Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il giovane Holden

Di

Editore: Giulio Einaudi Editore

4.0
(25041)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 252 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Giapponese , Portoghese , Chi semplificata , Catalano , Francese , Russo , Finlandese , Olandese , Svedese , Galego , Turco , Polacco , Ceco , Rumeno , Greco , Basco , Ungherese

Isbn-10: A000070756 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Adriana Monti

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Ti piace Il giovane Holden?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Non racconta una storia ma una persona.

    "Il giovane Holden" è un libro che non racconta una storia ma una persona; alcune parti sono così realistiche, così sincere, che mi hanno fatto pensare a delle note autobiografiche dell'autore.
    In lin ...continua

    "Il giovane Holden" è un libro che non racconta una storia ma una persona; alcune parti sono così realistiche, così sincere, che mi hanno fatto pensare a delle note autobiografiche dell'autore.
    In linea generale Holden non suscita una grande simpatia anche se, personalmente, l'ho trovato un personaggio indimenticabile. Durante la lettura mi sono "affezionato" a questo ragazzino magro con i capelli grigi che se ne va in giro a far finta di essere più grande.
    Holden ha chiari e scuri e spesso non è all'altezza delle sue stesse aspettative... proprio come la maggior parte delle persone reali.
    Consiglio "Il giovane Holden" a chi è stato un adolescente problematico e a chi ha voglia di leggere un classico che non si dimentica.

    Recensione completa: http://www.mr-loto.it/recensioni/il-giovane-holden.html

    ha scritto il 

  • 3

    Tre stelle per essere riuscito a conquistare un posto d'onore nella storia della letteratura occidentale ma che noia Holden Caulfield!!

    Depresso
    paranoico
    vigliacco
    triste
    snob che odia gli snob
    adole ...continua

    Tre stelle per essere riuscito a conquistare un posto d'onore nella storia della letteratura occidentale ma che noia Holden Caulfield!!

    Depresso
    paranoico
    vigliacco
    triste
    snob che odia gli snob
    adolescente che odia gli adulti ed intanto li scimmiotta...

    "Ma perchè romanzo di formazione?" mi sono chiesta durante tutta la lettura. Qui non succede proprio nulla, Non c'è evoluzione, conquista del mondo adulto ma è la storia di un vero e proprio fallimento della crescita. Se Holden avesse fatto qualche giorno a lavorare nei campi forse sarebbe cresciuto di più...

    Comunque, riconosco che sia un romanzo culto per una generazione ma non è la mia!!

    ha scritto il 

  • 5

    Ho atteso tanto questa nuova traduzione di uno dei miei libri preferiti, al punto che sono corsa a comprarla il giorno stesso in cui è uscita in libreria, il 10 giugno 2014.
    Eppure ci ho messo un anno ...continua

    Ho atteso tanto questa nuova traduzione di uno dei miei libri preferiti, al punto che sono corsa a comprarla il giorno stesso in cui è uscita in libreria, il 10 giugno 2014.
    Eppure ci ho messo un anno prima di trovare il coraggio di leggerla. Non che avessi dubbi sulla bravura di Matteo Colombo, ma le aspettative erano tante.
    Ho faticato a cominciare. E questo mi ha spaventato un po', sono sincera.
    Ma era perché non lo riconoscevo.
    Ed è stato un bene. È stato come rileggerlo per la prima volta.
    L'Holden di Adriana Motti, con tutti quei meravigliosi vattelappesca, resterà sempre il libro con cui sono cresciuta, ma Matteo Colombo ci ha regalato un Holden nuovo e fresco, che risulterà senz'altro più congeniale e più realistico per le nuove generazioni.

    ha scritto il 

  • 5

    The Catcher in the Rye

    Romanzo del 1951, non si direbbe. A più di 60 anni dalla sua pubblicazione The Catcher in the Rye resta un romanzo attuale, di uno stile appassionante e originale, che mantiene sempre una certa legger ...continua

    Romanzo del 1951, non si direbbe. A più di 60 anni dalla sua pubblicazione The Catcher in the Rye resta un romanzo attuale, di uno stile appassionante e originale, che mantiene sempre una certa leggerezza. Ciò che (a parer mio) rende unico il romanzo è la capacità dell'autore di descrivere con tanta chiarezza la sensibilità dell'adolescente protagonista del romanzo, che a tratti è superficiale, quasi banale, ed altri sorprendentemente profonda e complessa.
    Consiglierei il libro a coloro che hanno passato l'adolescenza per essere in grado di apprezzarlo e comprenderlo completamente, in quanto i temi trattati da Salinger in questo libro vanno ben oltre la semplice descrizione delle paure o delle inquietudini da cui tutti siamo afflitti durante questa fase.
    In conclusione è un capolavoro che merita di essere letto almeno una volta nella vita.

    ha scritto il 

  • 2

    Il romanzo non è che la descrizione di un'adolescenza. Il protagonista/narratore è un giovane il quale manifesta fin da subito un disagio verso la società. La narrazione è composta principalmente da a ...continua

    Il romanzo non è che la descrizione di un'adolescenza. Il protagonista/narratore è un giovane il quale manifesta fin da subito un disagio verso la società. La narrazione è composta principalmente da alcuni spezzoni della sua vita che racchiudono un turbinio di sentimenti ed emozioni, il tutto contornato da "piccole ventate di cinismo". Il piccolo Holden non si vuole omologare, non vuole rendersi conforme, non sa dove andare e cosa fare. Inizialmente mi sono sentita vicino a lui, poi ho dovuto ricredermi. Arrivi a un punto della lettura in cui ti accorgi che manca un evoluzione di pensiero. Le sue vicende proseguono, ma lascia indietro il protagonista come se fosse rimasto al primo capitolo. Holden non è stato in grado di fare luce sul buio. A tratti possiamo considerarlo coerente in quanto adolescenza non è certo sinonimo di chiarezza, ma i suoi pensieri rimangono sospesi come un cerchio che non vuole chiudersi. Non ha soddisfatto le mie aspettative, il libro è costellato da punti interrogativi di cui nemmeno uno si è trasformato in punto fermo.

    ha scritto il 

  • 1

    Forse

    Forse perchè Salinger è stato il primo a cimentarsi così a fondo nell'inquietudine di questa delicata età,forse per questo l'abbiamo eretto a libro-formazione,fondamentale da leggere per farsi una cul ...continua

    Forse perchè Salinger è stato il primo a cimentarsi così a fondo nell'inquietudine di questa delicata età,forse per questo l'abbiamo eretto a libro-formazione,fondamentale da leggere per farsi una cultura. Eppure non mi sono sentita arricchita una volta finito. Rabbia, solo rabbia m'ha lasciato.

    ha scritto il 

  • 4

    Il male di vivere

    È questo che il libro ti trasmette: il malessere adolescenziale di Holden. Il suo disagio ti si pianta addosso per tutte le pagine anche in età adulta, anche quando quella rabbia, quell'odio improvvis ...continua

    È questo che il libro ti trasmette: il malessere adolescenziale di Holden. Il suo disagio ti si pianta addosso per tutte le pagine anche in età adulta, anche quando quella rabbia, quell'odio improvviso e quel costante sentirsi fuori posto non li comprendi sempre o, più semplicemente, non te ne ricordi.

    ha scritto il 

  • 4

    Eh niente, non leggevo le gesta di Holden da un sacco di anni e ne avevo un ricordo un po' sfocato. Mi ha fatto bene rileggerlo in età un po' più matura, ho empatizzato maggiormente con le sue fragili ...continua

    Eh niente, non leggevo le gesta di Holden da un sacco di anni e ne avevo un ricordo un po' sfocato. Mi ha fatto bene rileggerlo in età un po' più matura, ho empatizzato maggiormente con le sue fragilità, me lo ricordavo sbruffoncello e invece mi ha lasciata secca.

    ha scritto il 

  • 5

    Sorprendente ed ancora attuale

    Non so se mi ha sorpreso di più, rileggendo questo libro, il fatto di trovarlo molto più bello di quanto mi ricordassi oppure quello di identificarmi con il protagonista più oggi di quando avessi la s ...continua

    Non so se mi ha sorpreso di più, rileggendo questo libro, il fatto di trovarlo molto più bello di quanto mi ricordassi oppure quello di identificarmi con il protagonista più oggi di quando avessi la sua età.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per