Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il gioco del trono

Urania Le Grandi Saghe Fantasy 3

Di

Editore: Mondadori (Urania Le Grandi Saghe)

4.4
(317)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 858 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000017897 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il gioco del trono?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un mondo dove inverni ed estati sembrano non avere né inizio né fine. Un dominio in cui i regni sfidano i millenni e gli uomini conservano la memoria dei draghi. Un continente in cui troppi reami rimangono sui filo della lama di una guerra insanabile. Una immane muraglia di ghiaccio costruita eoni nel passato per sbarrare la strada a una minaccia tanto ancestrale quanto terribile. In questo scenario di splendore e orrore, complotto e conflitto, sortilegio e dannazione, due possenti, nobili casate - gli Stark e i Lannister - sono trascinate inesorabilmente verso uno scontro destinato ad annientare confini ritenuti inviolabili, a schiacciare poteri concepiti per durare in eterno, spianando la strada a nuove, inquietanti forze. Mentre tenebre letali si addensano nei Nord del regno e una regina dimenticata è decisa a riconquistare l'antica egemonia, pochi giusti cercano di evitare una nuova, catastrofica guerra che potrebbe cancellare ogni cosa. E ogni uomo.
Ordina per
  • 3

    Le tre stelle non sono una bocciatura, rappresentano la mia delusione di aspettativa nei confronti di qualcosa di diverso; mi aspettavo più magia, più oscurità e mi son imbattuta in infinite pagine di ...continua

    Le tre stelle non sono una bocciatura, rappresentano la mia delusione di aspettativa nei confronti di qualcosa di diverso; mi aspettavo più magia, più oscurità e mi son imbattuta in infinite pagine di cavalieri e dame, intrighi di corte, tradimenti, alleanze, cugini, bastardi, fratelli, mammolette. Continuerò la lettura degli altri capitoli perché son curiosa e spero che le promesse e premesse dell'ultimo capitolo di Jon prendano corpo in un vero fanatsy e che le spade le armi, gli attacchi rivestano un ruolo più marginale

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Ho iniziato a leggere il libro senza aver guardato la serie televisiva. Mi piace iniziare a leggere i libri senza saper di cosa parleranno perché preferisco non conoscere gli eventuali colpi di scena. ...continua

    Ho iniziato a leggere il libro senza aver guardato la serie televisiva. Mi piace iniziare a leggere i libri senza saper di cosa parleranno perché preferisco non conoscere gli eventuali colpi di scena.
    Di questa saga conoscevo solo il genere. Stop.
    Mi dicevano che mi sarebbe piaciuto. E lo pensavo anche io. Ma non potevo mai immaginare che mi avrebbe appassionato così tanto.
    Ho trovato la storia avvincente, entusiasmante, intrigante.
    Ho sempre avuto una predilezione per quelli che io definisco "casi persi", che non sarebbero nient'altro che i deboli o gli incompresi. Anche in questo caso è stato così e le mie simpatie più spiccate le ho rivolte a Jon Snow e Arya Stark. Simpatizzavo anche per Ned e ho quasi pianto alla sua morte.
    Spero solo che i successivi capitoli siano degni di quest'inizio.

    ha scritto il 

  • 5

    Finalmente ho finito questo stupendo libro. L'aver visto prima la serie mi ha rallentato ma DOVEVO leggerlo. Martin è uno scrittore grandioso e leggerlo dopo aver visto la serie ha approfondito molte ...continua

    Finalmente ho finito questo stupendo libro. L'aver visto prima la serie mi ha rallentato ma DOVEVO leggerlo. Martin è uno scrittore grandioso e leggerlo dopo aver visto la serie ha approfondito molte cose che invece la serie ha omesso. Un capolavoro!

    ha scritto il 

  • 4

    L'ho incominciato con scetticismo (è colpa del mio snobismo, sì, lo so, lo so, non dite nulla), continuato con occhio critico, ghignato alle palesi scene e invenzioni fantasy (questa cosa a metà mi la ...continua

    L'ho incominciato con scetticismo (è colpa del mio snobismo, sì, lo so, lo so, non dite nulla), continuato con occhio critico, ghignato alle palesi scene e invenzioni fantasy (questa cosa a metà mi lascia insoddisfatta, o fai un romanzo storico, o fai un romanzo di fantascienza), sbuffato ad ogni morte di personaggio (ma avevo uno spoiler precedente e conoscevo la fama dell'autore, quindi ad ogni scena pensavo: "Adesso lo uccide". Sì, sì, lo so, lo so. Sssshhhh.) Però c'è un però. A discapito di queste mie premesse, la storia è bella e avvincente e ci sono personaggi che ho imparato ad apprezzare (ma che tanto moriranno! Moriranno tutti!!), attendendo gli sviluppi delle loro storie parallele. Insomma, credo che mi leggerò anche il tuo secondo volume, dannato ciccione.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    L'inverno sta arrivando

    IL TRONO DI SPADE

    L'inverno sta arrivando...

    ...e porterà con se il grande freddo.
    Bellissimo libro, storia coinvolgente, personaggi fantastici e dai tratti veramente reali.
    Jon Snow, Arya St ...continua

    <u>IL TRONO DI SPADE </u>

    L'inverno sta arrivando...

    ...e porterà con se il grande freddo.
    Bellissimo libro, storia coinvolgente, personaggi fantastici e dai tratti veramente reali.
    Jon Snow, Arya Stark i due che risultano immediatamente i più umani e forse anche per questo i miei preferiti.
    Intrecci di vite e storie che fa sognare.

    =========================================

    <u>IL GRANDE INVERNO </u>

    L'inverno sta arrivando...

    ...ed insieme ad esso arriveranno oscurità, freddo e sangue.
    Si intrecciano ancora di più le storie dei protagonisti di questa saga: promesse, denaro, alleanze e spade che si scontrano versando sangue e elargendo morte e disperazione. Stark, Lannister, Baratheon, Tully e Targaryen; vecchi sovrani e giovani eredi che girano attorno al famoso "Trono di Spade"; chi riuscirà a sedersi sul regale scrano?
    Il freddo inverno si avvicina e con esso anche la minaccia di qualcosa di sconosciuto ed oscuro, che avanza nell'ombra e nel freddo dell'estremo Nord.

    Secondo libro della saga da leggere tutto d'un fiato e rimaner affascinati da quel che succede nel freddo Nord, le storie dei Sette Regni. Fremere nell’attesa in cui verrà rivelato il destino di ogni singolo personaggio che durante la lettura si impara ad amare o ad odiare.

    Cinque stelline meritatissime anche per il secondo capitolo della saga, riscontrati tuttavia un sacco di refusi di stampa!

    ha scritto il 

  • 5

    Premettendo che il fantasy non è il mio genere, ho trovato in quello che scrive Martin un tipo di trama nella quale la "magia" è presente ma in modo estremamente lesinato. Il che è per me molto più di ...continua

    Premettendo che il fantasy non è il mio genere, ho trovato in quello che scrive Martin un tipo di trama nella quale la "magia" è presente ma in modo estremamente lesinato. Il che è per me molto più digeribile. Quindi niente sortilegi onnipotenti, alberi parlanti, elfi e quant'altro. La magia semplicemente aleggia per tutta la storia ma non si manifesta (quasi) mai.
    L'ambientazione è medievaleggiante, mentre la geografia e il susseguirsi delle stagioni sono stati reinventati.
    Gli aspetti che mi sono maggiormente piaciuti sono: l'assenza di un protagonista assoluto (tanti personaggi, tanti punti di vista diversi, ogni personaggio ha le 'proprie' ragioni); nessun personaggio è completamente buono o completamente malvagio; la descrizione dei loro sogni.
    Ormai credo di essere dipendente da questa saga, leggerò anche gli altri libri prima di guardare la serie tv.

    ha scritto il 

  • 4

    Meglio legerlo in inglese...io l'ho utilizzato in parallelo più che altro per quei punti in cui non ero sicuro sul testo in inglese ed ho toccato con mano come la traduzione fosse, in alcuni casi, poc ...continua

    Meglio legerlo in inglese...io l'ho utilizzato in parallelo più che altro per quei punti in cui non ero sicuro sul testo in inglese ed ho toccato con mano come la traduzione fosse, in alcuni casi, poco fedele o comunque piatta rispetto alla lingua dell'autore.

    ha scritto il