Il giardino delle favorite

Voto medio di 525
| 123 contributi totali di cui 121 recensioni , 2 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Oxford, Biblioteca di Bodlean, 2007. Elizabeth Staveley non crede ai suoi occhi quando, tra le pagine di un antico libro di astronomia, scopre il frammento di una pergamena vecchia di quattrocento anni. Ha il colore dell'ambra ed è fragile come una ...Continua
Ha scritto il 13/07/15
E' la prima volta (credo) che mi capita di dare solo due stelline ad un libro. Questo libro ha una trama interessante, ma l'autrice si perde in descrizioni troppo dettagliate che rallentano la lettura e risultano spesso noiose.
Ha scritto il 04/09/14
Andare in dietro nel tempo di 400 anni
Mi è piaciuto molto il modo della Hickman di passare da passato al presente senza annoiare o infastidire. Una storia ricca di suspanse
Ha scritto il 29/08/14
Le stelline sarebbero due e mezzo, in veritá...La parte che si svolge ai giorni nostri é banalissima- lei innamorata di un bastardo che la prende e la lascia, si riprende dopo aver conosciuto un affascinante straniero che la tratta come una ...Continua
Ha scritto il 20/11/13
Un intreccio di storie presenti e passate davvero ben gestito, mai melenso. Non sono una persona da libri romantici zuccherosi, quando ho iniziato a capire che questo libro era proprio basato su una storia d'amore sono stata tentata ...Continua
Ha scritto il 31/12/12
Ubi iacet dimidium, iacet pectus meum.
Dove giace la mia metà, là giace il mio cuore.Terza lettura di questo stupendo romanzo e per la prima volta posso dargli 5 stelle, lo adoro! Qui vi posto la poesia di Celia che mi piace tantissimo:"Al mio amore, addio... Diletto, come ti vidi a ...Continua
  • 1 mi piace

Ha scritto il Sep 28, 2011, 22:57
Passi echeggiano nella memoria lungo il corridoio che non prendemmo verso la porta che non aprimmo mai sul giardino delle rose. Le mie parole echeggiano così nella vostra mente.
Pag. 9
  • 1 commento
Ha scritto il Sep 28, 2011, 22:55
Al mio amore, addio...Diletto, come ti vidi a quella portascissa da te, schiava, come mortae seppi dolente in quel frangente tristo che mai più, giammai, ti avrei rivisto,colà spezzossi il mio picciol coree presero a scorrer lacrime d'amore!E or ...Continua
Pag. 396

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi