Il giardino dei segreti

Di

Editore: Sperling & Kupfer (Pandora)

4.2
(2143)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 591 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Francese , Chi tradizionale , Portoghese , Spagnolo , Catalano , Polacco , Olandese , Svedese

Isbn-10: 8820050382 | Isbn-13: 9788820050382 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Il giardino dei segreti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
È il 1913 e sulla costa dell'Inghilterra una nave è pronta a salpare per l'Australia: a bordo, tra i passeggeri in cerca di fortuna e i rudi marinai intenti alle manovre, una bambina di quattro anni, Neil, stringe il prezioso libro di favole che le ha regalato la misteriosa Autrice, Eliza Makepeace. Che dovrebbe prendersi cura di lei, ma l'abbandona sul ponte. Distratta dalle attenzioni di un bimbo più grande che la invita a giocare, Neil non si accorge che il rombo dei motori si fa più incalzante, e la nave lascia il molo diretta verso il mare aperto. Dopo una traversata che sembra infinita, quando il transatlantico arriva a destinazione, la piccola si ritrova sperduta nel porto di Maryborough: è smarrita, non ricorda il suo nome e tutto ciò che le è rimasto è una valigina bianca che contiene qualche vestito e quel bellissimo libro di fiabe. Per Hugh, il capitano del porto, quella delicata creatura pare piovuta dal cielo, a consolare lui e la moglie della loro sterilità. Da quel momento sarà sua figlia. Solo la sera del suo ventunesimo compleanno Neil apprende dal padre il segreto delle sue origini e la sua vita cambia per sempre.
Ordina per
  • 4

    Coinvolgente! :)
    Devo dire che non ci avrei scommesso più di tanto, visto che il primo libro che lessi della Morton mi aveva lasciata tiepida, ma stavolta mi sono ricreduta :)
    Appartiene al filone dei ...continua

    Coinvolgente! :)
    Devo dire che non ci avrei scommesso più di tanto, visto che il primo libro che lessi della Morton mi aveva lasciata tiepida, ma stavolta mi sono ricreduta :)
    Appartiene al filone dei romanzi con storie che attraversano più generazioni e più epoche temporali diverse. Mi è sembrato scritto bene, con uno stile scorrevole e fluente, ho impiegato davvero poco a leggerlo nonostante la lunghezza...e questo credo sia un grande merito, sia per la storia che ha saputo catturarmi e incuriosirmi, sia evidentemente per lo stile dell'autrice, mai noioso (cosa non così scontata). Mi sono piaciute molto le parti narrate nei primi del '900, così come il personaggio di Eliza, che reputo il migliore. I colpi di scena sono ben dosati, niente di troppo eclatante né di banale, la Morton ti conduce pian piano, con dolcezza, alle rivelazioni finali...

    ha scritto il 

  • 0

    'Il giardino dei segreti' parte dalla storia di Nell, una bambina che viene trovata tutta sola su una banchina al porto, da lì un uomo che ci lavora la porta a casa propria e la accoglie come una figl ...continua

    'Il giardino dei segreti' parte dalla storia di Nell, una bambina che viene trovata tutta sola su una banchina al porto, da lì un uomo che ci lavora la porta a casa propria e la accoglie come una figlia. Quest'uomo si chiama Hugh e con la moglie Lil decidono di tenere la bambina e crescerla come loro figlia. Mantengono il loro segreto fino a quando Nell diventa maggiorenne, e proprio il giorno del suo compleanno riceverà questa terribile notizia che le stravolgerà la vita. Si trova quindi a dover riconsiderare la propria persona, chi è, chi sono i suoi veri genitori, perché l'hanno abbandonata su quel molo quando era ancora una bambina? Da questo suo desiderio di scoperta si articola tutto il libro, alternando tre diversi tempi di narrazione. Non avevo mai letto nulla di questa autrice, ma dopo questo libro credo proprio di leggere qualche altra sua opera. Mi ha molto affascinato, in particolare, l'alternanza dei diversi periodi, poi la suspance che si crea nel lettore che arriva a condividere tutti i segreti che vengono scoperti. Inoltre non è risultato mai banale, perché nel momento in cui credevo di aver capito una cosa questa si capovolgeva.

    ha scritto il 

  • 5

    Lettura impegnativa, sia per la lunghezza che per i continui salti temporali, ma anche terribilmente affascinante. La storia di questo segreto, che cavalca i decenni e che ossessiona, in modi diversi, ...continua

    Lettura impegnativa, sia per la lunghezza che per i continui salti temporali, ma anche terribilmente affascinante. La storia di questo segreto, che cavalca i decenni e che ossessiona, in modi diversi, tre donne, è intrigante e profondamente triste allo stesso tempo; l'autrice è molto brava nello svelare il mistero piano piano, attraverso le pagine, e alla fine ti ritrovi con la sensazione che avevi tutto davanti agli occhi fin dall'inizio, senza accorgertene.

    ha scritto il 

  • 2

    A mio avviso è un romanzo troppo sopravalutato, lento, noioso e estremamente prolisso in alcuni punti. Mi spiace che il mio parere si allontani così tanto da quello della grande maggioranza che ha let ...continua

    A mio avviso è un romanzo troppo sopravalutato, lento, noioso e estremamente prolisso in alcuni punti. Mi spiace che il mio parere si allontani così tanto da quello della grande maggioranza che ha letto questo libro, ma non posso che parlarne male. Tra l'altro ho trovato, in alcune parti, fin troppe somiglianze con "Il giardino segreto", soprattutto quando si parla del rapporto fra le due cugine. Inoltre è scontato, scontatissimi il finale e la trama in se, già si capisce dai primi capitoli come va a finire e come se non bastasse vengono lasciati in sospeso tanti piccoli dettagli che poi non vengono spiegati alla fine. Non lo consiglio.

    ha scritto il 

  • 4

    Avevo questo libro da tempo e mi sono decisa a leggerlo solo dopo che mio marito lo ha fatto, dichiarandosene soddisfatto. Una bella storia, molto complicata, ma retta con mano decisa e dipanata con o ...continua

    Avevo questo libro da tempo e mi sono decisa a leggerlo solo dopo che mio marito lo ha fatto, dichiarandosene soddisfatto. Una bella storia, molto complicata, ma retta con mano decisa e dipanata con occhio acuto. All'inizio ho trovato spiazzanti i continui salti temporali, ma una volta assimilate le relazioni di parentela tra i personaggi è stato tutto più facile. Avvincente.

    ha scritto il 

  • 2

    Quali segreti?

    Mi sono lasciata convincere dalla quarta di copertina, sono sincera!
    Eppure avrei dovuto diffidare da questo libro per la sua fin troppo palese "popolarità"...non mi fido tanto delle storie che tutti ...continua

    Mi sono lasciata convincere dalla quarta di copertina, sono sincera!
    Eppure avrei dovuto diffidare da questo libro per la sua fin troppo palese "popolarità"...non mi fido tanto delle storie che tutti definiscono "bellissime": non per spocchia ( sia chiaro) è che il gusto di "tanti", fin troppo spesso, non coincide con il mio.
    Così è stato anche per questo "giardino dei segreti" di Kate Morton, autrice della quale non credo leggerò altro dopo questa """"entusiasmante"""" esperienza.
    Questo libro in due parole? Lento&noioso.
    L'idea alla base della trama mi era sembrata carina ( seppur non originalissima) ma, post lettura, devo dire che è stata sviluppata veramente male ed i segreti, di cui tanto si parla, sono fin troppo prevedibili ( se non ovvi).
    Nn lo dico per il puro gusto di demolire un libro che non ha incontrato il mio gusto ma ammetto di aver capito tutto già dopo pochi capitoli. In un libro del genere in cui dovrebbe sgorgare, con prepotenza, un flusso di trame e sottotrame così intricate da tenerti avvinto al romanzo, questa non è per niente una cosa positiva... e non c'è bisogno che lo dica io.
    Oltre a tutto ciò, lo stile è inesistente! Non sto scherzando. Il piattume regna sovrano in questo romanzo e fa suoi anche i personaggi con cui non sono riuscita ad entrare in sintonia.
    Non ho voluto fare spoiler e mettermi a sindacare ogni singolo snodo ( più o meno) narrativo perchè sarebbe come sparare sulla croce rossa.
    Ultima cosa: odioso il patchwork che la Morton cerca di attuare prendendo pezzi di storie e romanzi ben più validi. Io ci ho trovato un po' di Dickens qui, tanta Burnett lì e chi più ne ha più ne metta.
    Purtroppo se nella scrittura non si mette personalità e anima, collezionare pezzi altrui non serve poi a molto :/
    Ps. Adoro le fiabe ma, in questo romanzo, non ho trovato memorabili nemmeno quelle. Sembravano, più che altro, l'autocompiaciuta celebrazione di Eliza ( personaggio che non mi è stato affatto simpatico).

    ha scritto il 

  • 5

    Finalmente, dopo mesi, mi sono imbattutta in una lettura appassionante e ricca di suspance
    Il romanzo si articola in tre epoche diverse e narra la storia di tre donne legate tra loro da un unico filo ...continua

    Finalmente, dopo mesi, mi sono imbattutta in una lettura appassionante e ricca di suspance
    Il romanzo si articola in tre epoche diverse e narra la storia di tre donne legate tra loro da un unico filo conduttore: scoprire la verità sul loro passato.
    Mi sono piaciuti molto le descrizioni dei luoghi e dei personaggi e lo stile narrativo della Morton.
    Bellissima la figura di Eliza Makepeace, una donna che, nonostante l' epoca in cui è vissuta ( inizi del 1900 ), è sempre stata forte e indipendente anche se, verso la fine della storia, non ho condiviso una sua scelta

    ha scritto il 

  • 4

    Non dico che il colpo di scena finale non fosse prevedibile, ma nonostante questo si tratta di un romanzo che è riuscito a ipnotizzarmi e a trasportarmi avanti e indietro nel tempo su tre livelli dive ...continua

    Non dico che il colpo di scena finale non fosse prevedibile, ma nonostante questo si tratta di un romanzo che è riuscito a ipnotizzarmi e a trasportarmi avanti e indietro nel tempo su tre livelli diversi accomunati da un'atmosfera intrisa di mistero e magia in una Cornovaglia indimenticabile che mi ha ricordato i romanzi della Du Maurier. La scrittura è precisa e impeccabile e la fine, come in un cerchio perfetto, ritorna all'inizio tanto che viene voglia di rileggere il libro da capo.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    6 stelline!!!

    Questo libro mi è piaciuto moltissimo. Lo ricorderò sempre come il libro che mi ha guarita dal blocco del lettore: malgrado le 612 pagine non riuscivo a smettere di leggere!!! La protagonista delle 3 ...continua

    Questo libro mi è piaciuto moltissimo. Lo ricorderò sempre come il libro che mi ha guarita dal blocco del lettore: malgrado le 612 pagine non riuscivo a smettere di leggere!!! La protagonista delle 3 che mi ha più coinvolta è stata sicuramente Eliza, una ragazza curiosa, piena di vitalità e sicuramente molto indipendente per l epoca in cui è ambientato il romanzo. Pensando a lei e alla sua storia però non posso che provare un po di tristezza... La sua vita è segnata da eventi tragici fin dall infanzia: prima la madre che muore di malattia lasciando lei e il fratellino a cavarsela da soli nei sobborghi di una pericolosa londra del 900, poi anche il fratellino è vittima di un incidente lasciandola sola al mondo. Anche la cugina Rose, all inizio sua migliore amica, finirà per allontanarsi da lei in seguito al terribile accordo che hanno preso e che ha costretto Eliza a privarsi del suo bene più prezioso. Alla fine del romanzo avrei voluto aver incontrato Eliza e averla abbracciata forte per non farle più sentire la solitudine in cui era sprofondata, sola, nel suo cottage ( e magari avvertirla di non mettere più piede a casa degli Swindell!!!) ...I miei complimenti alla Morton , non vedo l ora di leggere gli altri suoi libri!!!

    ha scritto il 

  • 3

    Ho comprato questo libro dopo aver letto "Una lontana follia", che mi era piaciuto molto.
    Questo romanzo non mi ha invece per nulla conquistata. L'ho trovato troppo lungo, poco coinvolgente, senza gro ...continua

    Ho comprato questo libro dopo aver letto "Una lontana follia", che mi era piaciuto molto.
    Questo romanzo non mi ha invece per nulla conquistata. L'ho trovato troppo lungo, poco coinvolgente, senza grossi colpi di scena.
    Non lo consiglierei, nonostante sia a tratti una lettura piacevole.

    ha scritto il 

Ordina per