Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il giardino segreto

By Frances Hodgson Burnett

(41)

| Others | 9788842535454

Like Il giardino segreto ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

455 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    "Uno degli aspetti più strani della vita è che solo di tanto in tanto siamo sicuri di vivere a lungo, molto a lungo, forse anche per sempre. Qualche volta lo pensiamo quando ci svegliamo all'alba e usciamo da soli, alziamo lo sguardo al cielo pallido ...(continue)

    "Uno degli aspetti più strani della vita è che solo di tanto in tanto siamo sicuri di vivere a lungo, molto a lungo, forse anche per sempre. Qualche volta lo pensiamo quando ci svegliamo all'alba e usciamo da soli, alziamo lo sguardo al cielo pallido che lentamente si colora di rosa, finché ciò che scorgiamo a oriente quasi ci fa gridare e il cuore quasi si ferma dinanzi alla strana e immutabile maestà del sole che sorge; qualcosa che accade da migliaia, migliaia e migliaia d'anni, ogni mattina."

    Is this helpful?

    Allegra said on Aug 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ho ordinato un calzone e la donna dietro il bancone mi ha guardato con sospetto, forse ho detto una password segreta, ho pensato, forse ora mi accompagnerà sul retro e dietro una porta in penombra ci sarà un harem di cui non vedo la fine e ho immagin ...(continue)

    Ho ordinato un calzone e la donna dietro il bancone mi ha guardato con sospetto, forse ho detto una password segreta, ho pensato, forse ora mi accompagnerà sul retro e dietro una porta in penombra ci sarà un harem di cui non vedo la fine e ho immaginato la mia faccia mentre entro saltellando in un harem di cui non vedo la fine, una faccia da cazzo sicuro, ho solo due facce, e da cazzo entrambe, Elvira su questo è stata molto chiara, non ne ho più di due, una faccia da cazzo è quella che sorride ma non sorride veramente si storpia solo all’insù, gli occhi si assottigliano leggermente, il naso vibra, le labbra si muovono verso gli zigomi, che però rimangono fermi proprio come nell’altra faccia da cazzo, quella seria o malinconica o da duro o da pazzo o da disgustato o da terrorizzato o minacciosa o sgomenta o sexy, emergono casualmente, non ne ho il controllo, una faccia da cazzo[x] e forse per questo è quella che mi crea più problemi, a un colloquio a cui sono andato, per esempio, ho parlato per una ventina di minuti con un manager giovane, alto, con la pancia da birra e una scintillante pelata, sarò anch’io scintillante?, ho pensato appena l’ho visto, e allora è emersa la mia faccia da cazzo che sorride, e credo che questo sia stato positivo, perché anche lo scintillante ha sorriso e il colloquio è partito bene, mi ha chiesto domande di cui non ho capito l’importanza ma molto amichevoli, questo certo, e io ero rilassato e sorridente, poi però mi ha chiesto che birra preferivo e allora ho immaginato che stessimo avendo una conversazione da maschi e che ci volesse la faccia da cazzo[cool], ma lui questa virata deve averla equivocata perché non mi ha fatto neanche aprire bocca e ha voluto sapere cosa c’era che non andava, niente, ho detto io, ma questo non deve averlo convinto perché lui si è alzato e mi ha teso la mano, e mentre mi alzavo e gliela stringevo ho visto passare una segretaria, bellissima, coi capelli afro e gli occhi verdi, e mentre la vedevo sfilare via la immaginavo camminare anche lei nell’harem, nel retro della pizzeria, mentre aspetto il mio calzone, mi spiace, mi dice, per cosa?, le chiedo io mentre lei si allontana e rimane solo la voce, mi spiace, ripete la voce, ma qui non vendiamo calzoni, cosa?, dico io, questa è una banca, non una pizzeria, mi dice la voce, e dopo un attimo di immobilità è emersa una faccia da cazzo[x] e non deve essere emersa quella opportuna perché la donna dietro il bancone ha chiamato la sicurezza.

    Is this helpful?

    (skate) said on Aug 11, 2014 | 3 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Letto nell'età giusta

    L'ho trovato un capolavoro all'epoca, e lo trovo splendido ancora oggi. L'epoca del colonialismo inglese si esprime benissimo nella prima parte del romanzo e Mary da antipatica che è si fa adorare. Un libro per crescere.

    Is this helpful?

    Miriamglserrano said on Aug 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bello!

    Uno dei pochi libri che ho dovuto leggere per la scuola e che mi è piaciuto!Davvero consigliatissimo per i giovani lettori :)

    Is this helpful?

    Asia :) said on Aug 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mah, non so...forse se lo avessi letto da giovane (e non a quarant'anni suonati) mi avrebbe fatto un effetto diverso... L'inizio è intrigante e appassionante, ma poi, secondo me, si perde nella ripetizione stucchevole dello stesso concetto (la salvez ...(continue)

    Mah, non so...forse se lo avessi letto da giovane (e non a quarant'anni suonati) mi avrebbe fatto un effetto diverso... L'inizio è intrigante e appassionante, ma poi, secondo me, si perde nella ripetizione stucchevole dello stesso concetto (la salvezza attraverso il contatto con la natura e il non abbandonarsi ai "brutti pensieri"). Il fine del libro è sicuramente lodevole, ma sicuramente riperterlo più e più volte nelle 250 pagine è troppo. Inoltre trovo che, al contrario di altri grandi capolavori per i ragazzi (Peter Pan in testa), la trama sia veramente troppo piatta e poco sfaccettata....

    Is this helpful?

    Narutaru said on Jul 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mi sono dimenticata esattamente da quanto tempo non leggevo un libro per ragazzi. A parte Harry Potter, ma quello non l'ho mai considerato come appartenente a questa categoria. E così, un giorno, mi ritrovai alla cassa di una libreria con questo libr ...(continue)

    Mi sono dimenticata esattamente da quanto tempo non leggevo un libro per ragazzi. A parte Harry Potter, ma quello non l'ho mai considerato come appartenente a questa categoria. E così, un giorno, mi ritrovai alla cassa di una libreria con questo libro in mano. Conosco bene l'altro romanzo della stessa scrittrice, Il piccolo Lord, ma questo invece mi era sconosciuto.
    Narra la storia di Mary, ragazzina viziata e antipatica che si trasferisce in Inghilterra dall'India a causa della morte dei genitori per un'epidemia di colera. La casa dello zio é enorme e piena di misteri, ma quello che maggiormente la attrae é la presenza di un giardino secreto dove nessuno può entrare e la cui chiave é stata gettata via. Piano piano Mary diventa più autonoma, si fa degli amici, diventa più gentile e sorridente. E il benefico effetto aiuterà anche Colin, il cugino malato, che grazie a lei e al fiabesco Dickon, ritroverà la salute e l'amore di suo padre.
    Il libro é assolutamente adorabile. Essendo una storia per ragazzi, ovviamente sono particolarmente accentuati gli insegnamenti, la descrizione dei progressi dei ragazzi. Il personaggio di Dickon é poi esageratamente idealizzato, quasi un novello San Francesco che parla con gli animali. Ma il messaggio ottimista é semplice e profondo allo stesso tempo.
    Molto carino, mi ha fatto venire voglia di trasferirmi nello Yorkshire!

    Is this helpful?

    Hella said on Jun 17, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book