Il gioco del panino

Di

Editore: Adelphi

3.4
(11)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 131 | Formato: eBook

Isbn-10: 8845976920 | Isbn-13: 9788845976926 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Gini

Ti piace Il gioco del panino?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
"È l'unica parte della mia vita che mi sembra giusta... ed è quella sbagliata". Nel tentativo di evitare gli spoiler, non diremo a cosa si riferisce l'addetto alle pulizie che è il protagonista del Gioco. Ma la sua situazione è simile a quella in cui si trovano, negli altri monologhi di questa raccolta, la commessa di un grande magazzino, l'impeccabile casalinga probabilmente all'oscuro dei molti e sanguinosi misfatti del marito, l'antiquaria che si lascia sfuggire, per avidità, il colpaccio della vita, e altri ancora: un punto di svolta, dove esistenze fino a quel momento anonime si squarciano, facendo affiorare una realtà ingovernabile, sordida, agghiacciante. È quanto succede abitualmente ai personaggi dell'autore più amato d'Inghilterra, certo. Ma è anche quanto succede, o rischia di succedere, a ciascuno di noi. Il che spiega piuttosto bene quello che si potrebbe chiamare, d'ora in avanti, il paradosso Bennett: ridere - da morire - leggendo qualcosa che, a pensarci meglio, così ridere non fa.
Ordina per
  • 3

    Andante allegro

    I monologhi che compongono questa raccolta, ad uso e consumo di una rappresentazione teatrale, sono leggeri, ma mai banali; a tratti surreali, ma per lo più realistici; graffianti o ironici, permeati ...continua

    I monologhi che compongono questa raccolta, ad uso e consumo di una rappresentazione teatrale, sono leggeri, ma mai banali; a tratti surreali, ma per lo più realistici; graffianti o ironici, permeati di quel sottile humor tipicamente inglese; teneri e spietati, rappresentano un'umanitá dolente, ma col sorriso sulle labbra nonostante tutto.
    Mi piacerebbe assistere alla rappresentazione teatrale di queste scenette, sarebbe divertente. Per me il più riuscito l'ultimo: fa proprio ridere a tratti, ma è anche carico di nostalgia e tenerezza.

    ha scritto il