Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il gioco si fa duro

Di

Editore: Delos Books (Odissea Vampiri)

4.2
(113)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 346 | Formato: Paperback

Isbn-10: 886530202X | Isbn-13: 9788865302026 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: A. Guarnieri

Genere: Romance , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il gioco si fa duro?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Sono tempi duri per Merit, la vampira appena nata. Da quando i mutaforma hanno annunciato al mondo la loro esistenza gli umani hanno iniziato a manifestare contro gli esseri sovrannaturali, e si sono accampati fuori dei cancelli della Cadogan House, brandendo cartelli di protesta che in ogni momento potrebbero tramutarsi facilmente in forconi.
Il sindaco di Chicago fa chiamare Merit e Ethan per un incontro segreto, e li informa di un presunto violento attacco da parte di vampiri che ha provocato la scomparsa di tre ragazze. Il messaggio è semplice: "Metti ordine nella tua casa. Altrimenti..."
Così Merit si ritrova nel cuore dell'oscura società sovrannaturale di Chicago,
un mondo di vampiri che sembrano pronti a far avverare le peggiori paure degli umani, e dove imparerà che non puoi essere un vampiro senza sporcarti le mani di un po' di sangue...

Ordina per
  • 5

    E non si può interrompere così

    Com'è possibile che più questa srerie và avanti e più mi piace? Questo libro introduce Tate... e poi finisce così che non puoi non sapere se è vero o no, lo so non si capisce niente ma altrimenti è spoiler. Assolutamente da leggere e da non fermarsi qui

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Che DOLORE!!!

    Non posso credere a quello che è successo ne tanto meno alle sue conseguenze, ho pianto come una bimba :(

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Il sindaco Tate convoca Merit e Ethan: in città sono scomparse tre ragazze e sembra sia colpa dei vampiri. Merit scopre che nei bar dei Casati gira il V, una droga che fa provare ai vampiri i loro istinti più vampireschi. Chi l'ha messa in giro? E come fare a sconfiggere questa piaga?


    Per ...continua

    Il sindaco Tate convoca Merit e Ethan: in città sono scomparse tre ragazze e sembra sia colpa dei vampiri. Merit scopre che nei bar dei Casati gira il V, una droga che fa provare ai vampiri i loro istinti più vampireschi. Chi l'ha messa in giro? E come fare a sconfiggere questa piaga?

    Per fortuna ho già pronto il prossimo da leggere, perché la fine mi ha fatto troppo arrabbiare! Uffiiiii!!! Ma doveva proprio finire così? Che tristezza!

    * - Puoi fuggire e continuare a fuggire fino ai confini della terra, ma io sarò sempre lì, dietro di te. - Ethan... - No. Sarò sempre lì, dietro di te. - Mi sollevò il mento, in modo che non potessi guardare che nei suoi occhi. - Fai quello che devi. Impara a essere una vampira, a essere una guerriera, a essere il soldato che sei capace di essere. Ma considera la possibilità che io abbia commesso un errore che rimpiango.. . e che continuerò a rimpiangerlo e a cercare di convincerti a darmi un'altra possibilità finché la terra non cesserà di girare. Si protese in avanti, premendomi le labbra sulla fronte, e sentii il cuore che mi si scioglieva, anche se il mio io più razionale continuava a nutrire sospetti. - Nessuno ha mai detto che amare fosse semplice, Sentinella - aggiunse.
    * L'ira divenne un conforto, perché almeno non era dolore.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    No! No! Noooooooooooooooooooooooooooo!!!!!
    Cara Chloe, ma con tutte le persone che c'erano dovevi per forza far morire quella persona lì????? io mi ci ero affezionata!! :'(
    Uff.. Un consiglio ai lettori: se arrivate a tre quarti del libro e pensate di aver risolto il mistero, non cont ...continua

    No! No! Noooooooooooooooooooooooooooo!!!!!
    Cara Chloe, ma con tutte le persone che c'erano dovevi per forza far morire quella persona lì????? io mi ci ero affezionata!! :'(
    Uff.. Un consiglio ai lettori: se arrivate a tre quarti del libro e pensate di aver risolto il mistero, non contateci. Vi attendono altri colpi di scena da lì all'ultima pagina..

    ha scritto il 

  • 5

    Il clima a Chicago si fa sempre più teso da quando gli umani sono venuti a conoscenza dell’esistenza dei mutaforma, inoltre il momento di celebrità dei vampiri è svanito e numerosi comitati anti-vampiri stanno nascendo in tutto il Paese.
    Merit, la protagonista della serie, Sentinella del Ca ...continua

    Il clima a Chicago si fa sempre più teso da quando gli umani sono venuti a conoscenza dell’esistenza dei mutaforma, inoltre il momento di celebrità dei vampiri è svanito e numerosi comitati anti-vampiri stanno nascendo in tutto il Paese.
    Merit, la protagonista della serie, Sentinella del Casato Cadogan è più impegnata che mai a risolvere i problemi e le missioni che le vengono affidate dal suo Maestro Ethan ma una nuova minaccia sta nascendo all’interno della città.
    Il sindaco Tate ha convocato Ethan e Merit nel suo ufficio e dopo aver informato i due di una testimonianza che vedeva coinvolti alcuni vampiri colpevoli di un triplice omicidio ha minacciato di arrestare il Maestro Cadogan se il problema dei rave non fosse stato definitivamente eliminato.
    Un altro problema si affaccia però sul Casato di Chicago: Darius membro del PG è arrivato dalla lontana Inghilterra per controllare l'operato dei Casati americani e, in particolare, di Cadogan.
    Ethan non può indagare liberamente sulla nuova droga che circola tra i vampiri che provoca reazioni violente e desiderio animale a chi la assume e Tate gli sta col fiato sul collo; Merit decide di indagare per conto suo (con il consenso di Ethan) accompagnata in questa indagine da Noah , capo delle guardie del casato Grey. Nuovi nemici attentano alla pace dei vampiri e la coraggiosa sentinella Cadogan è pronta a rischiare la vita per difendere il suo Maestro, il suo Casato e la sua città.

    Questo romanzo è pieno di colpi di scena: si scoprirà la verità sulla trasformazione di Merit, che però passa un po' in secondo piano a causa del finale col botto ( e con le lacrime) che ha lasciato me -e tutti quelli che hanno letto questo romanzo- a bocca aperta.
    Non vi dico nulla ma posso solo dirvi che per fortuna io avevo già il quinto romanzo della serie sul comodino (iniziato subito dopo aver finito questo): non avrei mai potuto aspettare il tempo di una nuova pubblicazione (per quanto la Delos sia veloce), avrei iniziato a soffrire di isteria dovuta a questa serie e probabilmente sarei andata a leggere le recensioni americane (chiaramente più avanti di noi nella serie) spoilerandomi tutta la trama!

    La Neill non si smentisce di certo con questo nuovo capitolo della serie, leggerla è un piacere e la trama non diventa mai banale e scontata. I personaggi acquistano nuove caratteristiche psicologiche e ci coinvolgono maggiormente nella lettura. Chicago è magnifica come sempre e sto seriamente pensando di andare a farci un giretto! non si mai che incontro Ethan, Luc, Noah, Catcher, Jeff e tutti gli altri macho man della serie!!

    Inutile rinnovare il mio amore per la saga e il mio invito a leggerla!

    ha scritto il 

  • 5

    Quarto libro della serie The ChicagoLand Vampire e prova di maturità per Chloe Neill.
    Il precedente capitolo del libro si era concluso con alcune rivelazioni importanti: una profezia fatta da Gabriel Keene, un incendio che ha danneggiato seriamente la sede del Casato Cadogan e una palla da ...continua

    Quarto libro della serie The ChicagoLand Vampire e prova di maturità per Chloe Neill.
    Il precedente capitolo del libro si era concluso con alcune rivelazioni importanti: una profezia fatta da Gabriel Keene, un incendio che ha danneggiato seriamente la sede del Casato Cadogan e una palla da baseball. I Mutaforma usciti allo scoperto in quel mondo mediatico che ormai è Chicago sanno però mantenere le distanze da quella popolarità, positiva e negativa, che sembra non voler abbandonare i vampiri.
    Il gioco si fa duro inizia con l’impegnativo lavoro di ricostruzione del Casato, vittima dell’attentato causato da alcuni Mutaforma nel precedente romanzo. Inoltre, alcuni umani rinsaviscono, capendo che i vampiri non sono così buoni come possono apparire.
    Ci saranno complotti e sotterfugi che lasceranno a bocca aperta il lettore e che concludono il libro con un finale che non ti aspetti, ma che sicuramente porterà ad una crescita, elevando in questo modo la serie. Non vi nascondo che questo libro sarà molto utile ai fini della storia, portando tante risposte e alcuni nuovi interrogativi. Finalmente scopriremo come è possibile che Merit si sia trasformata in vampiro quando in realtà doveva essere la vittima dell’omicidio di Celina.
    Ma il punto centrale di questo romanzo è la nuova droga per i vampiri: cosa voglia dire la V che Merit trova incisa sulle pillole e perché la droga venga trovata nei bar dei Casati Cadogan e Green resta un mistero.
    Avremo modo di approfondire la conoscenza di Jonah, secondo di Scott Green e membro della Guardia Rossa. Inoltre, in questo romanzo conosceremo anche la terza dimora dei vampiri facenti parte dell’ultimo casato di Chicago, ovvero la casa Grey, casato che ha dimostrato sin da subito le sue differenze: mentre i casati Cadogan e Navarre hanno un ciondolo per mostrare la propria appartenenza ad esso, quello Grey ha una maglia da Hockey. Sicuramente un Casato che ama lo sport e divertirsi sopra ogni cosa, a differenza della nobiltà dei Navarre e della politica di Ethan.
    Ma non può mancare il cattivo di turno, questa volta interpretato da Darius, il capo del Presidio di Greenwich, che farà una visita a sorpresa a Chicago per controllare la situazione dei vampiri e per celare agli occhi degli umani alcuni problemi. Non sarà il solo cattivo presente nella storia, anzi, questo è il primo romanzo della serie con molti antagonisti (addirittura tre), ma di sicuro è quello che spicca tra gli altri, soprattutto per i suoi modi.
    Il libro è scorrevole, ben scritto ed il finale merita di essere letto. Assolutamente consigliato.
    Ps: Se siete curiosi potete dare un’occhiata al casato Cadogan tramite il sito internet.
    Cadogan House

    http://sognandoleggendo.net/blog/?p=8342

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Ho appena finito 'Il gioco si fa duro', e sono realmente scossa.
    Sapevo già come sarebbe finito questo quarto capitolo di questa stupenda saga... ma leggerlo...è stato davvero 'emozionante', nel bene e nel male è stato davvero un bel libro!! A dire il vero all'inizio pensavo che fosse un po ...continua

    Ho appena finito 'Il gioco si fa duro', e sono realmente scossa.
    Sapevo già come sarebbe finito questo quarto capitolo di questa stupenda saga... ma leggerlo...è stato davvero 'emozionante', nel bene e nel male è stato davvero un bel libro!! A dire il vero all'inizio pensavo che fosse un po' lento... ero preoccupata che lo stile fosse cambiato, o che magari lo ricordassi più bello di quanto in realtà non fosse... ma penso che sia stato così solo perché all'inizio non succede granché, e i rapporti tra Ethan e Merit sono abbastanza 'tranquilli'... ma non appena la situazione si è fatta più mossa ho riscoperto le emozioni che questo libro mi suscitava: eccitazione, sorpresa, curiosità, a volte anche rabbia, e tristezza, infinita tristezza nell'ultimo capitolo del libro.
    La storia ricomincia dopo qualche mese dall'attacco al Casato Cadogan da parte di umani e mutaforme: la città è in subbuglio. La scoperta di un'altra categoria di persone magiche ha messo in allerta tutta la città, dividendola in due parti di una mela: ci sono quelli che vogliono cacciare i vampiri dalla città e quelli che invece ne sono indifferenti o che li trovano affascinanti. I mutaforme, dal conto loro, si tengono lontano da pettegolezzi e dal centro dell'attenzione, ed è ciò che vorrebbero fare anche i nostri protagonisti, se nonché il sindaco Tate convoca Merit e Ethan per discutere di un rave avvenuto precedentemente e che si era concluso in maniera alquanto brutale verso tre ragazze. Merit si trova così a dover risolvere il nuovo problema della città: i rave. Ma ovviamente nessun male vien da solo, per cui, ben presto la nostra bella Sentinella si ritroverà cacciata in guai ancora più grossi: tra umani che le vogliono far la pelle, rave vampirici che sfociano i vere e proprie risse, una droga misteriosa che rende irascibili i 'denti aguzzi', il ritorno di Celina in città, un mandato d'arresto che pende sulla testa di Ethan, e l'arrivo del capo del Presidio di Greenwich, Darius... Merit si troverà a dover affrontare nuove sfide con l'aiuto di un nuovo personaggio (a mio avviso davvero simpatico) Jonah, secondo del Casato Grey, compagno affibbiatole da Noah in caso lei fosse entrata a far parte della Guardia Rossa.
    Ma nel bel mezzo del macello non mancano le scene romantiche e davvero bellissime tra Ethan e Merit, che sono per me fonte di sorrisi e occhi a cuoricino! Dopo l'ultima pagina del terzo libro in cui Ethan si dimostra pronto a riconquistarla, non c'è un attimo in cui non metta a punto i suoi sforzi corteggiandola in modo dolce e appassionato. E quando il loro rapporto sembra risorgere più forte di prima, il cuore di Merit viene nuovamente lacerato. Il sindaco Tate afferma cheil padre di Merit abbia pagato Ethan per far di lei una vampira. Che sia vera questa storia? E se non lo è, perché Ethan si trovata nel campus la notte che lei è stata attaccata? E perché è stata drogata durante la trasformazione, che fosse per i sensi di colpa di Ethan per non averle chiesto il permesso o per qualcosa di più grave?
    C'è solo una persona che può dirle la verità.
    E non è Ethan, ex amante... ed ex Signore del Casato Cadogan.

    ♥ ♥ ♥

    ''- Sentinella. La sua voce aveva un tono di gentile rimprovero, però io mi attenni al mio piano.- Sì, Signore?- Ostinati pure, se lo desideri, se ne hai bisogno, ma sappiamo entrambi come finirà tutto questo.- Finirà come sempre... con il tuo essere il Maestro e il mio essere la Sentinella - ribattei, badando a rimanere impassibile.''

    ''Lui non si lasciò dissuadere, e mi accarezzò con un pollice la linea della mascella.
    - Puoi fuggire e continuare a fuggire fino ai confini della terra, ma io sarò sempre lì, dietro di te.
    - Ethan...
    - No. Sarò sempre lì, dietro di te.
    Mi sollevò il mento, in modo che non potessi guardare che nei suoi occhi.
    - Fai quello che devi. Impara a essere una vampira, a essere una guerriera, a essere il soldato che sei capace di essere. Ma considera la possibilità che io abbia commesso un errore che rimpiango.. . e che continuerò a rimpiangerlo e a cercare di convincerti a darmi un'altra possibilità finché la terra non cesserà di girare.
    Si protese in avanti, premendomi le labbra sulla fronte, e sentii il cuore che mi si scioglieva, anche se il mio io più razionale continuava a nutrire sospetti.
    - Nessuno ha mai detto che amare fosse semplice, Sentinella - aggiunse.''

    ''Mi guardò con occhi pieni di preoccupazione. Dio, quanto detestavo vedere quella preoccupazione, così come detestavo quello che avevo fatto per crearla. Quindi mi avvicinai, ignorando i consigli della razionalità. Mi insinuai fra lui e la scrivania, e quando si protese in avanti, appoggiandomi la fronte all'addome, passai le dita fra i folti e setosi capelli dorati.
    - Starò attenta.
    Con un verso inarticolato, Ethan mi passò le mani intorno alla vita e io continuai a muovergli le dita fra i capelli... lo stesso gesto, ripetuto più e più volte... facendogli poi scorrere le punte lungo la schiena. Gradualmente, sentii la tensione che gli abbandonava le spalle. Quando risollevò lo sguardo, gli occhi erano due polle di fuoco verde.
    - Sembri ubriaco - sorrisi. - Mi sento... rilassato.
    Non fidandomi di riuscire a non superare più confini di quanti ne avessi già infranti, mi liberai dalle sue mani e indietreggiai, aggirando la scrivania e sedendomi dall'altro lato. Nel riportare lo sguardo su di lui, mi aspettai di scorgere irritazione nei suoi occhi, ma Ethan mi sorprese per la seconda volta, elargendomi un sorriso sincero, umile, dolce.
    Sto migliorando un poco? - chiese. - Sto imparando a corteggiarti nel modo in cui dovresti essere corteggiata? [...tutto il corteggiamento...] - Ti avrò di nuovo nel mio letto, Sentinella, e al mio fianco. E una promessa. [...corteggiamento...]''

    ''E per cosa starebbe "DANGER", esattamente? - ribattei, lanciandole un'occhiata interrogativa.
    Uhm... - Lindsey fissò il soffitto mentre metteva insieme una risposta. - Dedite, ansiose novizie giudiziosamente esaminano il rischio"? O magari "drogarsi ahimé non garantisce evasione, riflettici"?''

    ''Ethan venne ad aprire con espressione tesa e stanca. - Stavo per andare a letto. Hai bisogno di qualcosa?
    Mi ci vollero alcuni secondi per riuscire a parlare, per trovare il coraggio di formulare la domanda. - Posso restare con te?
    - Puoi restare con me? - ripetè, chiaramente stupefatto.
    - Per stanotte. Niente di fisico, solo...
    - Solo? - Ethan infilò le mani nelle tasche.
    Lo guardai e lasciai che la paura, la frustrazione e la stanchezza mi trasparissero dallo sguardo. Ero troppo stanca per discutere, per curarmi di cosa quella richiesta avrebbe potuto significare l'indomani. Troppo sfinita per lottare contro il PG e contro di lui. Avevo bisogno di compagnia e di affetto, di fidarmi e che in cambio ci si fidasse di me. E avevo bisogno di tutto questo da lui.
    - Entra, Merit. Obbedii e lui chiuse la porta, poi spense la luce, il chiarore delle lampade sui comodini che giungeva dalla camera da letto. Senza un'altra parola, mi posò le mani sulle braccia e mi premette le labbra sulla fronte. - Se "solo" è tutto quello che mi puoi dare adesso, allora "solo" è quello che faremo. Chiusi gli occhi, lo circondai con le braccia e lasciai scorrere le lacrime.''

    ha scritto il