Il giardino dei nuovi inizi

Di

Editore: LeggereEditore

3.6
(143)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 356 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8865081856 | Isbn-13: 9788865081853 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Silvia Demi

Disponibile anche come: eBook , Paperback

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace Il giardino dei nuovi inizi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Serie: Inn BoonsBoro Trilogy Vol.1

Lo storico albergo di Boonsboro, nel Maryland, ha visto succedersi guerre e momenti di pace, periodi prosperi e tempi difficili, ha cambiato gestionein diverse occasioni e si è persino vociferato che fosse infestato dai fantasmi. E ora nuovi cambiamenti sono in vista. Non solo perché i fratelli Montgomerye la loro eccentrica madre hanno deciso di ristrutturarlo; anche perché il nuovo progetto coinvolgerà le vite di molti. Un’ondata di sorprese travolgerà l’intera cittadina, e quando un tocco di rosa si affaccia all’orizzonte, portando una ventata di novità, nessuno dei tre fratelli verrà risparmiato. Ma c’è un altro progetto in cui Beckett Montgomery si è gettato a capofitto: fare innamorare la donna che sta aspettando di baciare da quando aveva quindici anni... Il romanzo di apertura di una nuova trilogia romance, dalla regina assoluta del genere.
Ordina per
  • 3

    Lettura di gruppo Gennaio E&L

    Una lettura leggera, veloce e divertente.
    Ho adorato i tre monelli di Clare, il loro essere supereroi. L'atmosfera della famiglia, gioiosa, spensierata. Ma anche il Momento, i momenti, i problemi, le ...continua

    Una lettura leggera, veloce e divertente.
    Ho adorato i tre monelli di Clare, il loro essere supereroi. L'atmosfera della famiglia, gioiosa, spensierata. Ma anche il Momento, i momenti, i problemi, le paure, che ogni persona può portare con sé. Superarli stando insieme, aiutandosi.
    Bello per questo. Lizzy, beh, presenze...bisogna crederci?

    ha scritto il 

  • 3

    3 e 1/2

    Una lettura scorrevole e appassionante con temi molto importanti, trattati molto bene devo dire.
    I protagonisti principali Beck e Clare, mi sono piaciuti davvero moltissimo, ma anche gli altri che li ...continua

    Una lettura scorrevole e appassionante con temi molto importanti, trattati molto bene devo dire.
    I protagonisti principali Beck e Clare, mi sono piaciuti davvero moltissimo, ma anche gli altri che li affiancavano non erano da meno come: Ryder, Owen, Hope ed Avery.
    Questo libro mostra anche un importante tema che mi è piaciuto molto per come è stato trattato: la famiglia; che in questo libro e credo anche nei seguenti ha un ruolo fondamentale.
    In questo libro soprattutto viene mostrato l'affetto tra fratelli da parte di Beck e quello per i figli da parte di Clare, e fusi insieme questi due affetti fanno uscire fuori una bellissima combinazione d'amore in diverse forme.
    La Roberts ha decisamente scritto un libro bellissimo ora non vedo l'ora di scoprire di più nel prossimo.

    ha scritto il 

  • 2

    Storia piacevole con le solite caratteristiche del romanzo rosa e una punta di paranormale e mistero, però ci sono troppi dettagli sulla ristrutturazione che rendono lo svolginetto un pochino lento.
    C ...continua

    Storia piacevole con le solite caratteristiche del romanzo rosa e una punta di paranormale e mistero, però ci sono troppi dettagli sulla ristrutturazione che rendono lo svolginetto un pochino lento.
    Comunque i fratelli Montgomery insieme sono uno spasso e Becker ė davvero amorevole con i figli di Clare. Mi è piaciuta lei, una donna che si rende conto che non si può vivere senza amore, nonostante la vita non le abbia sorriso per niente.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    SERIE BOONSBORO HOTEL n. 1

    Lettura di gruppo E&L

    No non ci siamo. Sono delusa. Delusa perchè a me piace Nora Roberts. Mi piacciono i libri ambientati nei piccoli paesi sperduti americani. Mi piacciono le super famiglie molto un ...continua

    Lettura di gruppo E&L

    No non ci siamo. Sono delusa. Delusa perchè a me piace Nora Roberts. Mi piacciono i libri ambientati nei piccoli paesi sperduti americani. Mi piacciono le super famiglie molto unite. Tre fratelli che lavorano insieme nell'impresa edile del padre, morto giovane e tirati su da una mamma spettacolare. Immaginavo che in ogni libro ogni fratello trovasse l'amore. e Mi piace leggere questi libri pieni di buoni senitimenti. Dove il bene sconfigge il male. Quelle che non mi è piacuto è che purtroppo questo libro (e speno non anche i successivi) mi ha ricordato molto la serie dei fratelli McKade sempre della Roberts. E questo mi ha molto deluso.
    Quindi non è stata una sorpesa questa lettura. Ha mescolato un pò le carte ma di base c'erano moltissime cose uguali.
    Qui abbiamo tre fratelli, molto legati, senza padre, che lavorano nella stessa azienda e che vivono in una piccola città. Nell'altro abbiamo quattro fratelli senza padre che vivono in una piccola città, ma fanno lavori diversi, uno è avvocato, uno ha impresa edile, uno lavora alla fattoria di famiglia e l'ultimo è lo sceriffo della città. Tra tutte le storie dei fratelli che si intrecciano abbiamo la ristrutturazione di una casa con fantasma, uno dei fratelli innamorato da sempre di una sua compagna delle superiori sposata e divorziata con uno che la picchia..per cui questo libro non mi ha dato nulla di nuovo. E' stato un grosso deja vu.
    Potete capire il mio stato d'animo. Ero deliziata e allo stesso arrabbiata.
    Deliziata perchè Back così tenero, così innamorato di lei e dei suoi figli (che sono uno spettacolo, li ho adorati!!!!) mi è molto piaciuto. Lei così forte per aver fatto sempre tutto da sola e poi innamorata perdutamente di lui. L'aria che si respira è fantastica. Gli amici, e i fratelli attorno a loro, la mamma..stupendo davvero. La tensione per Sem il pazzo che la perseguita...insomma gli ingredienti c'erano tuti. Ma perchè Nora hai fatto un libro quasi uguale all'altro??
    adesso ho paura a leggere gli altri sui due fratelli rimaneti, di cui sappiamo già le coppie che si formeranno..
    Spero non siano anche loro una copia degli altri.
    Incrocio le dita.
    Il perchè delle tre stelle lo potete immaginare. E sono stata generosa.

    ha scritto il 

  • 4

    Una lettura veloce e delicata

    Tre fratelli e un antico edificio che stanno ristrutturando perché diventi un albergo di lusso dove si aggira un misterioso fantasma. Essenzialmente la storia ha questo sfondo sebbene sia incentrato s ...continua

    Tre fratelli e un antico edificio che stanno ristrutturando perché diventi un albergo di lusso dove si aggira un misterioso fantasma. Essenzialmente la storia ha questo sfondo sebbene sia incentrato su uno dei fratelli Montgomery, Beckett e la giovane vedova Claire, nonché madre di tre figli.
    Una trilogia che parte in semplicità anche se credo di aver intuito dove andranno a parere i restanti due volumi. Le situazioni romantiche che si contrappongono alla difficile condizione di madre e vedova.
    La cosa che mi ha lasciata perplessa è che la figura maschile per quanto idealizza non rientra nel classico stereotipo del personaggio da sogno, ha i suoi difetti e non è un moderno Mr Darcy.
    Situazioni mature e quel pizzico di eccentricità con l’accenno alla presenza del fantasma che ancora non ha una chiara posizione nella storia anche se credo e spero sarà utilizzata largamente nel prossimi libri.
    In definitiva quattro stelle è stata una lettura veloce, delicata, i personaggi si lasciano amare e forse un po’ di normalità come nella piccola Boonsboro. Di certo è un romanzo che scalda e fa compagnia e se si cerca una bella storia romantica è il libro adatto senza che cada nel romanzetto rosa senza spessore.

    ha scritto il 

  • 3

    Zia Roberts... non sbaglia un colpo! Per amanti del genere!

    Eccomi a leggere la Roberts più romantica, quella che forse mi piace di meno. La preferisco più avventurosa, ma devo comunque dire che la signora non sbaglia mai un colpo, forse perché scrive assai be ...continua

    Eccomi a leggere la Roberts più romantica, quella che forse mi piace di meno. La preferisco più avventurosa, ma devo comunque dire che la signora non sbaglia mai un colpo, forse perché scrive assai bene, quindi tutto ciò che ci racconta, anche queste storie smielate, riusciamo comunque a farcele piacere. Questa è una lettura per appassionate del genere romance, è tutto occhi a cuoricini, ma tant’è che la signora un’avventura ce la fa vivere lo stesso. Ci piacciono gli uomini che lavorano con le mani, che costruiscono, un po’ come si costruisce una vita e qui ne abbiamo ben tre. La storia d’altronde si divide in tre volumi e stavolta i protagonisti sono uomini alla ricerca della felicità. Anche se il vero protagonista, in un certo senso, è un albergo in costruzione, il Boonsboro Hotel, con tanto di fantasma incorporato. Come dicevo i protagonisti sono tre, i fratelli Montgomery: Ryder, Beckett e Owen, rigorosamente in ordine di età. Costruttore, Architetto e Capomastro della Montgomery Constructor. Questo romanzo, in particolare, è concentrato sulla figura di Beckett, un uomo pratico, gentile, sempre disponibile ad aiutare gli altri ed ad esaudire i desideri dei propri amici e familiari. Lui è l’architetto dell'azienda, che grazie alla sua fantasia e attenzione riesce a ricreare ambienti da sogno accostando vari oggetti nel giusto design. La storia inizia con i tre fratelli che stanno riportando alla luce un vecchio edificio di Boonsboro trasformandolo da catapecchia pericolante in un Hotel di lusso. Ogni stanza dell'albergo creata sarà chiamata come una particolare coppia protagonista dei romanzi d’amore più famosi; non poteva quindi mancare una "Elizabeth & Darcy", una "Titania & Oberon" e guardate un po' c'è anche una "Eve & Roarke" (protagonisti della serie In Death, scritta dalla stessa Roberts con lo pseudonimo di J. D. Robb). Vicino all’edificio in ristrutturazione c’è la libreria di Clare, una donna rimasta vedova molto giovane, con tre figli piccoli, che ha deciso di ritornare a casa e far avverare il suo sogno, aprire una libreria, la Gira la Pagina. Lei stessa la gestisce, ed è sempre rifornita di ogni genere di letture per grandi e piccini, ed anche di piccoli oggetti con cui si possono fare splendidi regali. E’ una donna intraprendente, con la testa sulle spalle e un amore infinito per i propri figli, Harry, Liam e Murphy, a cui deve fare da madre e padre. Clare era la vecchia fiamma del liceo di Beckett, senza averlo mai saputo. Effettivamente lui, non ha mai smesso di ammirarla, ma siccome era molto amico del fidanzato di Clare aveva pensato bene di mettersi da parte. Ma ora? Lei è tornata ed è sempre bellissima, e gli provoca sempre quel senso di stralunamento quando la vede. E’ sempre confuso e impacciato. L’intesa tra i due è molto forte da subito, nonostante gli imbarazzi e le insicurezze, l’attrazione c’è ed è molto forte. Almeno all’inizio da parte di Beckett. La storia è scorrevole, fluida tra emozioni intense, graffiante ironia, vecchi ricordi e allettanti nuovi inizi. I personaggi che dovrebbero essere secondari, sono co-protagonisti amalgamati benissimo nella narrazione e riescono a far risaltare i protagonisti principali, senza però rubargli la scena. Quello che mi ha sorpresa di più è stato il tocco di suspense inaspettato, che dà alla storia anche una punta di thrilling. Quello che mi colpisce di questa autrice, con ogni suo libro è l’eleganza frugale del suo stile narrativo, e il modo delizioso con cui riesce a farti entrare in empatia con i protagonisti della storia. Non c’è dubbio, la regina del romance è lei, e colpisce sempre nel segno, con la sua abilità costruisce sempre delle storie coinvolgenti, con protagonisti mai ripetitivi, e ti lascia con la curiosità di scoprire come le cose si evolveranno nel proseguo della storia. Voto: 6,5

    ha scritto il 

  • 3

    Ristrutturazione

    Primo libro che leggo di quest'autrice, forse mi aspettavo di più. Non è una brutta storia, ma neanche degna di nota, l'ho trovata un po' poco sentita, come se scivolasse addosso. Lo stile è abbastanz ...continua

    Primo libro che leggo di quest'autrice, forse mi aspettavo di più. Non è una brutta storia, ma neanche degna di nota, l'ho trovata un po' poco sentita, come se scivolasse addosso. Lo stile è abbastanza scorrevole, ma le descrizioni della ristrutturazione dell'albergo sono troppe e troppo dettagliate, mi hanno annoiata e hanno reso la storia meno scorrevole. E' il primo di una serie, quindi prepara il lettore all'ambientazione, e questo mi è piaciuto, mentre i protagonisti di questo non mi hanno entusiasmata, erano esagerati. Secondo me è troppo, vedova con tre figli, incontri un uomo perfetto e stupendo che ti adora da quando eravate piccoli e tutti sono felici, figli e genitori compresi, ecco è esagerato. Però credo che darò un'altra possibilità alla serie, l'ambientazione e il fantasma mi hanno incuriosita

    ha scritto il 

  • 2

    Credo di non aver mai...

    ...letto niente di più inutile. Di più brutto, effettivamente, sì, ma di più puramente inutile, no. Questo libro si scorda subito, i personaggi sono insignificanti e la trama anche. Lo stile di scritt ...continua

    ...letto niente di più inutile. Di più brutto, effettivamente, sì, ma di più puramente inutile, no. Questo libro si scorda subito, i personaggi sono insignificanti e la trama anche. Lo stile di scrittura è buono, abbastanza scorrevole, ma questo non aggiunge molti pregi al libro. Nora Roberts ha creato qualcosa che non dà niente o che almeno non lo trasmette. Ha messo da parte nel modo più assoluto lo stalker Sam e il fantasma Lizzie, come se non fossero niente. Se parli di Stalker e fantasmi, non puoi dedicar loro otto pagine, devi dargli uno spazio più ampio e caratterizzarli meglio.
    Sconsigliato.

    ha scritto il 

  • 3

    Dopo aver letto la saga "Il quartetto della sposa" ero piena di aspettative verso questo primo capitolo della trilogia del "Boonsboro Hotel", invece l'ho trovato molto sottotono rispetto i precedenti ...continua

    Dopo aver letto la saga "Il quartetto della sposa" ero piena di aspettative verso questo primo capitolo della trilogia del "Boonsboro Hotel", invece l'ho trovato molto sottotono rispetto i precedenti romanzi della scrittrice.
    Come sempre mi piacciono molto le storie d'amore create dalla Roberts però in questo romanzo è messa in secondo piano dalla ristrutturazione dell'albergo, tantissime descrizioni che rallentano le vicende e rendono noiosa la lettura. I dialoghi sono un po' poveri e il fantasma non mi ha convinto molto, non amo molto i romanzi rosa con dei momenti fantasy.
    Speriamo che il secondo capitolo sia migliore.

    ha scritto il 

  • 3

    Questa volta Nora mi ha un po' deluso: la storia è piuttosto banale, le descrizioni dei lavori di ristrutturazione sono troppo presenti e dettagliati(non siamo mica in un manuale di architettura! che ...continua

    Questa volta Nora mi ha un po' deluso: la storia è piuttosto banale, le descrizioni dei lavori di ristrutturazione sono troppo presenti e dettagliati(non siamo mica in un manuale di architettura! che diamine), la storia d'amore è piatta, tiepida e sbrigativa, diversamente dagli standard nei precedenti romanzi. Speriamo che vada meglio nei prossimi due libri.

    ha scritto il