Il giorno della civetta

Voto medio di 8.811
| 706 contributi totali di cui 604 recensioni , 100 citazioni , 0 immagini , 2 note , 0 video
Sicilia, 1961. L'ufficiale dei Carabinieri Bellodi, parmense ed ex partigiano, in servizio in un piccolo paese, si trova ad indagare sull'omicidio di Salvatore Colasberna, un impresario edile, ucciso per essersi rifiutato di lasciare un appalto ad ... Continua
Ha scritto il 10/09/17
Il giorno della civetta è uno dei romanzi più famosi di Leonardo Sciascia. Scritto nel 1961, il libro è una denuncia contro lo strapotere della mafia in Sicilia, terra natale dello scrittore. La storia si svolge nel 1960 e narra dell' assasinio ..." Continua...
Ha scritto il 26/07/17
E' incredibile come un grande scrittore sia capace, con un romanzo così piccolo, di portare alla luce un problema così immenso come la mafia e la criminalità organizzata in generale. In un'opera così minuta, Sciascia è riuscito a descrivere ..." Continua...
Ha scritto il 16/07/17
Un classico della letteratura italiana purtroppo ancora attuale.
Ha scritto il 13/07/17
Questo libro può suscitare una duplice reazione: perdita di fiducia o speranza.Ad oggi poco sembra essere cambiato, forse c'è solo più consapevolezza del fenomeno "mafia", forse qualche voce in più rispetto al passato tenta disperatamente di ..." Continua...
Ha scritto il 08/06/17
E’ necessario collocare questo romanzo nel momento storico e politico della sua pubblicazione (oltre mezzo secolo fa) per valutarne appieno l’impegno e la forza, l’anticonformismo e il coraggio. Oggi, dopo decenni di piovre e similari, talune ..." Continua...
  • 7 mi piace
  • 3 commenti

Ha scritto il Jul 26, 2017, 07:53
Perché in Italia, si sa, non si può scherzare né coi santi né coi fanti: e figuriamoci se, invece, che scherzare, si vuol fare sul serio. Gli Stati Uniti possono avere, nella narrativa e nei films, generali imbecilli, giudici corrotti e ... Continua...
Ha scritto il Jul 09, 2017, 13:33
"Per lei, vedo, la bellezza non ha niente a che fare con la verità."
"La verità è nel fondo di un pozzo: lei guarda in un pozzo e vede il sole o la luna; ma se si butta giù non c'è più né sole né luna, c'è la verità.
Pag. 118
Ha scritto il Jul 09, 2017, 13:33
Al di là della morale e della legge, al di là della pietà, era una massa irredenta di energia umana, una massa di solitudine, una cieca e tragica volontà: e come un cieco ricostruisce nella mente, oscuro ed informe, il mondo degli oggetti, così ... Continua...
Pag. 116
  • 1 mi piace
Ha scritto il Dec 14, 2016, 14:35
La verità è nel fondo di un pozzo: lei guarda in un pozzo e vede il sole o la luna; ma se si butta giù non c’è più né sole né luna, c’è la verità.
Ha scritto il Dec 30, 2015, 22:10
Non credere che uno è cornuto perché le corna gliele mettono in testa le donne, o si fa prete perché a un certo punto gli viene la vocazione: CI SI NASCE. [....]..il popolo..il popolo cornuto era e cornuto resta: la differenza è che il fascismo ... Continua...

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Jul 14, 2016, 15:46
853.914
SCI 553
Letteratura Italiana
Ha scritto il Dec 04, 2015, 13:12
Collocazione: NR 200 ( 5 copie )

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi