Il giocatore

I grandi romanzi, 25

Voto medio di 6.010
| 460 contributi totali di cui 437 recensioni , 23 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ha scritto il 02/07/17
Anche questo letto in ospedale, il mio primo Dostoevskij, è in corso la lettura di altri spero di avere tempo... potrei tornare anche a rileggerlo. Straordinaria la capacità dell'autore di immergere il lettore nelle realtà narrate per vie della ..." Continua...
  • 2 mi piace
Ha scritto il 20/06/17
Credo che "Il giocatore" sia un romanzo a tutt'oggi inarrivabile nel descrivere il mondo connesso al gioco d'azzardo, al matematico calcolo delle probabilità ed i casinò con i loro variopinti frequentatori. Ma, a parer mio, questo è soprattutto ..." Continua...
  • 2 mi piace
Ha scritto il 17/05/17
SPOILER ALERT
Le jeu est fait
Dostoevskij fece davvero il giro delle sale da gioco in Europa, sapeva di cosa parlava quando scrisse, pressato da tempi strettissimi, Il giocatore. Caduto, perduto nel vizio del gioco d’azzardo, sperando sempre di risorgere e di uscirne: ..." Continua...
  • 3 mi piace
Ha scritto il 17/11/16
Incredibile la capacità di Dostoevskij di descrivere così dettagliatemente ed efficacemente il carattere dei personaggi. Egli scrive di arrampicatrici sociali, persone in cerca di un buon matrimonio, finti ricchi, giocatori senza scrupoli, etc. ..." Continua...
  • 2 mi piace
Ha scritto il 16/11/16
Riletto a distanza di anni, e apprezzato più profondamente. Concordo con chi ha detto non poter esservi grande letteratura senza questo narratore.

Ha scritto il Oct 30, 2015, 19:47
"Lo sapete che prima o poi vi ucciderò? Non ucciderò perché non sarò più innamorato o per gelosia ma, semplicemente, ucciderò perché a volte mi viene voglia di mangiarvi."
Pag. 62
Ha scritto il Sep 29, 2015, 10:04
"Siete diventato di legno - notò lui - non solo vi siete distaccato dalla vita, dagli interessi vostri personali e da quelli della società, dai vostri doveri di uomo e di cittadino, dai vostri amici (e ne avevate degli amici!), non soltanto avete ... Continua...
Ha scritto il Apr 03, 2014, 17:51
A che mi serve il denaro, domandate? Come, a che mi serve? Il denaro è tutto!
-Capisco, ma non c'è bisogno di diventare tanto pazzo nel desiderarlo! Perché anche voi giungete all'esaltazione, al fatalismo.
Pag. 52
Ha scritto il Apr 03, 2014, 17:49
-Oppure perché avevate una gran necessità di vincere. Proprio come chi annega, che si afferra a una pagliuzza. Lo riconoscerete anche voi che, se non stesse per annegare, non scambierebbe una pagliuzza per un ramo d'albero.
Pag. 50
Ha scritto il Apr 03, 2014, 17:45
È interessante e buffo pensare quanto possa essere espressivo talvolta lo sguardo di un uomo timido e morbosamente pudico, che sia toccato dall'amore, e proprio quando l'uomo preferirebbe sprofondare sotto terra piuttosto che dire o esprimere ... Continua...
Pag. 41

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
  • 1582
  • 3030
  • 1218
  • 163
  • 17
Aggiungi