti i tempi, sfornando un capolavoro che pur incentrato su tutt'altro argomento racconta l'epoca delle leggi razziali meglio di molte opere di narrativa che invece ne han fatto il proprio fulcro. Ben scritto, ben equilibrato, ambientato benissimo in una Ferrara che potrebbe essere qualsiasi altra piccola città del nord Italia, poggia comunque il suo punto di forza più importante nei personaggi: l'io narrante, timido ma non impacciato, intelligente ma fondamentalmente ingenuo, riservato ma capace di grande introspezione; e soprattutto Micòl, forse il miglior personaggio femminile della storia della letteratura italiana: intelligente, colta, ironica, cinica ma delicata, appassionata ma distaccata, affettuosa ma irraggiungibile, un autentico capolavoro di equilibrio tra caratteri divergenti che la rendono irresistibile. Impossibile non innamorarsene con il protagonista e poi condividere i suoi dolori, autentica catarsi che gli apre le porte dell'età adulta e gli permette di compiere un arco di trasformazione di una coerenza che ha pochi eguali nella nostra letteratura.

    E sullo sfondo il fascismo, le persecuzioni contro gli ebrei, le leggi razziali, l'ombra della guerra che avanza come nuvoloni all'orizzonte, le discussioni politiche.

    Stupendo, immancabile, irraggiungibile.

    Is this helpful?

    Albertozeta said on Sep 30, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Bellissimo

    Bellissimo! Letto qualche anno addietro e adorato, ero talmente entrata dentro la storia che alla fine è stata una delusione scoprire che la villa dei Finzi-Contini non esisteva davvero e che la storia era frutto dell'immaginazione di Bassani. Fantas ...(continue)

    Bellissimo! Letto qualche anno addietro e adorato, ero talmente entrata dentro la storia che alla fine è stata una delusione scoprire che la villa dei Finzi-Contini non esisteva davvero e che la storia era frutto dell'immaginazione di Bassani. Fantastico il personaggio di Micol. Un sentimento di malinconia e quasi di corsa contro il tempo pervade tutto il romanzo, come se si avesse la malcelata certezza che il proprio tempo sta scadendo e che si sta percorrendo la strada verso un destino segnato.

    Is this helpful?

    JustBreathe said on Sep 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Troppo troppo troppo peso alla presunta storia d'amore, allo stato d'animo e ai pensieri e quasi (se non totalmente in molte parti) nullo il fondo storico.
    Ad ogni modo, scritto bene.

    Is this helpful?

    Nena M. said on Sep 11, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Tennis, giardini e cotte

    Sarà che mi aspettavo qualcosa di diverso, sarà che la scrittura è antica, ma il libro mi ha preso ben poco, annoiandomi per la maggior parte del tempo.
    Il tutto si riduce al tennis, al giardino, alle passeggiate e alla cotta tardo-adolescenziale de ...(continue)

    Sarà che mi aspettavo qualcosa di diverso, sarà che la scrittura è antica, ma il libro mi ha preso ben poco, annoiandomi per la maggior parte del tempo.
    Il tutto si riduce al tennis, al giardino, alle passeggiate e alla cotta tardo-adolescenziale del protagonista.
    Di contorno appena accennate ci sono le leggi razziali e il periodo critico prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, ma dal libro non si capisce neanche un millesimo del dramma che gli ebrei vivevano in Europa né le tensioni sociali che investivano la popolazione.

    5.5/10

    Is this helpful?

    Marta said on Sep 11, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Descrizioni molto suggestive. Porterò per sempre nel mio cuore il protagonista che si allontana di notte dalla casa di Micol

    Is this helpful?

    writerlaury said on Jul 29, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book