Il giovane Holden

La biblioteca di Repubblica - Novecento, 103

Di

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso

4.0
(25446)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 238 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Giapponese , Portoghese , Chi semplificata , Catalano , Francese , Russo , Finlandese , Olandese , Svedese , Galego , Turco , Polacco , Ceco , Rumeno , Greco , Basco , Ungherese

Isbn-10: 8496075087 | Isbn-13: 9788496075085 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Adriana Motti

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Paperback , Copertina morbida e spillati

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Adolescenti

Ti piace Il giovane Holden?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 1

    Forse i miei 19 anni sono troppo pochi per apprezzare quello che da molti viene definito un "capolavoro". La lettura di questo libro mi ha annoiato a morte, niente da fare. Dalle recensioni mi sembra ...continua

    Forse i miei 19 anni sono troppo pochi per apprezzare quello che da molti viene definito un "capolavoro". La lettura di questo libro mi ha annoiato a morte, niente da fare. Dalle recensioni mi sembra di capire che rileggerlo fra una ventina d'anni potrebbe farmi cambiare idea. Beh, staremo a vedere!

    ha scritto il 

  • 0

    Il romanzo che non ho riletto

    La prima volta che ho letto "Il giovane Holden" avevo 16 anni. Eravamo praticamente coetanei. L'ultima volta che ho letto "Il giovane Holden" andavo all'università.
    Questa volta non ho riletto quel gi ...continua

    La prima volta che ho letto "Il giovane Holden" avevo 16 anni. Eravamo praticamente coetanei. L'ultima volta che ho letto "Il giovane Holden" andavo all'università.
    Questa volta non ho riletto quel giovane Holden, ma un altro romanzo che, guarda caso, porta lo stesso titolo. E non è una questione di traduzione, per quanto sia affezionata alla prima e a tutti i "e via dicendo" e "tu sei un principe" e stantuffamenti e vattelapesca (appunto).
    Io sono diversa e per questo il giovane Holden è diverso. La storia è la stessa, il registro identico, il gergo simile, ma io sono passata ufficialmente dalla parte del nemico. Anche se continuo a immedesimarmi e ancora mi chiedo dove vadano a finire le anatre quando il laghetto gela - e i pesci? - , io non sono più qula là. In una settimana abbondante ho letto due romanzi diversi.
    Grazie, acchiappatore.

    ha scritto il 

  • 4

    Mi sento di perdonare i traduttori che hanno partorito "Il giovane Holden" come titolo italiano, perché effettivamente quello inglese è pressoché intraducibile. In ogni caso avevo già letto questo rom ...continua

    Mi sento di perdonare i traduttori che hanno partorito "Il giovane Holden" come titolo italiano, perché effettivamente quello inglese è pressoché intraducibile. In ogni caso avevo già letto questo romanzo a 15 anni: ERRORE GRAVISSIMO! Non capisco perché nelle scuole venga consigliato a ragazzi così giovani, ma posso dire con sicurezza che il libro andrebbe letto ad un'età più matura, perché sotto tutte le storielle e i pensieri del protagonista (a prima vista superflui e superficiali) ci sono tanti significati nascosti e riflessioni profonde sull'esistenza umana.
    Consiglio vivamente a tutti di rileggere questo bestseller di Salinger :)

    ha scritto il 

  • 4

    [DISCLAIMER] Questo commento nasce da un'esigenza ironica e non vuole screditare né il libro né l'autore né gli altri lettori [/DISCLAIMER]

    La storia di un tizio e delle volte che dice "vattelapesca". ...continua

    [DISCLAIMER] Questo commento nasce da un'esigenza ironica e non vuole screditare né il libro né l'autore né gli altri lettori [/DISCLAIMER]

    La storia di un tizio e delle volte che dice "vattelapesca".

    ha scritto il 

  • 5

    ENNESIMA RILETTURA

    A distanza di parecchi anni il libro si conferma un capolavoro. Personaggio indimenticabile, bellissime divagazioni mentali frutto di una iper sensibilità di un ragazzo stritolato dalla crescita e dal ...continua

    A distanza di parecchi anni il libro si conferma un capolavoro. Personaggio indimenticabile, bellissime divagazioni mentali frutto di una iper sensibilità di un ragazzo stritolato dalla crescita e dal conformismo americano anni '50. Ho trovato più malinconico e "fasullo" il finale rispetto ad anni fa, dove il protagonista "va in cura". Mi ha fatto sorgere il dubbio su quanto sia farina dell'autore o magari imposto per ragioni editoriali (il personaggio poteva apparire troppo sovversivo e avverso al "modello" americano?).

    ha scritto il 

  • 4

    il giovane Holden

    Libro regalatomi quasi un anno fa.
    Libro riposto nel penultimo piano della libreria.
    Copertina bianca.
    Titolo.
    Autore.
    Casa editrice.
    Nient’alto.
    Queste caratteristiche mi irritano.
    Mi infastidisce no ...continua

    Libro regalatomi quasi un anno fa.
    Libro riposto nel penultimo piano della libreria.
    Copertina bianca.
    Titolo.
    Autore.
    Casa editrice.
    Nient’alto.
    Queste caratteristiche mi irritano.
    Mi infastidisce non avere neanche un accenno alla trame né all’autore.
    Mi infastidisce quella copertina bianca che spicca sulle altre con insistenza.
    Mi attrae.
    Ma non è il momento di iniziare a leggerlo, ma quel libro mi chiama e finalmente cedo.
    Si, alla fine si: mi è piaciuto.

    Le vicende vengono narrate in prima persona dal giovane Holden Caufield e si verificano in un fine settimana poco prima del Natale del 1949.
    Il racconto ha inizio in una cittadina della Pennsylvania, dove Holden frequenta il Pencey College che successivamente deciderà di abbandonare, dopo aver ricevuto la notizia della sua espulsione, e di tornare a New York.
    Da questo punto la narrazione si trasferisce nell’area metropolitana di Manhattan.

    Holden, ragazzo sedicenne, viene riconosciuto come simbolo di ribellione e di angoscia adolescenziale fra il desiderio di diventare adulto e quello di difendere l’innocenza dell’infanzia.
    Bugiardo patologico ed istintivo rivela più volte durante il racconto di odiare fortemente le menzogne e (soprattutto) gli ipocriti fatto che lo spinge a non amare il teatro, il cinema e tutto quello che ne consegue.
    Per la sua età dimostra di avere un spiccato senso critico che lo porta a compiere dei ragionamenti molto profondi anche se più volte si riferisce a sé stesso come stupido.
    Il carattere di Holden è molto anticonformista, non gli piacciono gli schemi, le rigidità, come appare in questo dialogo con sua sorella Phoboe:
    "A te non piace niente di quello che succede" Quando disse così mi fece sentire ancora più depresso.
    "Ma sì che mi piace! Sì che mi piace! Naturale che mi piace. Non dire così. Perché diavolo dici così?"
    "Perché non ti piace. Non ti piace la scuola. Non ti piacciono un milione di cose. Non ti piace."
    Holden in quei giorni si sentiva molto depresso e inutile, voleva scappare, ma ritornò felice e tranquillo vedendo sua sorella andare sulla giostra e divertirsi.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per